Rive Rosse - Anello classico "short"

Il classico anello delle Rive Rosse, che tocca la zona dei salti sopra San Giorgio e la discesa sul sentiero M41 fino alla Diga di Masserano.
Questa è una versione accorciata, che tocca le zone più belle: la zona dei salti, la diga Ravasanella, l'abitato di San Martino, e la discesa finale alla diga di Masserano lungo il sentiero M41. Una volta saliti alla zona dei salti, e scesi fino all'ultimo, si deve risalire per riportarsi in quota e quindi prendere il nuovo e divertente sentiero che scende alla diga Ravasanella, da qui l'anello prosegue normalmente.
Si parte dal B&B Villa Il Torchio a Portiglie, vicino a San Giorgio.


Come arrivare al punto di partenza

Portiglie è una frazione di Brusnengo, a pochi chilometri da Gattinara (NO) in direzione Biella.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Black Devil

09.12.2012 16:21

Anche le giornate invernali ma ben soleggiate si prestano a questo giro favoloso!
La salita inizia quasi subito ed è dura... ma non è molto lunga, non scoraggiatevi. Il "parco giochi" dei salti merita qualche ripetuto passaggio. La vista della diga Rovasenella di Asei riempie gli occhi di meraviglia.
Ma il pezzo grosso e senz'altro il sentiero M41: ECCEZIONALE!!! Lungo, bello, scorrevole, esaltante, panoramico. Ad aspettarci per una meritata pausa vi è un'area pic-nic alla fine di esso posizionata sulle sponde dell'altro lago artificiale delle Piane, meraviglioso anche questo forse più di quello di Asei. Poco dopo si può fare un'altra sosta al Parco Arcobaleno. Appena sopra vi è anche un pistino per MTB, nulla di chè, ma adatto a fare un pò di stupidate.
Si ritorna a casa con la voglia di rifarlo assolutamente!
Grazie per l'ottimo consiglio e l'ottima traccia.
link
edit/delete

pagani.cristiano

19.01.2013 13:50

d'accordissimo con Black Devil.....il sentiero M41, vale la fatica della salita, che poi almeno io, la faccio partendo da Gattinara e salendo per villa del bosco....un pochino più lunga, ma meno faticosa che salendo da brusnengo....spazi ampi....panorami stupendi.....io consiglio di farla in inverno.....senza le foglie sui rami degli alberi ( a parte i pini) ci si gusta di + il tutto....veramente bello come giro.....da provare....e riprovare...!
link
edit/delete

Black Devil

19.01.2013 16:35

Ciao Cristiano, sono contento che il giro sia piaciuto anche a te. Ti consiglio di vedere anche la mia recensione sempre sulle Rive Rosse. Questo tour penso sia il migliore per vedere tutte le principali zone: http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/8969
link
edit/delete

Dave111a

03.05.2014 20:55

Fatto oggi. Veramente bello, sopratutto, come già scritto dagli altri utenti, la parte panoramica del sentiero M41.
La discesa verso Masserano è piuttosto tecnica, ma piacevole in diversi punti.
Da rifare assolutamente.
link
edit/delete

maxsassa

18.05.2014 07:57

Percorso fatto ieri, divertente la zona salti , anche se a inizio percorso si e' ancora freddi.
Molto bello il resto del percorso dal punto di vista paesaggistico, ma tanti tratti noiosi per una discesa carina, e 5 km di asfalto per tornare all'auto.
Personalmente Pogno e Coggiola tutta la vita.
Ciao
link
edit/delete

Black Devil

18.05.2014 09:37

Sicuramente Max dal punto di vista enduristico Pogno e Coggiola sono, come detto da te e confermo, un'altra cosa (non le batte nessuno).
Le Rive Rosse sono invece particolari per il paesaggio incomparabile ed i single-trails adatti a tutti i palati (ovviamente con una buona preparazione fisica e tecnica). Percorsi da fare "slow" per apprezzarne appieno tutte le loro sfaccettature che su queste terre sono molte. E' la "nostra piccola" Moab americana.
link
edit/delete

roy batty

18.05.2014 09:56

Come risposto da Black Devil, il giro delle Rive Rosse è un "giro", un itinerario ad anello che tocca alcune delle più belle zone tra Brusnengo e Masserano.
E come tutti i giri ad anello, ci sono tratti di collegamento che non saranno né entusiasmanti né interessanti.
Pogno e Coggiola invece sono spot enduro dove, per fare le discese preparate dai ragazzi del posto, devi purtroppo - ed è il prezzo da pagare - fare il "criceto", ovvero salire quasi sempre dalla stessa salita. Ciò non toglie che girare in questi due spot sia bello, ma solo ed esclusivamente per le discese che si affrontano...
Se devo scegliere, personalmente opto per un anello ampio e variegato, per panorami, ambienti, bellezza dei sentieri sia in salita sia in discesa... e non per un "su e giù" quasi solo fine a se stesso... e torno più volentieri alle Rive Rosse che a Pogno e/o Coggiola, a meno che non ci siano gare enduro in mezzo, anche se da quest'anno alle Rive Rosse si gareggia... ;-)
link
edit/delete

roy batty

22.04.2015 13:41

Augurarsi il male altrui non è né educato, né corretto, per essere gentili... avrei cancellato il commento ma non è possibile.
Sarebbe bastato fare un report sullo stato dei percorsi, quello sarebbe stato utile e gradito...
link
edit/delete

Ricsco

22.04.2015 14:37

Roy batty, ammetto che ci sono andato giù pesante nel commento precedente, ma almeno posso dire che considero "pericoloso" l'atteggiamento di molti spaccamontagne di spacciare per divertenti e favolosi certi giri che in realtà non lo sono per i comuni mortali? Non parlo di paninotti delle montagne, ma di gente normale, padri di famiglia che non si bardano in bici come per andare alla guerra, come ad esempio certi che spesso incrocio nelle mie escursioni. E' così difficile aggiungere un commento oggettivo anziche usare delle classi predefinite che lasciano il tempo che trovano? Chi ha una laurea in matematica non può giudicare facile o divertente un problema che normalmente è difficile se non impossibile a risolversi per i non matematici. Rileggi quanto hai scritto in precedenza tu e i tuoi amici e poi dimmi se non ho ragione di dubitare. Ho risposto a tono per far capire a quelli della mia età e condizioni fisiche di non mettersi nei guai provando lo stesso percorso. Chi descrive per primo un itinerario (o problema) ha infatti una grande responsabilità: quella di essere oggettivo e aiutare chi segue a capire se può farcela o meno anche senza condizioni fisiche e attrezzature speciali (o laurea in matematica). Io ammetto di essere stato duro nei giudizi, vediamo se tu e i tuoi amici ammetterete la superficialità della descrizione e chiederete scusa ai lettori. Inoltre se non lo hai fatto prova a rifare lo stesso tuo percorso in questi giorni portandoti un amico "normale", con bici "normale", non spaccamontagne come te, poi vediamo se non perdi l'amico. Io ieri non mi sono fatto male seriamente solo per miracolo, ma sono caduto in una di quelle maledette buche che vi piacciono tanto e non è stato bello, credimi. Buone gite in sicurezza a tutti quanti!
link
edit/delete

@lberto

22.04.2015 14:46

posto che non conosco assolutamente il tracciato, vedo che la scheda riporta una difficolt' tecnica "medio/alta" e questo dovrebbe già mettere sull'allerta i ciclisti "normali"
link
edit/delete

Ricsco

22.04.2015 14:55

@lberto, tutto è relativo. Rispetto ai miei amici cinquantenni io sono molto in forma e abitualmente percorro senza problemi anche 1500m di dislivello in un giorno, ma con i miei modi e tempi. Certo rispetto ad un ventenne sarei una lumaca, ma non per questo mi tiro indietro davanti ad un giudizio scritto "medio" o "medio alto".
Ti dò lo stesso consiglio che ho dato a Roy Batti: fai il percorso con un amico "normale" e poi ne discutiamo.
Mi dà enorme fastidio la superficialità dei giudizi e l'assenza di avvertimenti di pericolo. C'e' tutto lo spazio per aggiungere avvisi di pericolo e precauzioni, che nessuno di voi ha utilizzato per questo percorso.
E chissà gli altri percorsi come saranno! Questo è il primo e ultimo percorso che seguirò a scatola chiusa fidandomi dei vostri giudizi superficiali.
Faccio anche notare che le foto in alto non corrispondono all'itinerario descritto. E' tutta un'altra zona!
link
edit/delete

Black Devil

22.04.2015 20:55

Vorrei mettere un pò di ordine a queste ultime discussioni.
Io di anni ne ho 46 e vado in MTB da qualche anno, mi ritengo per cui anch'io un ciclista medio, non uno scavezzacollo (ho famiglia a casa) e neanche uno spaccamontagne.
Come ben sapete di giri alle "Rive" nei miei report ce ne sono parecchi e sono classificati quasi tutti come difficoltà tecnica DIFFICILE e condizione fisica DIFFICILE. Inoltre raccomando anche cautela in alcuni passaggi, bici bi-ammortizzate e reggisella telescopico.
Non sono giri per tutti, ma con un pò di cautela in discesa e spingendo in alcuni tratti la bike in salita tutti possono farlo: basta usare la testa e in caso di tratti pericolosi anche io scendo dal mezzo (perchè rischiare?).
Ho fatto le "Rive" qualche giorno fa e non ho trovato tratti disastrosi. In caso di solchi scavati dall'acqua basta rimanere ai lati del sentiero per non infilarci la ruota.
Penso comunque che il mio motto mi rappresenti e dica tutto: "andare dappertutto ma con calma".
Infine tantissimi bikers hanno scaricato tour delle "Rive" e per ora l'unica voce fuori dal coro è stata quella di Ricso (rispettabilissima), chiedo però rispetto anche per tutti quelli che pubblicano con fatica tracce nuove per far conoscere posti inesplorati e rispetto anche (come per Ricso) per quelli che invece danno feedback positivi (tutti gli altri).
Si può essere d'accordo o no nel giudizio di un report, ma mai augurare di spaccarsi le ossa o altro solo perchè il tour non è piaciuto o lo si giudica troppo pericoloso: lo si dice e basta.
Ognuno poi è libero di interpretarlo come meglio crede e affrontarlo di conseguenza.
link
edit/delete

Black Devil

28.04.2015 15:19

Il primo commento di Ricso in data 22/04/2015 è stato rimosso dallo staff su mia segnalazione perché giudicato non rispettoso delle regole del sito e troppo sopra le righe.
Raccomando a tutti gli utilizzatori del forum, di attenersi a commenti o segnalazioni costruttive (nel bene e nel male). Gentilezza, moderazione e rispetto pagano sempre.
link
edit/delete

fratellino76

29.04.2015 13:17

mi intrometto per segnalare un aspetto secondo me essenziale legato alle Rive Rosse. Personalmente ho percorso il tracciato 3/4 volte in diversi periodi ed ho notato che l'umidità del terreno determina pesantemente la tenuta di strada soprattutto per chi utilizza bici XC anche se full, per cui inviterei chi magari lo ha provato in un periodo troppo secco e non si è trovato bene a riprovarlo magari dopo una pioggia o in autunno per provare sensazioni completamente diverse, soprattutto in discesa.
Detto questo è uno dei miei percorsi preferiti
link
edit/delete

fede707

03.03.2016 13:11

Ciao, qualcuno mi sa dire lo stato di questo giro, lo vorrei fare domani ma non conosco la zona e non so se è fattibile per fango e/o neve.
link
edit/delete

Black Devil

03.03.2016 13:29

Neve assente. Fango in basso nelle zone boscose poco soleggiate. In ogni caso, specialmente in alto, il terreno asciuga rapidamente anche dopo poche ore da piogge.
Orario consigliato: verso tarda mattinata, primo pomeriggio.
Penso che si possa tranquillamente fare.
Nota: le foto NON SONO del tour qui descritto.

Ciao.
link
edit/delete

fede707

03.03.2016 13:34

Grazie mille per le info.
Le foto avevo capito che non c'entravano una cippa :).
Penso di andare domattina, non so se seguire la tua traccia, il tour definitivo, o quella di salitomania. Ma credo che in buona parte si ricalchino...
link
edit/delete

Black Devil

03.03.2016 13:42

Direi di si... più o meno. In ogni caso vai a colpo sicuro.
Buon giro.
link
edit/delete

roy batty

03.03.2016 15:06

Il bello è che le foto non sono neppure le mie! :-D
link
edit/delete

fede707

03.03.2016 15:38

Le foto ogni tanto il forum le carica a casaccio non so prendendole dove.
Anche a me è capitato più volte.
Comunque tu come creatore della traccia puoi entrare nella galleria e cancellarle.
Ciao

Infos

Inserito da
roy batty
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.03.2011
Località
Via Portiglie, 33-45, 13060 Roasio VC, Italia
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
2h
Distanza
21.0 km
Dislivello
430
Difficoltà tecnica
medio/alta
Condizione fisica
media
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1875
Downloads
424
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors