Monte Carmo e San Pietro dei Monti - probabilmente la più lunga discesa su

Premesse
In quest’ultimo periodo il Monte Carmo, la cima più elevata della Provincia di Savona, sta attirando le nostre attenzioni grazie al suo ambiente selvaggio, ai suoi splendidi panorami ed ai sentieri stile alpino che permettono un buon allenamento in vista della stagione cicloalpinistica.
Eccovi così servito il resoconto di un’altra traccia con passaggio in vetta e discesa inedita che concatena il sentiero x rosso con la variante pallino rosso attraverso la sperduta chiesetta di San Pietro dei Monti ....

Resoconto
Lasciata l’auto nel parcheggio all’uscita del casello A10 di Pietra Ligure, si scende sulla Via Aurelia e si svolta subito a sinistra risalendo per circa 1km la valle del Torrente Maremola. Si svolta ancora a sinistra seguendo le indicazioni per Giustenice e si prosegue fino alla frazione di San Lorenzo dove inizia la lunga salita che conduce al Giogo di Giustenice, quasi 10 km alla pendenza media dell’11% (con punte che sfiorano il 20%). E’ possibile fare rifornimento d’acqua presso una fontana a quota 800m circa, poco dopo la quale si trova il bivio per il Rifugio Pian delle Bosse che lasceremo alla nostra sinistra. Percorriamo i restanti 200 m di dislivello per arrivare al Giogo di Giustenice, punto tappa dell’Alta via dei Monti Liguri e base di partenza per l’ascesa al Monte Carmo.
Giunti al Giogo di Giustenice si svolta a sinistra sul sentiero dell’Alta Via dei Monti Liguri, si pedala ancora per qualche centinaio di metri e poi, bici in spalla, si risale il cosiddetto “sentiero delle scalette”.
Su un bellissimo sentiero a mezza costa si alternano tratti a spinta e tratti pedalati e raggiungiamo finalmente il colle che ci proietta verso la cima attraverso i pascoli fioriti abitati da una mandria di cavalli e puledri selvaggi!
Giunti in vetta ci prepariamo per affrontare la discesa proseguendo per il primo tratto sul sentiero dell’AV in direzione NO. Al primo bivio svoltiamo a sinistra in direzione rifugio Amici del Carmo e dopo circa 400m su sentiero in leggera discesa, raggiunta una radura, svoltiamo a destra sul sentiero X.
Seguiamo il sentiero, che alterna tratti scorrevoli a passaggi umidi e tecnici (per noi 100% in sella...) per circa 3,8 km quando, lasciataci alle spalle la cima del M. Ravinet, abbandoniamo temporaneamente l’ X per proseguire, sulla nostra destra, su un sentiero a mezza costa marcato col segnavia pallino rosso (Variante 1: Proseguire su sentiero X rosso Variante 2: proseguire su sentiero pallino rosso barrato)
Alla quota costante di 900m questo sentiero balcone - a tratti esposto e purtroppo poco ciclabile (la maggior parte si fa con la bici al fianco) - ci porta in circa mezz’ora alla chiesetta di San Pietro dei Monti.
Qui, dopo un’inevitabile sosta per godere dello splendido panorama, imbocchiamo il sentiero = che snodandosi fra tecnici tornanti su fondo roccioso ci conduce alla chiesetta di San Pietrino dove riprendiamo l’ X che seguiamo fino ad incontrare la strada asfaltata presso Boissano.
In totale la discesa misura quasi 11km per oltre 1200m di dislivello negativo...come dire, quasi più lunga la discesa della salita!!!
Proseguiamo quindi su asfalto - SP Loano/Boissano - in direzione Loano e seguiamo la traccia svoltando a sinistra per imboccare nuovamente la salita - Via Costino Monte Carmelo. Dopo circa 1,8 km la strada torna ad essere sterrata e snodandosi fra rigogliosi oliveti ci permettere di raggiungere l’antico borgo di Ranzi e così, in breve, il punto di partenza.

Un grazie ai compagni di avventura sempre entusuasti e deivertiti nel percorrere sentieri tecnici e selvaggi!


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Ickx

05.06.2015 11:39

Mah... ho fatto questo percorso questo weekend e sinceramente non mi ha entusiasmato molto.
Va bene la salita lunga e l'arrivo in vetta (ok, non ho potuto godere del panorama dato che ero immerso nella nebbia...) e poi la prima parte della discesa.
Però poi il sentiero a mezza costa con pallino rosso... quando dici

"Alla quota costante di 900m questo sentiero balcone - a tratti esposto e purtroppo poco ciclabile (la maggior parte si fa con la bici al fianco) - ci porta in circa mezz’ora alla chiesetta di San Pietro dei Monti"

beh io l'ho trovato uno smazzuolamento unico, che mi ha davvero fatto perdere ogni piacere del giro. Il sentiero c'è e non c'è, è segnato poco e trovare sti pallini rossi è un'impresa, e più che camminare con bici a fianco per me era tutto un tira-alza-spingi in posti dove si faticava anche a camminare.
Sono passati circa due anni da quando l'hai fatto tu e sembra che da allora non ci abbia messo piede nessuno...

Se le altre varianti evitano questo pezzo, le consiglio fortemente. Anche se bisogna capire lo stato anche di queste...
link
edit/delete

wild

05.06.2015 13:40

Ciao,
può darsi che in questi due anni il sentiero a mezza costa si sia rovinato per pioggie e mancata manutenzione.

Io ho fatto l'anno scorso l'x rosso integrale e le condizioni erano discrete, altrimenti se si vuole scendere da S. Pietro conviene fare la variante che passa dalla vetta del Ravinet (15 min di portage) per scendere lungo il "Sentiero degli ometti" fino alla chiesetta di S. Pietro dei Monti e poi sul sentiero tecnico ben evidente.

E' da tener presente che sono zone poco battute dalle mtb e da affrontare con adeguato spirito di avventura ed esplorativo.

Se uno cerca sentieri completamente pedalabili e ben battuti meglio puntare sul finalese
link
edit/delete

Piter76

03.11.2015 11:38

Ciao, fatto questa domenica (1 Novembre) in una giornata spettacolare anche se molto ventosa. Il giro è molto bello e per me piuttosto duro.... sicuramente un giro tipicamente cicloalpinistico. Prima parte della discesa (sentiero X) divertente e tranquillo, il tratto del sentiero del pallino è un po' una ostiata, sporco, poco segnalato e a tratti esposto, non il massimo da fare da solo come nel mio caso, la chiesetta di san Pietro però merita la fatica, è davvero un posto speciale! Discesa da S.Pietro tecnica su sassi mossi ed esposta nella prima parte (tornanti molto stretti da nose press) ma diventa via via più fattibile e divertente. Arrivati a Loano ho seguito la traccia che fa fare una nuova risalita ma a metà (circa 150 mslm) ho mollato il colpo e sono sceso su Pietra Ligure senza passare da Ranzi causa stanchezza e buio. Il mio GPS comunque anche senza risalire a Ranzi segnava più di 2100 m di dislivello... Gran bel giro

Infos

Inserito da
wild
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
23.05.2013
Località
Via Ranzi, 17027 Pietra Ligure SV, Italia
Regione
Liguria
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
5h
Distanza
41.0 km
Dislivello
1700
Difficoltà tecnica
BC SALITA - OC DISCE
Condizione fisica
MEDIO/DURO
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
467
Downloads
86
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors