Giro delle due creste

Una gita alla portata di tutti sulle più belle colline tra Franciacorta, Val Trompia e lago D’Iseo

Partenza in Piazza ad Ome (attenzione al parcheggio con disco orario – possibile parcheggio anche vicino al cimitero poco prima della piazza).
La gita inizia per Via Lizzana, a destra della banca, indi per via Borbone sino all’omonima frazione. Superata la frazione, si prosegue diritti in direzione Pianello. La strada cementata inizia a salire sino ad un traliccio, ove si tira dritti per la massima pendenza (cartello “divieto di moto”) ignorando le indicazioni “i due angeli Ristorante” (non ignoratele sempre, però. Si mangia benissimo). In breve il ripido cemento ci porta alla poetica chiesetta del Pianello. Si supera una sbarra (cartello “divieto di moto”) ed in breve il cemento lascia spazio ad uno sterrato mai ripido che in breve ci porta al bivio con la mulattiera (ristrutturata nella primavera 2009) che collega Barche con la Tesa. Si prosegue in salita sino alla frazione Barche (ristoro e panoramiche da non perdere).
Superata la frazione Barche si segue la strada asfaltata prima in piano e poi in discesa che dopo due tornanti incrocia la provinciale Gussago Brione. Si prosegue in salita sino al bivio a destra con indicazioni “La Madia Ristorante”. Si segue in direzione via Aquilini, quindi via Dosso (cartello “divieto di moto “) proseguendo su un tratto cementato che poi diventa un bellissimo sottobosco. Al primo incrocio si gira a sinistra, ignorando la sterrata a destra che va in discesa. Si incontra così la strada cementata che si prende in salita svoltando a destra e la si segue sino al bivio per “località betulla e saresa”; svoltiamo a sinistra (cartello “divieto di moto”) e teniamo la strada cementata finché vediamo sulla destra una bella villa con una pozza recintata che dà sulla strada. Subito dopo il giardino si prende la ripida cementata a destra (qui i motociclisti evidentemente esasperati hanno distrutto il cartello “divieto di moto” che giace in terra crivellato di colpi) che in breve ci porta in località "Tre Pauli". Qui la salita diventa per breve tratto decisamente tecnica, e solo i veri bikers riusciranno a percorrerla tutta in sella. Si raggiunge il Pizzo Cornacchia, con panoramiche strepitose su Lumezzane a la val Trompia, Si discende la ripida sterrata (attenzione che a volte vi è una catena!!!) e, seguendo le indicazioni del sentiero 3 valli, si raggiunge la località Vesalla, Da qui iniziamo la discesa su asfalto, ma percorse poche centinaia di metri svoltiamo a destra (indicazioni “Al Ginepro”) e quindi subito a sinistra per riprendere le indicazioni del sentiero 3 valli, iniziando un entusiasmante single track che ci porta a San Giovanni di Polaveno (acqua).
Qui, passando sotto ad un volto, inizia la stradina cementata che porta alla frazione Zoadello. Si lascia il cemento in corrispondenza di una sbarra e poi si segue il sottobosco sino ad un bivio con alcune case: si prende a destra e subito a sinistra (indicazioni Zoadello – “divieto di moto”).
Giunti alla frazione Zoadello, si prende per breve tratto la strada che porta a Polaveno e quindi subito a sinistra per S. Maria del Giogo. Al tornante con parcheggio si prosegue dritti e poi, seguendo le indicazioni, arrivati ad una santella si prosegue dritti per la vetta sulla strada degli alpini (sbarra e tornello pedonale).
Il ritorno può avvenire sulla via di andata ovvero (consigliata) con un single track nel bosco che inizia cento metri dopo il tornante, sulla sinistra. Nel sottobosco, attenzione a girare a sinistra non appena si arriva ad una pozza d’acqua.
Si riguadagna la frazione Zoadello su strada asfaltata e quindi, seguendo a ritroso l’itinerario di salita, si ritorna alla sbarra. Superata quella, si prosegue a destra sino ad un bivio; prendiamo al strada che sale ancora per poche centinaia di metri, per poi portarci a fare una delle più belle discese della zona, sino alla frazione Dosso di Monticelli. Ripresa al strada asfaltata, la seguiamo per alcune centinaia di metri per svoltare a sinistra in una strada sterrata subito dopo la casa di riposo.
Un’altra meravigliosa discesa ci riporta ad Ome.



Come arrivare al punto di partenza

Si giunge ad Ome dalla superstrada Brescia - Iseo, uscita Rodengo Saiano, indi dritti sino al centro (piazza) di Ome

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Gilbomorris

11.07.2009 21:42

Avatar

Fatto oggi nel pomeriggio, ma senza la variante di S.Maria del Giogo.
Bel percorso, consigliato!
Unico problema sulla discesa dal Dosso di Monticelli a Ome.
C'è un cancello con il passaggio SOLO per i pedoni (la bici non ci passa bisognerebbe smontarla)
ho tagliato nel bosco subito sulla destra del cancello fino a incrociare la strada.
link
edit/delete

giopeli

13.07.2009 18:06

Avatar

Vita amara è vero, hanno chiuso il cancello ... e poi ce n'è un'altro per l'uscita ... in realtà dovrebbero restare chiusi solo per un breve periodo, almeno così è successo di solito. Vi è il passaggio pedonale: il primo sono riuscito a farlo impennando la bici, con un po' di fatica. Il secondo no, ho dovuto materialmente sollevarla e passarla sopra la rete metallica. Siamo poveri bikers incompresi.
link
edit/delete

stefanostanga

23.04.2010 23:47

Avatar

Giro stupendo, consigliatissimo, bravo Gibomorris! In pochi km si passa dalla Franciacorta alla Valtrompia con successiva vista sul Sebino! Merita!
link
edit/delete

CINMAU

05.07.2010 22:29

Avatar

bellissimo giro e per i cancelli non ci sono problemi basta sollevare la bici e passarsela-.se sei solo la cosa è più complicata,grazie per la traccia
link
edit/delete

Gilbomorris

06.07.2010 08:23

Avatar

Ehm... Stefano, il percorso l'ha inserito giopeli! Ciao!
link
edit/delete

gips

19.07.2010 17:39

Avatar

Il giro è molto bello. Ho trovato solo difficoltà per la discesa verso dosso perchè ho trovato un cancello (giallo) senza passaggio pedonale non aggirabile. L' unica alternativa era scendere nella boscaglia che costeggia la rete di recinzione dove è riportata una freccia con scritto mi sembra "Paesana". L' ho percorsa per un centinaio di metri, ma poi a causa dei rovi mi sono rotto, sono tornato indietro e ho cercato una via alternativa. Per il resto veramente divertente.
link
edit/delete

bonghi78

16.10.2010 16:42

Avatar

Propio belle ,non ci son parole bisogna prendere e andare
link
edit/delete

miciolo

06.02.2011 19:57

Avatar

Fatto ieri, in quanto i giri nel piacentino sono infattibili x il fango.
Giro con discese e tratti in single trail molto belli.
Molto precisa la descrizione e la traccia con relativi waypoints anche se
il garmin mi indica una lunghezza di ca. 35 km ed un dislivello di ca. 1500 mt (che alla fine del giro ....ho sentito).
Ritornerò senz'altro a farlo
link
edit/delete

Federico Brescia

06.08.2011 19:05

Avatar

Fatto oggi.... complimenti Giopeli per la completezza della descrizione del tragitto.
Direi proprio non per tutti, mtb minimo ammortizzata sull' anteriore e un allenamento post.
Sono abbastanza allenato con quasi 2000 km annui, sono tornato ben cotto !
Anche il fango della grossa piovuta notturna ha dato un buon contributo.
Ciao Fede
link
edit/delete

ciciu

14.11.2011 16:27

Avatar

il giro merita proprio di essere intrapreso ; chi non ha gamba può anche evitare di salire a Santa Maria del Giogo e tornare a Monticelli senza passare da Zoadello .
Solamente vorrei dire che a mio parere la discesa finale non è più una delle più belle della zona : e' la solita strada scassata in pietre che porta ad un capanno da caccia sul crinale . Forse prima dei lavori per il metanodotto , meritava la sua fama .
Mi trovo molto in accordo invece sul fatto che il sentiero 3 valli è fantastico nel tratto dal Ginepro a San Giovanni .
Ci tornerò sicuramente .
link
edit/delete

darietto77

03.11.2012 09:04

Avatar

Bello! l'ho provato ieri e mi è piaciuto un sacco! ci tornerò magari con sentieri più asciutti. Molti discese ho dovuto evitarle per via del fondo bagnato! (mi son fatto 2 cadute!! eh eh )
Pedalabile e con paesaggi davvero favolosi! Posti che non avevo mai visto pur abitando a pochi km. di distanza! Ottimo percorso davvero!
link
edit/delete

uscirun

25.08.2013 14:14

Avatar

Fatto ieri tutto il giro come descritto. Ottima relazione con preziosi dettagli per non perdersi. Ci siamo divertiti molto. Attenzione alla segnlazione per San Giovanni di Polaveno. I cartelli con sentiero 3 valli non ci sono piu' e l'entrata per il single track e' quasi non visibile a causa di un piccolo cantiere.
link
edit/delete

130300

11.12.2013 18:38

Avatar

fatto oggi. con bici da enduro è davvero troppo semplice, direi più propriamente un giro xc. comunque un buon allenamento. grazie
link
edit/delete

Federico Rongaroli

24.06.2015 11:45

Avatar

Ciao, qualcuno lo ha fatto di recente e mi sa dire in che condizioni è? Grazie
link
edit/delete

Nekro

16.07.2016 10:10

Avatar

Non per tutti, ma bello.....un po' di rovi ma a parte qualche graffio tutto ok!
link
edit/delete

nicolagroppi

16.02.2017 14:43

Avatar

Ciao secondo te è fattibile farlo domani l'altro ? C'e neve sul percorso ?

Infos

Inserito da
giopeli
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
10.06.2009
Località
Piazza Aldo Moro, 23, 25050 Ome BS, Italia
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
dalle 3 alle 4 ore
Distanza
32,5 Km
Dislivello
1.350 m.
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
media
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
2942
Downloads
553
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2017 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors