Questo sito contribuisce alla audience de

698 LEVICO, Valle dei Mocheni, Cima Panarotta, Vetriolo Terme

Referente LUIGI - ( ruotalpina@alice.it ) - Ultima ricognizione: 24/07/2018

SCHEDA TECNICA
Verso Orario - Lunghezza = 54 Km - Dislivello Sal/Disc = +1900 m
Quote min/Max = 450 / 2000 - Tempo Standard ore 5:0 min
Velocità media = 10,8 Km/ora - Ciclabilità su tempo 97% (a piedi 10 min)
Difficoltà Tecnica = 4/7 MEDIO - GD= 70 Medio/Difficile
Consumo Energia Elettrica =540 Wh

DESCRIZIONE :
Ci si porta sul lungo-lago e si percorre la bella passeggiata lungo la sponda nord (quindi bici tollerate se ci si comporta con prudenza e garbo: piano negli incontri ed assoluta precedenza ai pedoni). Finito il lungo lago e lasciata sulla sx la collina con il castello di Pergine, si va a raggiungere la ciclabile che segue il corso del torrente Fersina. A q. 590 si lascia il fondovalle per risalire il versante nord di Cima D'Omo per una stretta stradina che, attraversata la S.P. di Frassilongo, si inerpica nel fitto bosco. Nel punto D 710, anziché proseguire, si devia a dx, inizialmente in discesa per una stradina che porta al maso Agnellini e poco oltre incontra un sentiero in ripida salita verso Falesina. Seguono rampe durissime ma vale la pena di fare qualche passo a spinta per scoprire questo inedito percorso ed il borgo Falesina. Attraversato in salita il paese, al bivio f1 980 conviene tenere la strada asfaltata che, in mite pendenza, si
dirige verso Vignola. Dal bivio G 1035 si riprende una forestale che prende quota con pendenze variabili ma mai proibitive. A q. 1220 si arriva al "punto tappa" richiamato in varie tabelle dove si può trovar riparo e una fonte. Si continua a salire fino a q. 1460 (dove, a dx, si stacca una scorciatoia per Malga Montagna Granda: ripida ma con e-bike si può fare). Seguendo la traccia si perdono 40 m di quota; ci si immette su una strada in I 1510 quindi si raggiunge in breve l'ampio spazio panoramico antistante la Malga Montagna Granda a q. 1570 (per info: 328.888.8269). In stagione questo è il punto ideale per recuperare le energie (ed eventualmente ricaricare le batterie) visto che ci mancano ancora 450 m di dislivello per Cima Panarotta. Dopo la sosta si riprende su asfalto con facili pendenze fino al termine della strada carrozzabile (wpt L 1780) quindi si continua sullo sterrato che segue il crinale Cima Storta - Panarotta. L'inizio è facile poi, in alcuni tratti il sentiero lascia posto ad una pista da sci: larga e facile .... per lo sci ma proibitiva per quasi tutti i ciclisti con muscolare. Brevi strappi e comunque dal wpt M 1880 si riprende a salire su pendenze ciclabili, allietati da un grandioso panorama su gran parte dei Lagorai. Negli ultimi 500 m il fondo si fa sconnesso, sembra una trincea; si lascia la bici a q. 1998; ancora pochi m a piedi e si raggiunge la vetta a q. 2002. Ammirato il panorama a 360° e scattate le foto a testimonianza dell'impresa ci si abbiglia per la discesa. A ritroso fino al punto M; poi si prende la bella forestale che conduce alla forcella "La Bassa" q. 1825 da cui si aggira la Panarotta scendendo sul versante della Valsugana. A q. 1725 si raggiunge malga MASI (ultimo posto ristoro) ed inizia la carrareccia. Dopo breve risalita la strada consente una veloce discesa fino Vetriolo Terme e da qui su asfalto fino a Compet (T 1380) dove si potrebbe scendere facilmente su Levico per la S.P.11 o allargare il giro verso Vignola. La traccia sceglie questa seconda opzione per la strada asfaltata che raggiunge Vignola nel wpt t4 1030.
NOTA: la scelta della strada principale per Vignola è dovuta a tempi ristretti per il rientro. Si poteva tentare la discesa per il sentiero del "Percorso Storico Compet-Vignola" individuato dai wpt: t1-t2-t3-t4.
Invito chi avesse l'opportunità di provarlo a segnalarmi la fattibilità di tale percorso.
Da Vignola si perdono ancora 30 m di quota fino al tornante U 1000, poi si risale per sterrato in V 1070 dove si prende a dx in discesa. Questa strada, che aggira il Doss Di Galline è gradevole e poco conosciuta anche se qualcuno potrebbe non apprezzare le varie brevi contropendenze che vi si incontrano.
Dopo tanto bosco e tratti di sentiero, finalmente in Y 620 si riprende una strada carrozzabile ed in Z 550 si attraversa la S.P.11 nella zona alta di Levico; ancora poche frenate e si arriva al parcheggio di partenza.


Come arrivare al punto di partenza

Dalla nuova statale della Valsugana si esce allo svincolo di Levico e si trova parcheggio nella zona centrale (non lungo-lago nei periodi estivi); abbiamo indicato il parcheggio a monte del Corso Centrale (vicino supermercato Regina Poli) ma se ne trovano altri.
Chi arrivasse con il treno potrebbe fruire del park. della stazione F.S.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
RUOTALPINA
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
31.07.2018
Regione
Trentino-Alto Adige
Tempo Percorrenza
ore 5:0 min
Distanza
54 Km
Dislivello
1900 m
Difficoltà tecnica
4/7 MEDIO
Condizione fisica
GD= 70 Medio/Diffici
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
135
Downloads
19
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors