Giro del Fanes

Che dire... Un giro meraviglioso ed impegnativo ( non affrontatelo senza allenamento ) nel parco Fanes-Sennes, forse uno dei più belli della mia vita di biker.
Preventivate 4-6 ore complessive, soste comprese. Ci sono molti punti di ristoro, bisogna comunque essere equipaggiati per ambiente alpino.
Si parte da San Vigilio di Marebbe, proseguendo per il rifugio Pederù .
Al rifugio si tiene la traccia sulla destra, affrontando così il percorso in senso antiorario ( in senso orario ve lo sconsiglio, non sarebbe pedalabile per lo più ).
Parte una bellissima ed impegnativa salita, sempre tosta, ma pedalabile, che vi porta fino al rifugio Fanes, prima tappa e ristoro.
Dopo il rifugio una breve ma intensa salita vi porta al Passo di Limo ed all' ononimo lago.
Da qui parte la discesa verso cortina, dove vi consiglio una sosta ( 5 min a piedi ) per arrivare alle cascate del Fanes, bellissime.
Scesi a valle, pochi km su strada e di salita piuttosto impegnativa ( la Cortina - Dobbiaco ) ci portano verso il rifugio La Stua.
Da qui inizia una salita che metterà a dura prova anche i più allenati, parzialmente non pedalabile ( ma vedete voi... )
La buona notizia, è che dopo questa faticata vi aspetta il rifugio Sennes... Buon Appetito!
Per oggi avete finito di faticare, godetevi la discesa ( più impegnativa per i vostri freni... ) e siete di nuovo al rifugio Pederù e a San Vigilio di Marebbe.



Come arrivare al punto di partenza

Partenza da San Vigilio di Marebbe

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

travicom

17.06.2009 12:47

ma che m'hai copiato la traccia gps?
scherzo ovviamente...cmq.in molti del forum me l'hanno chiesta dopo aver fatto anch'io quel giro l'anno scorso...
Concordo nel dire che è uno dei giro più belli che abbia fatto in vita mia...io l'ho fatto in solitaria ed è una faticaccia...
L'ascesa al Ra Stua dalla curva in cui si lascia la Cortina Dobbiaco anche se su asfalto, me la ricorderò in eterno penso...nonchè la mangiata al Ra Stua (la pasta alla boscaiola fumata in 3 minuti !!)...Comunque sia la discesa dal Lago di Limo alle cascate che i tornanti del Senes in discesa sono veramente tosti da fare in discesa !!

Insomma un mio consiglio e commento...fatelo è una soddisfazione veramente grande
link
edit/delete

FabryLorenz

13.07.2009 12:03

Fatto la settimana scorsa, consiglio anch'io il senso antiorario: nella discesa della valle di Fanes difatti ci sono parecchi tratti rovinati che in salita non sarebbero pedalabili.
Di non pedalabile causa pendenza (ma probabilmente prendendola con più slancio è fattibile) ho trovato solo la rampa prima dei tornanti per salire sull'altipiano del Sennes.

Il dislivello invece mi sembra un po' esagerato: partendo da San Vigilio (e facendo dopo il lago di Limo una breve deviazione verso il Jù dal'Ega di un paio di Km) ho rilevato 1800 metri e non 2500.
link
edit/delete

travicom

13.07.2009 15:29

In effetti FabryLorenz ha ragione...sono 1800 i mt di dislivello, ho controllato le mie tracce...2500 sono veramente tantini, comunque vi assicuro che bastano....

Riferendosi al senso di percorrenza, in effetti confermo che è meglio scendere dal SENES che farlo in salita...ne avete lo stesso da fare..

L'ho tentata cmq. un altro giorno la salita al SENES, arrivando solo in effetti fino al rifugio ed i tornanti gli ho fatti quasi tutti in sella, è stato poi l'ultimo tratto che non ce l'ho più fatta e me lo sono fatto a piedi...
In discesa, sicuramente è meglio a meno che non troviate un camion che sale mentre voi scendete, come successo al sottoscritto e dovervi arrampicare sulla parete per lasciarlo passare (lui ha la precedenza...legge del più grande !!)
link
edit/delete

Lupobiker

13.07.2009 18:22

Ciao, rispondendo a Travicom:

ho fatto il giro due volte, una delle quali usando una traccia scaricata dal web... dato che il mio gps aveva perso parte della mia traccia ho usato l' originale per inserirla...probabilmente la tua! Plagio a fin di bene....
Per il dislivello, forse avete ragione, il mio forerunner esagera sempre un pò con i dislivelli.... se posso correggo!
comunque è un giro fantastico , sono contento sia piaciuto
Lupobiker
link
edit/delete

Fabry1971

14.07.2010 11:16

Incrocio le dita...ma se tutto va bene lo vado a fare domenica!!!!!!!!!!!
link
edit/delete

aliceinchains

10.08.2015 00:39

Fatto settimana scorsa.. Che dire.. Forse il più bel giro mai pedalato!
Molto impegnativa la salita dopo Ra Stua, con picchi >24%.. Ma poco dopo ci attende il rifugio Sennes e ripidissima discesa fino al Pederü (dove ho cotto il disco posteriore..)
Giro meraviglioso.. Consigliatissimo!
Qui il mio giro.. https://www.strava.com/activities/362460423
link
edit/delete

sasanovic

14.07.2017 00:59

Salve, vorrei sapere se si può fare con una front questo giro
grazie
link
edit/delete

giuseppebrollo

16.07.2017 18:52

Vai tranquillo con la front. Sotto il profilo tecnico è abbastanza semplice. E' analogo al famoso 5 rifugi solo che la partenza è da San Vigilio anzichè dal Cortina.
link
edit/delete

Zooropa

26.10.2017 12:35

Acqua se ne trova? No in rifugio, lo faccio fuori stagione. Grazie!

Infos

Inserito da
Lupobiker
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
24.05.2009
Località
San Vigilio di Marebbe
Regione
Trentino-Alto Adige
Tempo Percorrenza
4-6 ore
Distanza
56.0 km
Dislivello
1800 m
Difficoltà tecnica
Medio S2
Condizione fisica
Duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1124
Downloads
240
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2017 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors