Passo Madriccio senza funivia - MTB-MAG.com | Itinerari

Passo Madriccio senza funivia

Uno dei giri più belli che si possano fare in assoluto, ma anche dei più duri se fatto in una sola giornata. La particolarità è che questo è il passo ciclabile più alto d' Europa! I panorami sono fantastici, visto che si pedala al cospetto dell'Ortles e di vari altri ghiacciai eterni. Da Morter si raggiunge Prato allo Stelvio su ciclabile, poi si sale su forestale al maso Valnair. Un tratto a spinta e poi si scende verso Solda su sentiero a tratti impegnativo. Da Solda si sale sulla pista sotto la funivia, ripidissima, ma con un buon allenamento e varie fermate si può fare. Altrimenti salire in funivia. Dal rif. Città di Milano si sale al rif. Madriccio e poi al passo Madriccio quasi tutto in sella meno gli ultimi metri, però la salita è ripidissima. Al passo magnifico panorama sull'
Ortles e la val Martello. Da qui infinita discesa quasi tutta su sentiero o forestali fino a Morter, solo i primi metri sono molto impegnativi, dopo la discesa rimane tecnica ma meno difficile. Ristoro al rif. Corsi.




Come arrivare al punto di partenza

Morter all'inizio della val Martello, laterale della val Venosta, parcheggio vicino ai vigili del fuoco

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Matteo Harlock

29.08.2016 11:51

Ripetuto il 27/08/2016

Alcune note:
Il sentiero che scende al Valairhutte è parecchio impestato, con radici e sassi. Non è così pedalabile e forse non ne vale del tutto la pena. Il giro è lungo e si rischia di arrivare al "clou" che non se ne può più.

La discesa dal Passo del Mandriccio è inaspettatamente scorrevole e non troppo tecnica. I numerosissimi passaggi l'hanno lisciata... Il fondo è quasi "sabbia". La parte più divertente del giro.

Scendere dal Corsi per il primo tratto del #36 è impegnativo e ancora una volta... Ne vale la pena? La discesa "scialpinistica" fino al parcheggio dell'albergo Genziana forse è da preferire. La parte davvero bella della Val Martello inizia poco sotto la diga. Se si hanno le gambe stance o poche ore di luce è meglio scendere la provinciale fino al centro fondo e da lì seguire il 36.

IMHO, ovviamente!
link
edit/delete

wreck

20.10.2016 17:17

Un grazie a Nonnocarb per la traccia! Giro molto duro, ho avuto la fortuna di trovare una giornata 29.09.16 bellissima, in pratica maniche corte fino al Passo. Confermo sentieri impestati ma con buona tecnica si fanno (il fatto di valere la pena è personale, io in alcuni tratti ho messo giù il piedino ma solo perchè...ho già dato..:-))
La salita verso il Rif Milano è molto dura sia per pendenza che per la quota.
Ma sicuramente è un percorso da "Once in a life!".
link
edit/delete

biciclitu

02.08.2017 13:57

fantastico Nonnocarb. quest'anno , primo anno da pensionato ho percorso un decina dei tuoi strepitosi itinerari e volta per volta l'ultimo percorso scalzava dal trono del "miglior giro" il precedente. fino a ieri spettava alla cima Nera, fantastico, oggi al Madriccio.
questo è come il record di Mennea, ci vorrà del tempo per detronizzarlo.
io lo ho percorso tutto, e quando capisco la "filosofia" del suo ideatore non mi chiedo se "ne vale la pena" grazie per questa perla!

Infos

Inserito da
nonnocarb
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
16.03.2015
Regione
Trentino-Alto Adige
Tempo Percorrenza
8.30
Distanza
76
Dislivello
2750
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
molto duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
695
Downloads
143
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2021 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors