Monte Ario - FR 5

Verso le 3 si parte da Brescia, non c'è una nuvola e la voglia aumenta. Arrivati a Bovegno dopo mezz'ora di trepidazione partiamo. (Per il parcheggio: piazzola del km 28 della strada SP BS 345). Dopo poche centinaia di metri sulla destra appare l'indicazione per Zigole e Mago proprio quella da prendere. Si incomincia a salire, a salire e a salire, si passa Magno, il comune di Carezia e dopo qulache km incontriamo anche il cartello che indica la fine di Bovegno. Per ora tutto asfalto ma perfortuna poco traffico. Il percorso è molto piacevole perché è per l'80 % in ombra e la temperatura è eccezionale. Ecco che ci appare il cartello che sancisce l'inizio del comune di Irma. Accostando una simpaticissima e gradevole pineta giungiamo dopo molta fatica a Vaghezza, più o meno a 1200 mt. Un chiosco low cost tipico della Valtrompia ci permette un rapido rifornimento e via che si riparte. Da Vaghezza parte una strada sterrata molto bella e anche faticosa che ci porta fino in cima a mille e seicento metri. Spettacolo mozzafiato! La cima del Pezzeda ci guarda dall'alto e il Monte Ario, ai piedi del quale ci troviamo, dista a 300 metri di dislivello non percorribili in bici, a quanto dicono i malghesi, e per quanto li si possa capire. Ora, costeggiando il Monte Ario tenendolo sulla destra, ci troviamo di fronte a due malghe una in costruzione e una pittosto "diroccata". Da lì non vi è un vero e proprio sentiero ma basta scendere attraverso il prato situato tra le due malghe ed ecco che, dopo diversi su e giù, tenendo sempre il Monte Ario sulla nostra dx, ci imbattiamo in un faggio spettacolare e gigantesco. Procedendo entriamo in una pineta che è segnalata, saltuariamente, dal colore arancio-rosso. Procediamo e fino a che, pensando di esserci persi, troviamo una strada ghiaiosa piuttosto larga e scorrevole. Alla fine della discesa con grande gioia riconosciamo i cartelli dei percorsi FR e, sotto l'indicazione di un compagno scegliamo il 5°. Percorso piuttosto scorrevole, veloce con tornanti e parabole. C'è un salto carino ma anche piuttosto basso. Il tutto però assume un carattere particolare per la perfetta commistione di ingredienti perfetti: single-track, natura e bici. si può chiedere di più?!

P.s. ad un certo punto la prima parte di FR 5 finisce, c'è un bivio, mi raccomando ricollegatevi alla strada perché la seconda parte e malmessa e difficilmente percorribile.


Come arrivare al punto di partenza

Procedendo sulla strada principale c'è una piazzola a destra ghiaiosa e piuttosto grande. Per intenderci al cartello stradale 28 SP BS 345.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
Marcobri
Avatar
Tipologia
Bikepark
Inserito il
04.07.2011
Località
Via Don Omobono Piotti, 25060 Pezzaze BS, Italia
Regione
Lombardia
Tempo Percorrenza
3-4 ore
Distanza
Circa 33
Dislivello
1100
Difficoltà tecnica
Medio
Condizione fisica
Se allenati medio-f
Visite
367
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors