Dardago Piancavallo aggiornamento 2019

Lo scopo dell'uscita descritta di seguito è stata verificare lo stato di avanzamento dei lavori di sistemazione del tratto Dardago - Piancavallo, una magnifica strada/forestale/mulattiera che in tempi andati era una delle poche vie di accesso all'altopiano.

La partenza è da Villa di Villa, si sale con pendenza costante, e con qualche breve strappo a piedi, fino a giungere sull'asfaltata che porta al Castelir, dove è presente una chiesetta alpina in posizione panoramica.
Si sale ancora per circa 100 metri per poi prendere la Lama Lunga, un lungo traverso di quasi 2 km che, con rilassante falsopiano si innesta sulla salita dei Carbonai, a quota 670 circa.
Ci si ridige in località Maloria, prima con sentiero nel bosco, poi attraverso numerose e caratteristiche baite, fino ad arrivare sulla provinciale 61 che da Caneva porta alla Crosetta; circa 300 metri in discesa e poi ci aspettano altri due meravigliosi chilometri lungo la Lama di Som.

Giunti nuovamente a quota 600, una veloce forestale, che poi diviene tagliafuoco, ci porta a Coltura e quindi a Polcenigo, dove possiamo visitare le sorgenti del Gorgazzo.
Da qui, una ripida e breve rampa introduce sullo sterrato che salirebbe a Mezzomonte, noi lo abbandoniamo un km prima del paese per portarsi sulla salita di Dardago dove, dopo i ristoranti, possiamo vedere che i lavori di sistemazione di questa storica via di accesso stanno proseguendo molto bene, complice l'inverno molto asciutto di quest'anno.

Attenzione: un tempo, dove la strada diveniva mulattiera, la salita non era mai facile, perchè piuttosto sassosa e sconnessa. Fortunatamente la pendenza non era mai eccessiva, attestandosi sul 7% di media, con punte molto brevi del 10%.
Ora la larghezza del percorso risulta molto superiore di un tempo, minimo 2 metri e mezzo, diverse macchine con rulli appositi triturano sassi, pietre, terra, piante, producendo una specie di fondo alleggerito che è la base per una bella forestale, ma che è molto difficile da pedalare.
In pratica a mie spese ho constatato la fatica supplementare di dover spingere su queste pendenze, con quasi 2000 metri di salita già nelle gambe, e vedere sprofondare i pneumatici per diversi centimetri nel sedime. Questa sarà in ogni caso una situazione temporanea. Passerà poi un rullo a pressare questo fondo e renderlo decisamente più ciclabile.

Comunque, sudore a parte, si può apprezzare lo sforzo, soprattutto economico delle Amministrazioni.
Giunti quasi a Piancavallo ci si dirige verso Sauc e il punto più alto, a 1540 metri. Dopodichè le fatiche saranno pressochè terminate, e il percorso porterà prima a Busa Bernart, Costa Cervera, poi Fossa di Sarone, una brevissima risalita al Casello della Guardia, poi 200 metri della Provinciale 61, quindi 11 bei chilometri sui Carbonai.


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
rics1299
Avatar
Tipologia
Itinerario da A a B
Inserito il
18.03.2019
Località
villa di villa
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
8
Distanza
71.0 km
Dislivello
2750
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
78
Downloads
5
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors