RONDA DEL SASPLAT-SASLONCH

Premessa :
per seguire questo itinerario, chi non utilizza il GPS può utilizzare la carta topografica Tabacco foglio 05 (Val Gardena – Alpe di Siusi).

Tips:
Aspettatevi un itinerario tosto, mitico, dove ci si dimentica dell’asfalto (un paio di km in tutto) e dove troverete salite e discese impegnative.
Fatelo possibilmente in periodi fuori stagione : i single track più belli sono anche quelli più frequentati dalla gente a piedi.
Visto che io ci sono riuscito, è possibile effettuarlo anche con una front ma è molto meglio se si utilizza una full.
Non fate come me che sono partito cosciente che le pastiglie freno erano ormai al limite.
Controllate la bici prima di partire ed in particolar modo i freni.

Descrizione sintetica:
Partenza da Campestrin (Val di Fassa) da dove prendo subito la pista ciclabile sterrata che corre parallela al Torrente Avisio , direzione Canazei.
Il tempo di scaldarsi e raggiungo la stazione a valle della Funivia Col Rodella a Campitello di Fassa.
Imbocco la sterrata della Val Duron (sent 532-578) e salgo su fino al passo di Duron (2168 m).
Qui giro a destra sul single track della Palacia (sent 4-594) fino a raggiungere il Rif.Sassopiatto (2300 m).
Scendo per poche decine di metri sul sentiero 9 per svoltare poi a destra sul sentiero 527.
Percorro il 527 per circa 3 km per svoltare a sinistra su una traccia molto ripida (poco più di 5 min a piedi) che conduce a dei prati molto belli (Plan de Cunfin).
Proseguo per il sentiero Santner 525 quindi il sentiero 30 ed il sentiero 528 fino al Rif. Comici.
Da qui proseguo sul sentiero 526 verso la Città dei Sassi; arrivato ad una biforcazione scelgo la traccia che va a destra (non segnata sulla mappa), fino a raggiungere il Rif. Passo Sella.
Proseguo verso il Rif.Valentini e quindi verso il Rif. Salei (sent. 4-557) e poi svolto a sinistra puntando su Col Rodella, verso il Rif. Des Alpes (sent. 529).
Scendo quindi sul sentiero 30 fino a soto il pilone della funivia Col Rodella da dove parte il sentiero Troi Ladins quindi proseguo sul 530 fino a Canazei.
Attraverso la strada principale e proseguo seguendo le ciclabili parallele al Torente Avisio fino a tornare a Campestrin.

Gioie e dolori:
Per descrivere emozioni e fatiche il giro lo dividerei in sei subtrack:

VAL DURON
DISLIVELLO 743M
LUNGHEZZA 9.1KM
PENDENZA MAX 22.3%
PENDENZA MEDIA 8.2%
FINO AL MICHELUZZI PENDENZA MEDIA 12.7%
E’ una signora salita, su sterrata larga con fondo quasi sempre buono, molto difficile ma interamente ciclabile (io almeno l’ho fatta tutta in sella) dopo un tratto di bosco si apre un’ampia vallata verde, un panorama da sogno.
Inizio infernale, si tocca lo sterrato subito su una rampa dritta e ripida, fortunatamente breve.
Poi è un susseguirsi di tratti più o meno ripidi fino al Rif.Micheluzzi da dove inizia un tratto di respiro abbastanza lungo.
L’ultimo chilometro e mezzo è malefico, riserva tratti ripidi con diverse insidie … provare per credere.


LA PALACIA
DISLIVELLO 185M
LUNGHEZZA 4.3KM
PENDENZA MAX 14.5%
PENDENZA MEDIA 3.1%
Un tratto spettacolare di single track sulla costa del monte, da dove si può ammirare prima il panorama sulla val Duron, poi sulla val di Fassa ed anche ampie vedute sulla deliziosa verdissima Alpe di Siusi : questo sentiero è una specie di piccolo Viel Del Pan .
La strada sale ancora ma meno ripida e consente di recuperare lo sforzo della salita precedente.
Seppure per pochissimi metri, bisogna scendere di sella almeno nove volte a causa di uno strappetto insidioso con delle rocce affioranti e di otto cancelli che delimitano i pascoli di altura.
Poi si arriva al rifugio Sassopiatto.

SENT.528-RIF. COMICI
DISLIVELLO 400M
LUNGHEZZA 3.3KM
PENDENZA MAX 22.5%
PENDENZA MEDIA 12.7%
Anche se il nome del rifugio richiama in un certo senso qualcosa di gioioso, qui non c'è tanto da scherzare.
Questa salita è un qualcosa che rimane impresso …purtroppo però anche nelle gambe.
La soddisfazione finale è quella di resistere in sella fino al rifugio... è un qualcosa che ti rigenera.
Il fondo è sempre buono ma per arrivare bene lassù al Comici bisogna aver dosato bene gli sforzi in Val Duron.
Dopo aver superato un cancello di legno che delimita il pascolo (unico punto della salita dove bisogna per forza scendere dalla bici) consiglio di salire per le rampe della pista da sci, è più facile.
Qui sinceramente non ho avuto tanto tempo per accorgermi del paesaggio, lo sforzo era notevole.
Però si corre sotto le pareti verticali del Sassolungo, bello ed impressionante.

SENT.527
DISLIVELLO -355M
LUNGHEZZA 5.8KM
PENDENZA MAX -31.2%
PENDENZA MEDIA -10.7%
Entusiasmante !!!
Il rammarico è quello di averlo fatto con una front ma pazienza, c'è crisi nelle mie tasche e per me adesso non è il momento di impegnarmi all'acquisto di una full.
Il single track in discesa è bellissimo, stretto, tecnico al punto giusto e con un panorama speciale sull'Alpe di Siusi.
Sono sceso dalla bici due volte per superare due cancelli di legno, altre due volte per superare due brevissimi tratti molto pietrosi ed un ultima volta nel sentiero che conduce ai prati del Plan de Cunfin.... quel tratto penso metterebbe in difficoltà anche il Brumotti.


RIF SALEI-RIF DES ALPES
DISLIVELLO 160M
LUNGHEZZA 1.1KM
PENDENZA MAX 17.8%
PENDENZA MEDIA 14.4%
E' un tratto corto con poco dislivello, il fondo sterrato è ottimo, ma …occhio alla pendenza media!
Credetemi, arrivati qui, dopo le salite già fatte, la vista delle rampe da percorrere prima di arrivare al Des Alpes vi farà male.
Sarà mitigata però dai panorami anche qui indimenticabili.


RIF DES ALPES-CANAZEI (SENT 530)
DISLIVELLO -878M
LUNGHEZZA 4.9KM
PENDENZA MAX -32.4%
PENDENZA MEDIA -18.5%
Finalmente il discesone finale ma …non pensate di rilassarvi.
Qui ho tirato al limite la mia povera MTB, soprattutto l'ammortizzatore e peggio i freni.
Devo dire che gli Avid avranno le loro pecche ma non mi hanno tradito un attimo... qui gli ho collaudati nella peggiore delle situazioni, lunghi tratti ripidissimi e pastiglie ormai ridotte a ferro con ferro.
Il sentiero inizia a monte della funivia Col Rodella e punta dritto ed esageratamente ripido verso il pascolo sottostante.
Il fondo è sconnesso, pieno di solchi e con un brecciolino scivolosissimo.
Tutto fattibile in sella ma attenzione a dove si mettono le ruote.
Il sentiero principale curva ampiamente verso destra e scende sul prato, sempre ripido e molto scalinato passando vicino a delle baite diroccate.
Meglio evitare questa discesa in caso di pioggia.
Pensate che l'erba pur essendo asciutta, a causa della pendenza diventa comunque scivolosa.
Il prato termina sotto il traliccio della funivia e qui inizia i Troi Ladins un single track divertente e più guidabile.
Si torna poi sul sentiero 530 che ho fatto a piedi per alcun metri iniziali, troppo sconnessi e ripidi per me.
Arrivo a Canazei su un ripidissimo tratto con un finale cementato.


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

FabryLorenz

17.10.2011 09:02

Giro spettacolare da mettere senz'altro in carniere!

Due consigli per chi vuole cimentarsi:
- evitare i periodi dopo le prime nevicate, il sentiero dal passo Duron al Sassopiatto in caso di bagnato diventa molto fangoso ed a tratti impercorribile
- per abbandonare il sentiero 527 non seguire la traccia che scende in mezzo al ghiaione ma proseguire ancora verso il Vicenza per un centinaio di metri, sulla sinistra si trova poi l'imbocco del sentiero
link
edit/delete

loonet

17.10.2011 12:00

Grazie Fabry per le precisazioni, è interessante anche il secondo consiglio: io infatti nella foga della discesa, per abbandonare il 527 mi sono buttato giu per un sentiero veramente impossibile, però fortunatamente breve
link
edit/delete

FabryLorenz

17.10.2011 12:40

Noi a dire il vero abbiamo seguito una variante più alta: fatto tutto il 527 fino alla strada che conduce al Vicenza (circa 10 minuti di bici a spinta dopo il bivio per la discesa) per poi continuare sul bellissimo traverso che porta verso il Piz Ciaulong. Qui altri tre minuti di bici in spalla per risalire le scalinate, ma poi abbiamo preso il 526b in direzione del Comici che è per circa 2/3 non pedalabile. La scelta migliore (ma ce ne siamo accorti solo dopo) sarebbe stata di prendere il sentiero a sinistra che passa sotto il Piz Ciaulong e che porta verso il monte Seura per poi ricollegarsi all'itinerario originale.
Giro comunque bellissimo per gli amanti del genere, con discesa finale che fa da vera ciliegina sulla torta.
Grazie a te per averlo condiviso nella sezione itinerari!
link
edit/delete

loonet

17.10.2011 22:23

Come variante credo che sia interessante anche quella fatta da voi, però considerando l'opzione del passaggio sotto il Piz Ciaulong e monte Seura.
In effetti la discesa finale è da paura almeno per chi tenta di farla con una front.
Nemmeno immagino il pensiero di farla col bagnato !!
Io mi sono trovato in difficolta in alcuni tratti comunque brevi.
link
edit/delete

MX5700

20.06.2012 00:22

I miei complimenti x l'itinerario e la descrizione...merita di esser tra gli "itinerari più belli" paesaggi e single track davvero notevoli!!!
strappi e salite altamente ripagati...percorso con full e ottime condizioni meteo e terreno; il mio consiglio x chi lo vuol fare.
grazie!!!
link
edit/delete

sini

02.08.2015 14:17

Giro fatto venerdi, molto molto bello mai troppo difficile in discesa (pezzi a spinta a parte) e "cattivello" in salita, panorami assolutamente impareggiabili..
La prima salita della Val Duron a gamba fredda e con la colazione ancora da digerire sicuramente si fa ricordare, ma anche i ramponi cementati del Col Rodella non scherzano! Per il resto itinerario da fare assolutamente!
link
edit/delete

loonet

03.08.2015 11:41

Grazie sini, volevo chiederti se è fattibile la salita fino al Des Alpes, perchè ora hanno rifatto la strada di accesso e rispetto a quando ho fatto il giro io, mi sembra moooolto piu ripida.
Poi la discesa dal Des Alpes e poi sul 530 come l'hai trovata ??? è messa bene ? quando l'ho fatta io era abbastanza impervia e alcuni tratti di sentiero erano praticamente inesistenti
link
edit/delete

sini

03.08.2015 18:08

La salita al Des Alpes è fattibile se hai buona gamba, è tutta cementata però così ad occhio si supera abbondantemente il 20%, probabilmente sarà 24-25% . Io sono salito zigzagando sulla pista da sci e l'ho fatta tutta in sella ma ci ho messo 15 min per 300 mt :-))
La discesa è molto scassata all'attacco sotto l'arrivo della funivia per 3-400mt poi non è male ma io ho una enduro 160-160 con dischi da 200 per cui molte difficoltà la bici me le spiana. Il 530 dopo il pilone della funivia l'ho trovato divertente e tecnico al punto giusto, sono sceso di sella solo qualche volta perchè in alcuni punti è praticamente il letto di un torrente ed altre volte per errore mio perchè sono arrivato troppo lento per superare certi ostacoli. Sicuramente con una front me lo sarei fatto quasi tutto a piedi....
link
edit/delete

loonet

04.08.2015 23:03

Grazie sini, utilissime le tue precisazioni.... volevo anche chiederti se facendo il 527 per arrivare ai prati del Plan de Cunfin hai fatto quel breve tratto di canalone in discesa (proposto nella mia traccia) o sei proseguito facendo qualche altro tratto magari ciclabile?
link
edit/delete

sini

08.08.2015 11:08

In quel punto ho perso la traccia perchè il sentiero interseca più volte il letto di un torrente e la strada percorribile diventa molto ampia per cui nell'enfasi della discesa ho tirato dritto verso il rifugio Vicenza, poi dove il sentiero inizia a correre sul costone della montagna ho trovato un sentiero piuttosto ripido che si butta in discesa a sinistra (5-10 min a piedi) e mi sono ricongiunto alla tua traccia praticamente nei pressi dei Prati

Infos

Inserito da
loonet
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.09.2011
Regione
Trentino-Alto Adige
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
4h30min
Distanza
43
Dislivello
1800
Difficoltà tecnica
medio-duro
Condizione fisica
medio-duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
770
Downloads
140
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors