Dal Kaberlaba al Monte Cengio

Ampio giro nella parte meridionale dell'Altopiano di Asiago, tra le trincee, gli arroccamenti e i campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale.

NOTA: l'itinerario può essere notevolmente accorciato e reso più agevole iniziando l'escursione dalla località Campiello a quota 1000m., evitando così la lunga salita iniziale e la difficile discesa finale. Risulteranno circa 54km per 1200m. di dislivello.

Da Cogollo si sale per la strada del Costo Vecchio fino alla vecchia stazione ferroviaria di Campiello proseguendo poi verso il Monte Paù con pendenze sempre pedalabili.

Dopo alcune brevi rampe ha inizio un lungo e panoramico falsopiano affacciato a sud sulla pianura fino a raggiungere le pendici del Monte Corno: qui risaliamo brevemente entrando in Val Granezza che percorriamo per intero fino alla località Turcio.

Dopo un breve tratto asfaltato imbocchiamo la Val Barenta fino al Cimitero Inglese, salendo poi fin sulla vetta erbosa e panoramica del Monte Kaberlaba.

Con una dolce e lunghissima discesa in falsopiano raggiungiamo Cesuna proseguendo poi lungo il tracciato della vecchia ferrovia fino a Treschè Conca, continuando poi verso ovest fino a raggiugnere il Forte Corbin al termine di una salita sterrata a tratti impegnativa.

Dal Forte, costruito a strapiombo sulla Valdastico, pedaliamo in leggera ma costante salita immersi nel bosco fino ad arrivare al Piazzale dei Granatieri, nei pressi del Monte Cengio: ne effettuiamo il periplo entrando poi nella spettacolare strada di arroccamento del Cengio, uno spettacolare percorso scavato nella roccia tra tunnel e arditi passaggi nel vuoto.

Ritornati nei pressi del Piazzale dei Granatieri scendiamo al Piazzale Principe di Piemonte su asfalto (o, in alternativa, continuando a seguire la strada di arroccamento, che da qui si fa però meno ciclabile e agevole).

Per scendere in pianura abbiamo ora due possibilità: la prima è decisamente la più facile, seguendo l'asfalto in discesa fino a incontrare e seguire a ritroso la strada già affrontata in salita.

La seconda, presente nella traccia, si snoda lungo il segnavia 651, detto della "Sengela": all'inizio su strada rotabile, diventa poi single track scendendo ripida con tratti tecnici e stretti tornantini. Il sentiero si rivela molto difficile,e anche chi fosse dotato di buona tecnica, dopo tutti i chilometri percorsi, potrebbe trovarsi in difficoltà.

Nella prima parte alcune parti più filanti si alternano a successioni di stretti e ravvicinati tornantini, obbligando a procedere a piedi per diversi tratti; dopo una deviazione con breve risalita, la traccia si fa leggermente più agevole permettendo di stare in sella con più costanza; dopo le ultime due gallerie, infine, il sentiero entra nel fitto bosco presentando tornanti più larghi e un fondo più compatto, rendendo la ciclabilità pressochè totale.

La difficoltà tecnica dell'itinerario, che si snoda interamente su strade secondarie e comode sterrate compatte, è relativamente bassa fino al Monte Cengio: da qui in poi si fa molto elevata tra la strada di arroccamento del e la discesa della Sengela. Sulla strada di arroccamento, in particolare, particolare attenzione andrà posta nelle brevi gallerie dal fondo umido e viscido.


Come arrivare al punto di partenza

Autostrada A31 > Uscita Piovene Rocchette > Direzione Trento

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

powerpowder

05.05.2013 14:30

Fatto ieri con il mio socio e discesa finale su sentiero ostico ma bellissimo.... Unico pacco dal bivio asfaltato sul corno fino all ospedale di asiago TUTTA A PIEDI!!!! Incredibile ma vero nella valle e solo in quella [che è una pista da fondo in inverno ] c erano ancora dai 30 ai 50 cm di neve !!1,30 a piedi se non di più
Quest anno e nevicato veramente Un sacco..... Credo che x non avere sorprese nelle zone in ombra o Mel sottobosco bisogna aspettare ancora 1 mese in altopiano.
Arrivati al furgone alle 20.20...... UNA BELLA AVVENTURA
Grazie della traccia
link
edit/delete

powerpowder

05.05.2013 14:32

Aggiungo che il tratto più tosto é a fine giro! Quindi occhio che bisogna avere gamba...

Infos

Inserito da
the.mtb.biker
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.05.2012
Località
Via Giovanni Pascoli, 2, 36010 Cogollo del Cengio
Regione
Veneto
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
6h30m
Distanza
67.0 km
Dislivello
1950m.
Difficoltà tecnica
Difficile
Condizione fisica
Duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
575
Downloads
105
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors