Questo sito contribuisce alla audience de

Tour del Catinaccio AM

si parte da Soraga al comodo parcheggio per le lunghe soste e si segue la ciclabile fino a Pozza di Fassa, all'altezza di Pera si prende la salita asfaltata che conduce a Gardeccia; le pendenze sono sempre importanti, ma si fa senza problemi, per allentare la noia dell'asfalto consiglio di percorrere la strada vecia per Gardeccia, che è una forestale larga col fondo ben tenuto e sterrata.
In ogni caso si arriva a Gardeccia dopo 6/7 km dal bivio.

A Gardeccia rifornimento di acqua, sarà l'ultima acqua potabile che trovate per parecchi km, almeno fino a che non tornate nella "civiltà" sotto le montagne.

Da Gardeccia finisce la parte facile e inizia il ddelirio fichissimo All Mountain:
prima la jeeppabile con rampe al 25% (fattibili in sella comunque) col fondo ottimo e poi l'arrivo al rifugio Vajolet, con l'ultima rampa veramente tosta.

Dal rifugio Vajolet (facile che arrivino gli applausi...) si continua su classico sentiero singolo da montagna fino a superare il primo ghiaione che poco oltre delimita il limite ciclabile;
bici in spalla e si fanno gli ultimi 200 mt D+ che ci separano dal passo Principe e dal suo omonimo rifugio.
al rifugio Principe (prendete un te e scaldatevi) mettiamo le protezioni e ci lanciamo sullo splendido canalone col ghiaione che scenda dalla cima Antermoia.
il ghiaione si fa tutto in sella con qualche capacità funambolica e la ruota posteriore in derapata controllata, al massimo si cade, ma non è nulla di grave, sono sassi morbidi;
finito il canalone si prende il single track esposto che porta al rifugio Bergamo.
questo single track prevede un passaggio di 4 metri circa esposto con corde fisse, niente di trascendentale, ma è bene saperlo.
Il rifugio Bergamo ha delle ottime torte...quella con le noci e la marmellata e la farina di nocciole è una poesia.
Oltrepassato il rifugio si continua sull'esposto sentiero da camosci, ma che non troppo presto si trasforma in una velocissima rampa di lancio verso l'infinito (prima dovrete cmq passare un guado e numerosi tornanti stretti di un sentieri poco ciclabile).
scendete come se aveste il diavolo alle spalle, e raggiungete la salita asfaltata per il passo Nigra.
la salita è di circa 8km e con pendenze serie, ma si fa.
dopo il Nigra vedrete il passo di Costalunga che raggiungerete stando in quota.
ora..dopo il Costalunga scendete seguendo la strada per Vigo di Fassa.
il mio consiglio è rimanere su asfalto, ma se proprio vi piace l'avventura prendete la mia traccia che vi porta in un indiavolato freeride nel bosco senza sentiero.
siate consapevoli che è difficile e dovrete superare alberi caduti e tronchi in mezzo alle palle.

MTB da all Mountain
No elettrica. C'è parecchio portage

la traccia, dopo il passo Principe e fino al rif. Bergamo impazzisce causa riifelssi del segnale gps. no preocupas devi solo buttarti di sotto nel ghiaione. non puoi sbagliare.


Come arrivare al punto di partenza

arrivi a Soraga di Fassa e appena entrato in paese, superi il ponte e giri verso l'hotel Rosalpina. subito dopo trovi un comodo parcheggio free e a lunga sosta.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
milk&alcohol
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
03.09.2019
Regione
Altro
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
6
Distanza
60.0 km
Dislivello
2000
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
58
Downloads
6
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors