Monte Bronzone

Salita iniziale su asfalto, la stessa della gara di Viadanica dell'Orobie Cup XC, poi le pendenze si inaspriscono dopo l'abitato di Lerano dove si pedala su una cementata.
Dopo un bellissimo roccolo e un traverso su sterrata si taglia a Sx per 300metri lineari lungo un ex sentiero Cai ormai abbandonato in puro "Amazonas style".
Finito il tratto di "graffiante" sentiero (invaso da piante cadute) si riprende a salire su una strada tracciata ad uso dei boscaioli, con pendenze sostenute e fondo non sempre ottimale per pedalare, comunque chi ha buona gamba e un pò di tecnica può stare in sella per tutto il tratto sino alla località Gombo Alto, dove sorge una baita privata.
Qui finisce il tratto pedalato e volendo chi non ama spingere o portare la MTB potrebbe iniziare la discesa.
Ovviamente non è il nostro caso e quindi bici in spalla e su per gli ultimi 100mt di dislivello su un sentiero in mezzo alla boscaglia.
Questo tratto di sentiero si fa anche in discesa e quindi si possono pregustare i vari passaggini da fare poi.
In una ventina di minuti si giunge in vetta dove ci attende il bellissimo panorama e una campana veramente enorme.
La discesa: davvero bella, tratti guidati, roccette fisse, rolling stones, tornantini, purtroppo per gli amanti del trialistico nessun passaggio particolarmente toxxico ma tutto sommato se fatta tutta di un fiato risulta divertente e abbastanza impegnativa.
Solo qualche minuto di risalita non pedalabile interrompe il ritmo di discesa.
Per il primo tratto si fa a ritroso il sentiero di salita dalla cima a Gombo alto, poi segnavia 701 e infine segnavia 5 con bolli gialli (sentiero dell'amministrazione comunale di Adrara).
In particolare proprio questo sentiero 5 molto divertente da fare, con tratti super flow alternati ad ostacoli rocciosi e tornantini, ci deposita in località Canzanica, da dove si riprende la statale per tornare al punto di partenza.

MTB da AM / Enduro consigliate


Come arrivare al punto di partenza

Parcheggio sulla sx sulla provinciale in direzione Adrara.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

silbo

08.06.2013 20:40

bel giro, ma la salita è un po' troppo impegnativa... noi abbiamo spinto molto. la discesa comunque è abbastanza divertente.
link
edit/delete

:Marchino:

25.08.2013 17:53

eh si è bella ripida...farla in sella o meno in alcuni punti dipende dalla gamba
link
edit/delete

Alca188

27.01.2014 09:01

Bel giro, grazie x la traccia !!!
Ci si vede in sella
link
edit/delete

faumaz

26.04.2014 16:35

Molto a spinta, sarà la mia gamba, ma in generale troppo a spinta. In località La Rolla, il sentiero della traccia è ora sbarrato da una proprietà privata, bici in spalla si può salire sul pratone e riprendere la traccia in basso (non fatevi vedere a passare sul prato). Dopo un pezzo di sentierino chiuso dalla vegetazione di nuovo la carrareccia. Poi si spinge….in compenso la discesa è bella soprattutto la parte finale in pineta (dove la traccia fa zig-zag).
link
edit/delete

:Marchino:

28.04.2014 11:43

non a caso nella casellina condizione fisica c'è scritto "duro" pur essendo un giro da 1200mt di dislivello.
ripeto, chi ha gamba spinge veramente poco, un tratto smosso prima di Gombo Alto e poi il tratto in single track verso la cima.
link
edit/delete

FrankMTB

10.05.2014 20:53

Fatto oggi e direi bisogna proprio avere due belle gambe per farla tutta in sella. Arrivati alla proprietà privata è meglio passare da destra piuttosto che salire sul pratone, infatti c'è un sentierino che si ricongiunge con la traccia originale dopo un centinaio di metri. Una volta in vetta si gode un bel panorama e volendo si può anche suonare la campana (quando parte il primo rintocco non si ferma più, infatti è ben bilanciata). La discesa è divertente e per chi non ha doti trialistiche come il sottoscritto è tecnica al punto giusto. Confermo che il giro è impegnativo sopratutto per la salita.
link
edit/delete

6io

16.09.2014 12:18

Fatta sabato, a La Rolla mi sono un po' smarrito, ho seguito il vecchio sentiero CAI che poi si ricongiunge alla strada bianca. Salita dura con spinte in vari tratti, fa parte del gioco, ma, il paesaggio e la discesa ripagano. Se la giornata fosse calda consiglio di portarsi dell'acqua extra (non ci sono fontane sul percorso). Da ripetere.
link
edit/delete

giannig

26.04.2015 12:39

Fatto ieri: a mio parere itinerario molto bello, pedalato tutto fino a Gombo Alto (20 minuti dalla cima), esclusi i 200 metri del sentiero abbandonato 757(causa vegetazione). Per pedalarlo basta un poco di gamba ed un minimo di allenamento.

VARIANTE FINALE CONSIGLIATA:
Noi siamo partiti da Sarnico ed invece che tornare via bitume siamo tornati a Viadanica e dietro la Parrocchiale abbiamo seguito una stradina prima in discesa e poi in salita. Quindi a destra (segnavia 701) un sterrato e poi un sentiero molto bello che a mezza costa ed in leggera salita (tutto pedalabile) porta alla Forcella (200 metri dislivello totale). Da qui scendendo i gradini del ristorante si scende su sentiero fino a Sarnico
link
edit/delete

Gigi81

21.02.2017 21:42

Giro con tratti di salita impegnativi, la vista dalla cima ripaga della fatica e fa dimenticare gli ultimi metri con bici in spalla. Fatto questo w-e, attenzione a dei piccoli tratti di neve ghiacciata nel sottobosco poco prima della vetta. Discesa ok
link
edit/delete

gash

25.05.2017 10:47

Fatto questa domenica, gran bel giro e bella discesa.
Per la salita abbiamo per caso una variante, quasi totalmente pedalabile, al tratto a spinta.
Arrivati al tornante che sulla traccia è al km 7 e circa a 800m di quota, invece di entrare nel cancello con divieto fare il tornante a dx e ancora quello a sx e dirigersi al Colle di Oregia dove si trova un bel roccolo da attraversare.
Attraversato il roccolo ci si trova ad una pozza con 3 sentieri, a dx segnato bianco/rosso in discesa, al centro con bolli gialli ripido e a dx in piano.
Prendere a dx in piano e salire, al primo incrocio non andare a sx dove il segnale indica "Bronzone" perchè si finisce al cancello della proprietà privata che porta all'ex sentiero cai, continuare dritti costeggiando la proprietà privata e allo scollinamento seguire il sentiero che in discesa sempre costeggiando la proprietà privata porta 100m più sotto al punto dove si spunterebbe con l'ex sentiero.
link
edit/delete

alf71

15.07.2018 21:54

Fatto oggi, vado un pò contro corrente, nel complesso non mi è piaciuto.
Salita molto dura in buona parte su asfalto e cementata per una discesa che sopratutto nella parte centrale dice veramente poco, molto sporca e con tanti punti che spezzano il ritmo.
Non ho trovato acqua per tutto il giro!
Grazie comunque per aver condiviso la traccia.
link
edit/delete

Luke_Brixia

04.01.2019 20:59

fatto il 2/1/19 con vento fortissimo (la campana in vetta suonava da sola!), giro molto bello! la vista dalla cima è spettacolare, e la discesa si è rivelata molto più divertente delle descrizioni che ho trovato qui (fatta con full 29 da 150 mm).
la salita è molto dura ma il fondo è ottimo quindi al massimo si scende e si spinge. un mio amico più allenato e con rapporti corti l'ha pedalata tutta (tranne dal rifugio alla campana ovviamente).
lo consiglio e lo rifarò!

Infos

Inserito da
:Marchino:
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
30.08.2012
Località
Strada Provinciale 79, 24060 Villongo BG, Italia
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
4-5 ore
Distanza
22.0 km
Dislivello
1200
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1597
Downloads
297
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors