Tremalzo e Bocca di Fobia

Dal report: arriviamo a Riva, scarichiamo le bici, indossiamo gli zaini e via puntuali alle 9 si parte per il Ponale. La prima parte del giro prevede una salitina “breve”, arrivare al Tremalzo, passando per Ledro e Bocca di Fortini. Sempre bello il Ponale, sempre bella e dura la ciclabile per Ledro con le sue rampe al 25%, affrontiamo la salita verso Bocca dei Fortini, con le lunghe rampe cementate da togliere il fiato, con un buon passo, anche troppo forse pensando alla lunghezza del giro. Ma io so cosa ci aspetta dopo, loro non ne sono del tutto consci!
Comunque non mi tiro indietro e con la mia fida torque seguo i due amici con le loro bici leggere. Arriviamo alla Bocchetta e poi in breve a passo Nota. Adesso bisogna salire fino al Tremalzo, quasi a 1900 m , e mancano ancora 600 m di dislivello, una pausa per un panino e via verso il passo. Il fondo è scassato ma non più di tanto, basta seguire la scia dei numerosissimi bikers che affrontano il tracciato in discesa, spesso arrivando in cima con gli shuttle. La salita è veramente lunga, sembra non finire più, anche perché si continuano a vedere in alto i tornanti che si dovranno affrontare, ma è anche spettacolare, con i caratteristici tunnel militari e le guglie che li sovrastano. Dopo una breve sosta intermedia, arriviamo finalmente al tunnel del passo e ci cambiamo. Fino ad adesso abbiamo fatto circa 2000 m di dislivello, sono le 12.30 e siamo ancora piuttosto freschi. Prima di affrontare la lunga discesa verso la valle San Michele, ci fermiamo al rifugio Garda per rifornirci di acqua, anche perché dopo sarà difficile trovarne. Lungo la discesa si trova una spettacolare cascata e qualche foto è d’obbligo. Continuiamo a scendere, passiamo l’eremo, siamo a 600 m di quota e un cartello indica a sinistra la salita per La Cocca. Inizia qui la seconda parte (e inizia anche la parte spettacolare) del giro che ho pensato, la salita verso bocca di Fobia,1286 m, un panoramico sentiero in costa con tratti esposti, segnalato a 3.40 h (a piedi) . I miei compari cominciano ad avere qualche dubbio sul dislivello che avevo indicato, ma la bellezza della salita rimanda a dopo ogni discussione. Purtroppo Robi si è appena accorto di aver perso la borraccia, dobbiamo perciò dividere e centellinare l’acqua perché nelle prossime due ore non se ne troverà. Si sale su un bel sentiero largo fino a La Cocca, dopodichè il sentiero si stringe ma continua sempre a salire. Ogni tanto dobbiamo fare qualche pausa, i metri di dislivello si stanno accumulando e la fatica si fa sentire, una barretta, un po’ di frutta secca, sono le 15 e possiamo ripartire. Arriva adesso il tratto più spettacolare, un sentiero aereo in falsopiano dove però la concentrazione deve essere massima, qui è proibito sbagliare. Ogni tanto bisogna spingere per qualche metro per via di qualche frana, poi si passa in malagevoli gallerie e si continua a pedalare. C’è bisogno di un’altra pausa, forse subentra anche un po’ di sconforto perché l’acqua è finita è i metri di dislivello sono quasi 3000. Ma non dovevano essere 2800 in tutto? Beh, si, forse qualcosa in più, ma non manca tanto…….Anche qui la selvaggia bellezza del sentiero fa dimenticare tutto e riprendiamo a pedalare, un po’ in giù, un po’ in su, un’ altra galleria, poi finalmente, dopo un ultimo tratto a spinta raggiungiamo Bocca di Fobia. Sosta per cambiarsi, ultimo panino che fatica ad andare giù per la mancanza di acqua e ci gettiamo lungo la bellissima discesa, con tratti tecnici e tornanti, verso la val di Bondo. Si scende, si guada un rio e dopo un ultimo tratto ripido si arriva sulla strada asfaltata per passo Nota. Ci spogliamo nuovamente e via per questi ultimi 300 m di dislivello in salita prima della discesa finale. Si sale con calma ma regolari, quando si è stanchi si apprezza anche l’asfalto. Poco prima del passo Nota, all’ultimo tornante, compare all’improvviso un miraggio: ecco l’acqua, una bella fontana del genio militare dove finalmente possiamo dissetarci e fare l’ultima sosta della giornata. Adesso possiamo anche mangiare l’ultima barretta che con l’acqua scende bene. Siamo più rinfrancati, sono le 17 e in breve arriviamo a passo Nota e con un po’ di su e giù a passo Bestana. Mirco è più rilassato e comincia a tirare, tanto, dice, ormai è tutta discesa! Ma subito dopo incrocia il mio sguardo e capisce che proprio tutta discesa non è, bisogna ancora arrivare a passo Rocchetta. La strada adesso si stringe e diventa un bel sentiero che percorriamo veloci con il sole che ci manda l’ultimo saluto, siamo quasi al passo, ultima salitina, scendiamo dalla bici e spingiamo perché le gambe non ne possono più, eccoci finalmente al passo Rocchetta, da qui è veramente tutta discesa. Foto di rito con l’altissimo sullo sfondo ancora illuminato dal sole e imbocchiamo il sentiero 422 verso Pregasina. Ormai siamo all’ombra e nel bosco la visibilità è ridotta. Ma la discesa è veramente divertente, radici, gradoni, saltini e tutto ciò che può fare la felicità di una bici da enduro. I miei compagni, con poca escursione scendono con più calma. Ecco l’imprevisto: improvvisamente sento la ruota posteriore completamente sgonfia, mannaggia, era un anno che non bucavo, proprio adesso doveva succedere? Pazienza, 5 minuti di pausa, monto la camera d’aria e si può ripartire. Ultimo tratto di sentiero tecnico, eccoci in paese, arriviamo di nuovo sulla strada del Ponale, nelle gallerie la vista molto scarsa, ormai è quasi buio ma la discesa è sempre divertente, siamo in fondo, ecco l’auto, sono le 7.15 e ce l’abbiamo fatta. Alla fine sono 80 km e 3400 m di dislivello!
Report e foto: http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?p=4203894#post4203894

http://img203.imageshack.us/img203/6192/robimircofobia3.jpg


Come arrivare al punto di partenza

Autostrada del Brennero uscita Rovereto sud, direzione lago di Garda fino a Riva, parcheggio lungo la strada all'inizio della gardesana ovest

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Paolo M.

08.10.2010 21:45

Fatto pure io, esattamente paro-paro e con la morosa, (ma in 2 volte però),
Bocca di Fobia ci è proprio piaciuto, il Tremalzo anche, ma quello l'abbiamo fatto un sacco di volte .....
peccato la rottura del forcellino del cambio alla bike della morosa sulla discesa quasi a fine giro di "Bocca di Fobia" ... per il resto tutto bene
link
edit/delete

mattebon

27.07.2011 17:32

Ciao Carb, ho preso ispirazione da te ma ho fatto in maniera leggermente diversa, e con notevole risparmio di dislivello rispetto a quei 3400 del tuo giro che per molti sarebbero troppi. In pratica ho fatto TUTTO il 218, che richiede un pò di portage e ha qualche tratto esposto, e qualche tornantino da nose-press (che per me significa che scendo di sella, mi schiaccio il naso col dito e giro la bici a mano, sono un campione del nose-press io), ma decisamente bello come panorami, e a fine giro il mio dislivello totale in salita segnava circa 2600... La valle di Fobia è un piccolo paradiso... e comunque grazie per l'ispirazione!
link
edit/delete

Oscar

30.07.2012 08:37

Fatto sabato 28.7.2012 paro-paro tutto di un fiato! Che giro spettacolare!!! Complimenti. Il Tremalzo lo conoscevo ma un percorso così tosto mi mancava... Il gran caldo ci ha fatto penare soprattutto salendo La Cocca e Bocca di Fobia, però tratto veramente spettacolare. Per i tratti esposti da non prendere sotto gamba se non si è completamente lucidi. Complimenti ancora e grazie!!!
link
edit/delete

rino.trasi

27.09.2014 20:57

Sona a Molina di Ledro e domani farò il vostro itinerario che da qui è più leggero. Una domanda: la galleria contiene cinque foto che evidentemente nin sono della zona. Sarà un errore software? Comunque mi piacerebbe sapere che posto è, sempre ammesso che le foto siano le tue.

Grazie
Rino
link
edit/delete

nonnocarb

28.09.2014 21:15

infatti sarà un errore del software, quelle foto non sono mie, cosi a occhio e croce siamo sugli appennini, forse sibillini
link
edit/delete

rino.trasi

28.09.2014 22:31

Ciao nonnocarb. Ho fatto il giro oggi ad anello da Molina di Ledro, dove ho una casa. Bello e impegnativo senza dubbio. La salita alla Cocca da un sacco di soddisfazione perché è un terreno difficile ma pedalabilissimo. Il sentierone fino a bocca di fobia per i miei gusti è un po' troppo esposto. Intendo dire che quando vado in bici voglio avere lo spazio per pedalare ma anche per cadere... infatti di bici non ne ho incrociata nemmeno una ma pedoni parecchi. C'è da dire che io sono un biker 54enne, e la prudenza fa parte dell'età. Quindi ho pedalato solo dove il sentiero entrava nel bosco. Sul fatto che sia comunque un percorso di soddisfazione hai certamente ragione e se ti piace la zona ti consiglio vivamente di fare da bocca di caplone al tremalzo. È più in quota ed è molto panoramico. Comunque grazie per la dritta. Ciao
link
edit/delete

luca9913

01.11.2016 20:59

Ciao fatto il 31/10/16 giro bello tosto ma molto bello
link
edit/delete

MaurizioA

02.11.2016 08:33

luca9913: quanto ci hai impiegato a fare il giro? lo chiedo per via delle giornate corte
link
edit/delete

giannig

02.11.2016 09:56

Perché scendere lungo la sterrata quando si può scendere dal 222, tecnico e divertente?
L'acqua la si trova alla diga del S.Michele (fontana) e il località Acque in val di Bondo (quando dal sentiero si sbuca sull'asfalto basta scendere pochi metri)

Infos

Inserito da
nonnocarb
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
06.10.2010
Regione
Trentino-Alto Adige
Tempo Percorrenza
tutto il giorno
Distanza
80
Dislivello
3400
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
molto duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1718
Downloads
205
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors