VALCAVA: Calolzio-Pertùs-Erve

Tipologia: Giro AllMountain con salite a tratti molto impegnative e discese incacchiate non sempre semplici da seguire.
Lunghezza: una trentina di km
Dislivello: credo sui 1100m
Periodo: l'ho fatto a metà gennaio, ma perchè pioggge e sole hanno sciolto tutto, direi da marzo fino a novembre.
Traccia GPs: Sì ma ocio, è ottenuta unendo tre spezzoni e senza esser stata pulita.

Allora, son salito da Calolzio per la vecchia strada che sale fino a Carenno passando da Lorentino e Moioli, strada ciottolata molto ripida dove passano solo i trattori.
Arrivato a Carenno ho seguito la strada asfaltata principale fino ad arrivare ai campi di calcio, in prossimità dei quali parte la carrozzabile che sale verso la vecchia colonia (o convento, boh) e poi al passo del pertùs, l'ultima parte è tutta sterrata\cementata.
Salendo si intravede quasi sempre l'ultimo pezzo di sterrata da percorrere sotto il monte Ocone ed il passo del pertùs; PRIMA di arrivare alla vecchia colonia, anzichè fare l'ultimo tornante a destra si tira dritto sempre sulla sterrata con una gran vista panoramica, ad un certo punto si comincerà a scendere, ad un certo punto la strada si stringerà sempre più fino ad arrivare ad un roccolo.
Qui ci sono tre possibilità: a sinistra c'è un sentiero che scende verso Carenno in località "i morti", a detta di un local col trial è molto carino da fare anche se corto; andare dritto verso il monte Spedone e poi scendere a Erve, ma sempre secondo lui è molto brutta, me l'ha sconsigliata. Io sono andato a destra in un sentiero stretto che poi diventa molto sporco e non sempre chiarissimo, il punto di riferimento è un piccolo nucleo di case sopra Nesolio che si riesce ad intravedere; spingendo\pedalando si arriva ad una palina di segnalazione dei sentieri che indica solamente che continuando dritto si va verso la passata, qui si deve girare a sinistra ed il sentiero inizia a dare soddisfazioni.
Tornantini, rocce, stretto, ripidi, da guidare, c'è di tutto e non è affatto banale. Si punta ad una casa isolata nel bosco, sulla sua sinistra il sentiero continua fino ad un bivio destra-sinistra: il più invitante ricordo essere a sinistra, beh, si va a destra, ricordate di puntare sempre al gruppetto di tre case che si intravede al di là del bosco. Poco avanti si attraversa un ruscello e si arriva finalmente al gruppetto delle case; qui comicia un drittone tutto da guidare molto divertente fino ad arrivare al vecchio paesino di Nesolio, per chi ne avesse piene le balle da qui parte una recente sterrata che vi porterà velocemente giù ad Erve, altrimenti tenendo la sinistra riparte il vecchio sentiero con diversi tornantini bastardi da chiudere fin giù ad Erve.
Qui si risale su asfalto in direzione Costalottiere, la strada sale, poi scende e risale fino al gruppo di case di Saina, da qui sentiero in salita fino ad una croce con un tavolone, ora si scende. Bel traverso per poi incazzarsi seriamente, boccioni sul sentiero con purtroppo diversi alberi ad intralcio, si sbuca ad un ristorante sopra la chiesa di S.Girolamo; non scendere verso questa chiesetta perchè è una cementata ripida senza senso, si continua verso il ristorante e lo si supera, dopo nemmeno 150m si entra nel bosco sulla destra, con diversi saliscendi si arriva ad un acquedotto e poi giù per un sentiero molto carino (impossibile da spiegare) fino a sbucare sulla strada principale.


Come arrivare al punto di partenza

A Calolziocorte, qualsiasi parcheggio va bene.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

dariuz

16.01.2011 23:41

ciao
ho fatto entrambi i sentieri che citi al Roccolo, quello che va a sinistra era bellissimo finchè non hanno tagliato il bosco, ora è molto rovinato, arrivi al baitello genepi, li è interessante!
quello che va diritto verso il monte spedone invece a me piace, ci sono un solo un paio di punti inkazzati
esiste un terzo che sale e attraversa tutti i roccoli e poi scende a intercettare il secondo ed è molto bello, ripido e tutto a tornantini molto stretti...

Dariuz
link
edit/delete

aledabomb

04.02.2011 18:24

leggo solo ora le varianti.... peccato visto che andiamo domani mattina, ci accontenteremo...
link
edit/delete

FedeValse

23.03.2011 15:23

Ciao Dariuz, volevo chiederti delle delucidazioni sul percorso. L'ho fatto questa mattina ma mi sono perso e ho faticato per tornare indietro.
Allora, scesi dal pertus e arrivati alla piana coi roccoli e le tre casette di appostamento per i cacciatori ho visto una palina che segnava il sentiero per la passata e il rifugio alpini monzesi. Ho preso quello ma è stato molto difficile pedalare. Arrivato alla seconda palina che hai descritto tu con la stessa segnalazione non so se ho sbagliato perchè su un sasso sottostante la palina vi era un'indicazione scritta a pennarello che indicava la scritta ERVE-NESOLIO 50'. Sono sceso per lo più a piedi e sono arrivato ad una casettina ma da lì nulla, non ho più visto sentieri, credo d'essermi perso.
Alla fine sono salito a piedi con la bici in spalla verso la famosa palina per poi tornare alla piana. oltrepassati i roccoli sono sceso da un sentiero abbastanza guidabile e molto divertente per finire a carenno.
Mi chiedo se alla palina avrei dovuto proseguire dritto verso la passata...
Aspetto tue notizie x ri-tentare il giro

ciauuuu
link
edit/delete

ilabello

21.05.2016 21:19

io non capisco se questi sentieri si siano deteriorati nel tempo oppure se si fanno con la logica di "bike and hike", oppure se io sono pippa dotato di front che non riesce a stare in sella dove altri non hanno problemi.

Sta di fatto che, il tratto indicato come cyclepath, l'ho fatto completamente a piedi e spesso ho temuto che la bici mi sarebbe scivolata via con danno irreparabile per la stessa.

Nota positiva: come immagine e natura, nella giornata di sole di oggi, il percorso è spettacolare.
link
edit/delete

lazzaro54

13.06.2016 09:28

giro fatto ieri e confermo quanto detto da ilabello .. il sentiero fino alla 3 casette nel bosco versa in stato di abbandono, alberi caduti, sentiero ridotto ai minimi termini e vegetazione fitta ; ieri poi era bagnato e la situazione ancora più difficile. Dopo le 3 case la situazione migliora nettamente ma a Nesolio il sentiero di discesa è a rischio in quanto una casa pericolante lo minaccia .. finchè sta su si passa ma a proprio rischio e pericolo .....
link
edit/delete

Claudiop77

13.06.2017 12:49

Fatto Domenica alcuni tratti di traverso non risultano pedalabili diciamo 2 pezzi per un totale di 500/600 mt lineari per il resto il sentiero è in condizioni decenti, personalmente è un percorso che mi piace perchè ha tratti tenici tornantini che amo e tratti flow un pò di tutto, da evitare col bagnato per una sessione moto pendente che è già al limite con il terreno asciutto.
Buon divertimento a tutti.

Infos

Inserito da
superpippa
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
16.01.2011
Località
calolziocorte
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
5/6h
Distanza
32.0 km
Dislivello
1100m
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
medio
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1465
Downloads
136
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2020 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors