Genova San Martino Forte Ratti Bavari

Genova
Zona Quartiere San Martino,
Salita superiore di Santa Tecla (quasi adiacente al Pronto Soccorso dell'ospedale San Martino).
Prendete con calma questo strappo molto ripido, inizia con strada asfaltata e prosegue con una mulattiera con pendenza sempre maggiore.
La strada prosegue con molta pendenza (Camaldoli) per ricongiungersi con la strada principale(Via Berghini), dopo alcuni tornanti si arriva alla fine della strada carrabile, una sbarra sulla sinistra indica la strada da prendere, la salita continua su cemento, molto dura, il percorso è adesso su sterrato pietroso.
Salire sino alla fine della salita, alla seconda stradina sulla destra avete un percorso alternativo che sale sino al Forte Richelieu.
Continuate sempre dritti sino a che la strada diviene pianeggiante e successivamente con leggera discesa.
Arrivati alla cava, passate il cancello, andate avanti costeggiando il perimetro della cava sulla sinistra.
Quasi al termine della cava una piccola ma ripida discesa inizia lo stretto sentiero, sterrato ma facile, proseguire sino al primo incrocio in uno spazio aperto.
Prendete la seconda stradina sulla destra che sale su sterrato media pendenza, nel bosco sino ad arrivare ai piedi di Forte Ratti.
La strada prosegue sia sulla destra che sulla sinistra, se volete raggiungere Forte Ratti prendete la strada molto stretta sulla destra.
Salite sino al forte( altri 150 metri di dislivello).
Attenzione alla struttura del forte , estremamente bella quanto pericolante in alcuni punti interni.
Tornate indietro dalla stessa strada da cui siete saliti e raggiunto il piccolo crocevia da cui avete proseguito verso destra, andate adesso verso sinistra (ossia dalla strada in cui siete proseguite dritti)
La discesa ha scarsa pendenza e prosegue con facili passaggi. Continuate siano ad inoltravi nel bosco e raggiunto uno spiazzo troverete una strada che sale sulla destra ed una strada che scende sulla sinistra, andate a sinistra in discesa.
Alcuni tratti piu’ complessi e con pendenza maggiore, al successivo incrocio sempre sulla sinistra ed in discesa nel bosco. Alcuni alberi impediscono la ciclabilità, i piu’ esperti potranno provarci….
Segue una breve discesa con maggiore pendenza, tenete sempre la sinistra sino ad arrivare ad un gruppo di case con animali spesso in libertà(capre e mucche attenzione).
Passate le case e le stalle e sempre seguendo il sentiero continuare la discesa.
E’ ciclabile sino a che non risale leggermente e non si chiude quasi.
Da questo punto è molto tecnico anche se con poca pendenza, un misto di gradoni e di seguito il letto di un piccolo rio.
Proseguire sempre per il sentiero sino a trovare il maneggio.
Passato il maneggio raggiungere la strada principale, prendere la destra e proseguite sino a Via Montelungo sino a raggiungere la chiesa di San Giorgio di Bavari.
Di fronte alla chiesa un piccolo bar, assaggiate il “Vero Chinotto”, è d’obbligo !
A questo punto sulla destra inizia la lunga discesa, proseguite sempre dritti sino a raggiungere l’abitato di Borgoratti in Via Posalunga.
Al termine di Via Posalunga proseguite per Via Borgoratti sulla destra, percorrete tutta via Borgoratti e al termine della via vi ritroverete al punto di partenza, Salita superiore di Santa Tecla.

Salita: 8 Km
Totale: 19 Km
Dislivello: 465 m
Tempo medio di percorrenza 1h 40 minuti
Ciclabilità 96%
Difficoltà. Media
Preparazione: media (salvo i primi 3 km)


Come arrivare al punto di partenza

Genova
Zona quartiere San Martino(Ospedale)

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

StraSimo90

21.09.2010 19:49

Uao!!!sono tornato a casa adesso dopo questo giro...mi è piaciuto moltissimo...
e volevo aggiungere una cosa riguardante il tragitto:
Una volta che si arriva al Forte Ratti, non è obbligatorio tornare indietro per riprendere il sentiero per bavari (riga 23), infatti appena si raggiunge il Forte si può vedere un sentiero stretto che corre lungo le mura del forte...percorrendolo (occhio che è stretto e all'inizio è un po' a precipizio) ci si ritrova su un singletrack molto divertente anche se tecnico, questo sentiero porta allo spiazzo che viene nominato a riga 26 (raggiunto uno spiazzo troverete una strada che sale sulla destra ed una strada che scende sulla sinistra, andate a sinistra in discesa).
Spero di essere stato utile...se ci fosse qualcosa di poco chiaro chidete pure
link
edit/delete

Maurizio1973

04.02.2012 14:48

Tracce GPS?
link
edit/delete

Fiocco4ever

13.03.2012 22:58

Davvero molto duri i primi 4 km... peccato che in discesa la pioggia abbia fatto danni!
link
edit/delete

fanteo

29.06.2012 14:47

come alternativa per la salita puoi fare via Berghini a arrivare al forte S.Tecla oppure prendere da San Fruttuoso in via Paggi, Salita Nuova Nostra Signora del Monte e sbuchi nel piazzale di Pianderlino per poi proseguire in salita in dirzione Camaldoli
link
edit/delete

MTBGIAN

24.06.2013 17:07

Dopo anni l'ho rifatto, un po rovinato i tratto finale prima del maneggio, ma sempre carino nel complesso. Allego traccia!
link
edit/delete

Maurizio1973

24.06.2013 18:48

E allora grande a MTBGIAN per la traccia :-))
link
edit/delete

Aker1990

15.07.2016 19:53

Qualcuno è piu girato li ultimamente?

Infos

Inserito da
MTBGIAN
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
01.07.2009
Località
San Martino - Genova
Regione
Liguria
Tempo Percorrenza
1h e 50'
Distanza
18.0 km
Dislivello
465
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
medio salvo 3Km iniz
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
902
Downloads
96
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors