Riserva Bosco della Ficuzza - Palermo

La Riserva copre un'area complessiva di circa 7.398 ha (circa 5334 ha di riserva vera e propria e 2064 ha di pre-riserva), che ricade nei comuni di Monreale, Godrano, Mezzojuso, Corleone e Marineo. L'area è dominata dal massiccio calcareo della Rocca Busambra (1613 m s.l.m.) che delimita a sud il territorio della riserva, a nord del quale sorge il Bosco della Ficuzza e il contiguo Bosco del Cappelliere, due estese aree di foresta mediterranea sempreverde separate dalla strada provinciale che collega il centro di Godrano alla SS 118.
La riserva è ricca di corsi d'acqua a carattere torrentizio, che formano diversi laghetti naturali, i così detti "gorghi". Sul confine nord-orientale della riserva si trova infine il Lago Scanzano, o Lago Madonna delle Grazie, un bacino artificiale ottenuto per sbarramento del torrente Eleuterio.
[modifica] I Gorghi

Il Gorgo è uno degli ambienti naturalistici tipici di bosco Ficuzza. È un laghetto naturale di notevole importanza per l'equilibrio dell'ecosistema circostante. La presenza d'acqua durante la primavera e l'inizio dell'estate consente la riproduzione di anfibi ed insetti, equilibratori delle specie parassite del bosco. Il più noto, Gorgo del Drago, distante da Gorgo Lungo qualche centinaio di metri, è adesso asciutto per buona parte dell'anno. La causa del prosciugamento è da attribuire probabilmente ad un incendio che una quindicina di anni fa ha intaccato lo strato di torba su cui si forma il gorgo. Ben diversa è la situazione di Gorgo Lungo, ancora regolarmente alimentato anche nel periodo estivo, che mantiene inalterato l'habitat. Il paesaggio è suggestivo. Incassato in una conca, vi si può accedere da un canalone particolarmente umido ricco di muschi e licheni. Ricoperto da uno strato verde di lenticchie d'acqua, ospita la tartaruga palustre. Dall'accesso S. Barbara, direzione Gorgo del Drago, il tragitto è di circa 40 min..
[modifica] Accessi

La riserva è raggiungibile da Palermo attraverso la scorrimento veloce Palermo-Agrigento, imboccando l'uscita per Bolognetta e quindi proseguendo sulla strada statale 118 sino a Marineo e oltre, in direzione di Corleone. Superato il lago Scanzano si incontra sulla sinistra il bivio per Ficuzza, segnalato da un obelisco. Dal piccolo centro abitato la segnaletica guida verso diversi sentieri che si inoltrano nella riserva.
Altri possibili accessi si trovano nei pressi dei centri abitati di Godrano e Mezzojuso.
[modifica] Flora
Ophrys pallida

La riserva tutela l'area boschiva più vasta della Sicilia occidentale; ospita numerose specie di Quercus, tra cui il leccio (Quercus ilex), la sughera (Quercus suber), la roverella (Quercus pubescens) e l'endemica Quercus gussonei. Altre specie arboree presenti sono il frassino (Fraxinus excelsior), l'acero campestre (Acer campestre), il castagno (Castanea sativa) e l'endemico bagolaro siciliano (Celtis asperrima).
La vegetazione arbustiva è rappresentata dal biancospino (Crataegus monogyna), dal pungitopo (Ruscus aculeatus), dal caprifoglio (Lonicera caprifolium), dall'asparago spinoso (Asparagus acutifolius), dalla rosa di San Giovanni (Rosa sempervirens), dall'erica arborea (Erica arborea), e dalla ginestra spinosa (Calicotome spinosa).
Fra le specie erbacee meritevoli di menzione figurano il ciclamino primaverile (Cyclamen repandum), la peonia (Paeonia mascula), il giaggiolo siciliano (Iris pseudopumila) e l'endemica viola del Tineo (Viola tineorum).
La zona della Rocca Busambra ospita numerosi endemismi rupestri quali il fiordaliso della Busambra (Centaurea busambarensis), il cipollaccio di Busambra (Gagea busambarensis), l'astro di Sorrentino (Aster sorrentinii), l’erba-croce della Busambra (Valantia deltoidea), lo spillone di Gussone (Armeria gussonei) e la camomilla di Cupani (Anthemis cupaniana). Ai piedi della Rocca Busambra si trova inoltre una delle poche stazioni siciliane di Atropa belladonna.
La riserva ospita un ricco contingente di orchidee tra cui le endemiche Ophrys pallida, Ophrys lunulata e Ophrys fusca subsp. obesa ma anche Ophrys bertolonii, Ophrys tenthredinifera, Orchis provincialis, Orchis italica, Anacamptis longicornu, Serapias lingua e numerose altre.
[modifica] Fauna

La riserva ospita l'80% delle specie animali, tra uccelli e fauna selvatica, dell'intera regione.

Dei grandi mammiferi un tempo presenti oggi si ritrovano solo il daino ed il cinghiale (Sus scrofa), entrambi reintrodotti dall'ente gestore all'interno di poche aree controllate. Altre specie presenti sono la volpe (Vulpes vulpes), la lepre (Lepus corsicanus), il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), il gatto selvatico (Felis silvestris), la martora (Martes martes), la donnola (Mustela nivalis), l'istrice (Hystrix cristata) e il riccio (Erinaceus europaeus).
Capovaccaio

Molto ricca l'avifauna che comprende specie quali la cinciarella (Cyanistes caeruleus ), la cinciallegra (Parus major), l'upupa (Upupa epops), la ghiandaia (Garrulus glandarius), il rampichino (Certhia brachydactyla) e il picchio rosso maggiore (Dendrocopos major), solo per citarne alcune.
Tra i rapaci meritano una menzione particolare l'aquila reale (Aquila chrysaetos), il falco pellegrino (Falco peregrinus), il capovaccaio (Neophron percnopterus), il nibbio bruno (Milvus migrans) e il nibbio reale (Milvus milvus).

Tra i rettili sono segnalati la vipera (Vipera aspis), la natrice (Natrix natrix), il biacco (Hierophis viridiflavus), il ramarro (Lacerta bilineata), la lucertola verde (Podarcis wagleriana), le tartarughe terrestri Testudo graeca, Testudo hermanni e Testudo marginata e la palustre Emys orbicularis.

Tra gli anfibi è presente il rospo comune Bufo bufo.

Tra le numerose specie di insetti va segnalata la presenza del raro coleottero Carabus famini.


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
fabrizio73sub
Avatar
Tipologia
Itinerario da A a B
Inserito il
20.02.2011
Località
SP26, 90030 Godrano PA, Italia
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
2 ore 3 20 min
Distanza
20,8
Dislivello
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
medio
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
98
Downloads
27
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors