PUNTA TELEGRAFO – IO SPERIAMO CHE CE LA FACCIO!!!!!

Era più di un mese che desideravo tornare sul Lago di Garda per fare un bel “girazzo” con la mia fedele mtb…ma ogni volta il weekend arrivava accompagnato dall’ennesimo imprevisto o sfig** che mi costringeva a rinunciare…rimanendo a casa con la faccia tipo “alien” davanti al computer con la cartella “ITINERARI MTB STAGIONE 2011” aperta…e piena di interessanti e succolente proposte!!!!
Poi, forse per un incrocio a dir poco inconsueto degli astri, vedo avvicinarsi un weekend buono, il meteo prevede sole e caldo…sottovoce penso (impegni non dovrei averne!!!per la jella mi tocco ripetutamente i gioielli di famiglia)…è il sabato giusto per andare un po’ al fresco in montagna…
Apro la cartella “magica” e la mia attenzione si concentra subito su Punta Telegrafo 2200 mt, la cima più alta del Monte Baldo…infatti dopo aver letto e riletto di mirabolanti imprese per raggiungerla…e aver scaricato quantità industriali di tracce gpx tutte rigorosamente dai 2000 metri di dislivello in su…decido di compiere l’impresa adattando il tutto alle mie direi normali capacità di biker…
Ho una traccia collaudata fino al Rifugio Fiori del Baldo a quota 1820 fatta l’anno scorso con due persone speciali Pippo&Dany (che putroppo questo weekend sono impegnati)…usufruendo del servizio BusWalk&bike una normale corriera di linea con un potere in più…un carrello posteriore porta bici con la quale poter raggiungere la località di Prada alta…punto di partenza del tour…
Sabato mattina sveglia presto ore 5.45…colazione…bici sul tetto e via verso Garda che si trova a circa 1,30 di macchina dalla mia afosa Rovigo…
Arrivo per le 8 al parcheggio del noto centro termale con piscine di Gardacqua…dove decido di lasciare la mia ammiraglia…e dove mi preparo lo zaino e tutto il necessario per il mio personale big tour…
Scendo in picchiata alla stazione delle corriere della cittadina gardense e acquisto alla modica cifra di 6,50 centesimi di euro il biglietto per il magico bus dei desideri…il mio personalmente è quello anche di risparmiare almeno 1000 metri di dislivello quasi interamente su asfalto!!!!
Il tragitto dura circa 30 minuti…e l’autista davvero gentile e simpatico (vista la quantità di bike sul carrello posteriore) mi permette di mettere la fedele “stumpy” direttamente su in corriera con me…dove una famelica compagnia di goliardici bikers locali apprezza e guarda stupita il mio reggisella telescopico…e così io elarcisco con il mio simpatico charme sapienti consigli e delucidazioni in merito al moderno accessorio per mtb…
Una volta arrivato a Prada alta…come si dice…la “bubbana” è finita…comincia la mia scarpinata!!!
Scendo per circa un paio di km veloci…su bitume…per imboccare la piccola stradina che decreterà l’inizio vero e proprio della mia “arrampicata” al Telegrafo…
La prima parte si svolge interamente su asfalto e per buona parte all’ombra con pendenze sempre pedalabili e costanti…poi diventa una mulattiera un po’ scassata nel sottobosco…
Continuo a salire quando improvvisamente gli alberi e la parte boschiva lasciano ampio spazio a prato ed a incredibili panoramiche sul Lago di Garda…
Qui decido di salire passando dai pascoli per il forte abbandonato evitando così la classica salitona monotona gustandomi un bel singletrack che mi conduce direttamente fino al Rifugio Fiori del Baldo dove mi attende una meritata fetta di crostata e un succo di frutta…finalmente qualcosa di commestibile invece della solita barretta energetica gusto mela…così vicina alla consistenza di una camera d’aria!!!!
Scatto qualche foto e guardo oltre…ora la salita verso il Rifugio Chierego diventa impegnativa non solo per la pendenza ma anche per il fondo pietroso e smosso che mi costringe a farne almeno il primo pezzo bici a spinta…poi più avanti riesco a tornare in sella…
Sempre in bella vista là giù come uno specchio gigante il Lago che mi accompagna lungo il tragitto…a volte scorrevole a volte aspro…
Ora un tratto bici a spalla…per passare attraverso una forcella che mi permetterà di cambiare versante del monte Baldo…quello che si affaccia sulla Val d’Adige…anche qui con panorami mozzafiato…
Da qui in poi l’ambiente cambia radicalmente diventando quello tipico d’alta quota montano…ruvido…brullo…fatto di rocce e guglie…
E’ proprio in mezzo a questo scenario che si infila un sentiero davvero stupendo…infatti sono gasato a mille…e il profumo della cima Telegrafo e sempre più presente nell’aria…
Cerco di non dimenticare però che la concentrazione è importante visti anche i ripetuti tratti esposti o franati…ma nel complesso tutto fila liscio e mi sento davvero un pioniere della montagna in questa mia avventura solitaria…
Continuo in sali e scendi…fino a che il raggiungimento della mia meta non mi costringe nuovamente bici a spalla…ma la croce sulla cima è lì a poche centinaia di metri…e tra gradoni di roccia, scalini di legno…finalmente arrivo a Punta Telegrafo…dove un altro manipolo di bikers supersonici…già visti prima…mi accoglie e si congratula con me…come una sorta di condivisione dell’impresa che non tutti sono disposti a fare per raggiungere obiettivi come questo…
Ci sono riuscito…
Mi guardo intorno…360 gradi di pura bellezza…le cime delle altre montagne vicine…la Val d’Adige…e la in basso come una pietra preziosa sapientemente incastonato il Lago di Garda…il tutto a testimoniare la grandezza e la forza della natura…che ha saputo dipingere questo splendido quadro con ripetuti colpi di pennello nei secoli…
Una libidine per gli occhi e per l’anima!!!!
A questo punto…i sentieri per scendere da qua sopra sono i famosi 657-656-660…ma essendo questa la versione umana…e non avendo portato con me ginocchiere, gomitiere…ecc…ed essendo da solo…decido di scendere senza rischiare la pelle per forza…anche se il grado di difficoltà risulta cmq alto e la concentrazione non deve abbandonarmi… e neppure le forze…2200 metri di dislivello negativo non sono “brustoline”!!!!
Faccio a ritroso il sentiero in costa fatto all’andata…che risulta assai più ciclabile e piacevole…
E sostanzialmente fino al Rifugio Fiori del Baldo…scendo per il percorso dell’andata…divertendomi tra roccie smosse e gradoni…tratti più filanti e altri più impegnativi…
Scendo per la mulattiera che mi riporta poco sotto al forte abbandonato…dove imbocco un sentierino davvero stretto e bello tecnico…con qualche tornantino proprio da nose press (a saperli fare!!!!)
Continuo su prato costeggiando una chiesetta e ritorno su una strada più larga…e per buoni 5 km alterno prati di pascolo dove più volte bisogna aprire e chiudere i recinti in filo spinato…e sentieri nel bosco…prevalentemente in discesa ma con qualche breve strappo in salita…
La lunga discesa non mi annoia…e il mio sorriso è sempre bello stampato sul viso…anche quando a metà percorso affronto un sentiero con grossi scalini di roccia…con gran finale un mega tappeto di rocce smosse sul quale galleggiare….(ma non ero venuto in bici…non con il canotto!!!!)
Il clima montano è ormai un ricordo…e lascia spazio a quello collinare tipico del basso lago…e naturalmente io non me ne sono quasi nemmeno accorto preso dalla foga e dalla velocità….
Raggiungo così località Lumini…e in rapida digressione arrivo alla pineta sperane…dove comincia una discesa in singletrack davvero spettacolare degna di tutta la fatica fatta fino a qui…
Toboga…rocce….radici…scalini…piccoli drop…immersi nel bosco…dal flow dirompente!!!!
Poi ancora una sterrata fino alla scalinata di ciottoli che da un piccolo borghetto antico mi porta alla discesa nella Valle dei Molini (che è anche parte del percorso di gara della GF di Paola Pezzo)…accompagnato dal rumore del ruscello che la costeggia…
Sciolgo un po’ le spalle ed i polsi…lungo il finale di questo tratto…provati dalla infinita esperienza downhill…da Punta Telegrafo a qui…
Ed eccomi al pargheggio…la vedo…è la mia macchina…sono arrivatooooooooo!!!!
E qui una volta sceso di sella mi lascio andare con una delle più rozze espressioni ma forse anche quella che rende meglio la soddisfazione di biker dopo una giornata del genere:
“caz** che giro atomico!!!!!”
Ed ora come nei migliori films…i titoli di coda….:
Biker: MARCO+
Bike: specialized stumpjumper fsr 2011
Location: Punta Telegrafo 2200 – Monte Baldo - Lago di Garda
Km percorsi: 46 circa
Dislivello up: 1600 mt circa
Dislivello down: 2200 mt circa
Ciclabilità: 90% circa
Musiche: a cura della natura…
Ringraziamenti: ai bikers supersonici trovati lungo il percorso ed in vetta, al R.Fiori del Baldo per la crostata, a Pippo&Dany per mille motivi e per il loro supporto tecnico/esplorativo in zona Garda…e alla mia paziente morosa che se potesse a volte mi farebbe una collana di ferro con la bici e stringerebbe forte…ma alla fine mi concede il tempo per coltivare questa mia passione snervante per la mtb…e alla quale leggendo questo report quasi quasi si commuoveva…

P.S. INFO SUL SERVIZIO BUSWALK&BIKE NEL SITO:
http://www.atv.verona.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/136

P.P.S. Piccolo report e foto di questo itinerario qui:
http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=201788





Come arrivare al punto di partenza

Il punto di inizio dell'itinerario è la stazione del servizio BusWalk&bike di Prada alta sul Lago di Garda.
La partenza del bus è nella stazione delle corriere in centro a Garda.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

gippolotto

15.07.2011 21:50

Complimenti per il giro e per come l'hai raccontato... chissa che un giorno non riesca a farlo...
link
edit/delete

Seriall74

21.07.2011 22:58

Bellissimo, complimenti per l'impresa e per la descrizione. Ciao Marco, a presto.
link
edit/delete

Eddie1976

19.10.2011 22:49

Questo non me l'avevi raccontato... quando si fa una pedalata assieme? noi di padovamtb.com abbiamo in programma un giretto sul garda uno dei prossimi weekend. Se vuoi unirti a noi, fa sempre piacere...
link
edit/delete

MARCO+

20.10.2011 22:21

Grande Eddie...ebbene sì...è stata proprio una bella impresa ed un gran bel giro...ci sentiamo presto...magari per il garda...tenetemi informato!!!!ciaooooooooo

Infos

Inserito da
MARCO+
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
11.07.2011
Località
Garda
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
6 ore circa
Distanza
46
Dislivello
1600up - 2200down
Difficoltà tecnica
medio+
Condizione fisica
allenato
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1228
Downloads
159
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2022 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors