Val di Scalve-passo del Gatto sent 416+414

Stupendo giro all mountain quasi estremo in Val di scalve lungo i sentieri 416 e 414 attraverso il passo del Gatto.

PERIODO CONSIGLIATO: da fine giugno ad ottobre(fino alla prima nevicata)
PUNTI DI APPOGGIO : oltre al rifugio al passo del Vivione....il nulla.
CARTOGRAFIA :VALLE DI SCALVE(1:25000-il meglio sulla piazza) oppure KOMPASS n°94 EDOLO APRICA(1:50000)


Descrizione:
Parcheggiamo l'auto a Schilpario(ultimo paese della val di Scalve in provincia di Bergamo,Orobie orientali),ed iniziamo a salire su asfalto in direz.passo del Vivione(1820slm).Dopo 14 km raggiungiamo il passo e poco prima del rifugio,giriamo a sx su sterrata che in un km pianeggiante ci porta all'attacco della salita su mulattiera tab 416(inizialmente sconnessa) a destra.
Inizia la salita vera e propria(6 km per 600mtdisliv) su mulattiera militare(sent.naturalistico"A.Curò") con pendenze quasi mai superiori al 12%,pur non essendo molto ripida è molto dura,ma con forza,tecnica e calma è pedalabile per la maggior parte(l'ammo e la forcella settati bene mostrano l'indispensabile utilità per una salita del genere).Passiamo il lago di Valbona e dopo un tratto esposto(fare molta attenzione,c'è anche una fune metallica)si raggiunge il passo del Gatto(2430slm).
Ora inizia il tratto in quota con un traverso verso dx, attraverso scenari da favola e due brevi risalite,raggiungiamo i laghetti di San Carlo e il laghetto del Venerocolo proprio sotto l'omonimo passo(2330slm).
Ad un bivio giriamo a sx su mulattiera(tab n°414),inizia una delle discese più belle che conosco(9km per 1300mtdisliv)su mulattiera molto sassosa,tecnica,faticosa che attraverso la valle del Venerocolino ci porta ad incrociare la statale(1070slm),giriamo a sx e in breve salita raggiungiamo il punto di partenza.

Considerazioni finali:
Sicuramente il più bel giro che ho fatto in provincia di Bergamo.
Non è un giro da affrontare a cuor leggero,necessari se non indispensabili,un più che buon allenamento fisico e tecnico nella salita(pedalata al 90% da Dario Stefano Seby Wilmer e Perse e un 70/80% da un biker ben allenato) e nella discesa(tutta in sella),una bici full con buone escursioni e assenza di vertigini permettono di godere appieno questa meravigliosa cicloescursione, in un ambiente a dir poco fantastico, circondati da montagne"dolomitiche"come la Concarena,il pizzo Camino,la Presolana,e le impressionanti e ripide pareti delle alpi orobie.Se si è fra i primi a salire è facile l'incontro(oltre alle numerose marmotte) di vipere e camosci(a sx dopo il passo del gatto).Salita e tratto in quota discretamente frequentati nei weekend estivi da escursionisti a piedi.
Un doveroso ricordo a chi ha costruito queste mulattiere, durante il conflitto bellico 1915-1918 ancora ben conservate in alcuni punti,anche se non ce ne rendiamo conto,un sacco di bei percorsi è fattibile grazie a questo incredibile lavoro:grazie alpini italiani e d'oltralpe.

mtb full consigliate
ciclabilità lineare 93%
giro testato BdB

N.B. dopo l'inverno 2008/2009 la pedalabilità in salita è di molto diminuita,diversi smottamenti hanno rovinato il sentiero.


http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=106511



Come arrivare al punto di partenza

Percheggio a Schilpario:ultimo paese della val di Scalve

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

marbru

09.09.2009 19:43

ciao! ho fatto domenica questo giro: effettivamente concordo appieno sulla bellezza ma anche sulla difficoltà. In particolare ho notato come in alcuni tratti sia in salita che in discesa non si riesca più a rimanere in sella causa piccole frane o blocchi di pietra sul percorso troppo grandi. Probabilmente l'inverno e la primevera di quest'anno hanno lavorato bene anche qua. Comunque i tratti a spinta sono poi ben ripagati. Inoltre vi consiglio questa piccola deviazione: arrivati al laghetto di verenocolo, trovate il bivio dove poi prenderete a sx per schilpario. A questo punto salite un attimo a dx verso il passo (sono 2 minuti ciclabili): arrivati al passo se guardate davanti a voi vedete uno scorcio della valtellina e il bernina. Il giorno in cui l'ho fatto io lo scenario era da favola: perfettamente limpido, senza 1 nuvola, sembrava di avere il ghiacciao a pochi km da voi. (se scopro come mettere le foto, velo dimostro). poi tornate pure al bivio e scendete normalmente (ma più soddisfatti!!) ciao
link
edit/delete

beppeserra

13.09.2009 08:53

Ciao, ho percorso questo magnifico giro sabato. Il tempo non è stato dei migliori, al passo abbiamo preso pioggia e grandine, poi tutto perfetto, anche il tempo. Discesa molto bella tutta in sella, mentre avrei qualche dubbio sulla ciclabilità del 90% in salita. Comunque anche se noi abbiamo spinto la bici dalla malga al passo per un buon 80% è un giro da fare, l'ambinte è stupendo e la discesa è molto fisica e appagante anche tecnicamente.
link
edit/delete

dario88

30.12.2009 20:08

Ciao. in salità, ciclabilità 90% nel 2008(con molto impegno, comunque). ho ripercorso questo sentiero a luglio 2009, ed in effetti sono riuscito a fare in sella solo circa il 65/70%. E' stato molto rovinato dall'inverno 2008/2009, purtroppo.

Ciao
link
edit/delete

dario88

27.02.2011 20:12

Fonti abbastanza attendibili (?) dicono che il sentiero in salita nell'anno 2010 è stato un po' risistemato. Quest'inverno non ci sono state nevicate eccezionali, conto di ritornare a farlo quest'estate (proseguendo per Tagliaferri e oltre), poi aggiornerò ;)
link
edit/delete

febea

18.08.2011 23:35

fatto oggi, bellissimo e appagante, la salita per gran parte a spinta, dopo aver provato devo fare i megacomplimeti a chi riesce pedalarlo per 70%, discesa interminabile ,panorami spettacolari ,se si ha gambe consigliato
link
edit/delete

dario88

19.08.2011 08:47

ciao febea, complimenti per il giro.
l'ho ripercorso poco fa fino al Tagliaferri
sono riuscito a farlo in sella fino al lago Valbona, poi dopo mezzoretta buona a piedi per superare i 2 traversi (fino a circa 2250 mt di quota), poi ancora praticamente tutto in sella fino al passo del Gatto. confermo la percentuale di 65/70% in sella, comunque con buon allenamento e tecnica (non per fare il figo, ma per cercare di dare punti di vista differenti)
purtroppo il tratto a piedi è molto rovinato e a mio avviso toglie parecchio fascino. peccato perchè sarebbe una bellissima salita. Ovviamente non ho alcun problema a camminare, però una salita come questa, su sentiero, se si riuscisse a pedalare tutto, è un'altra cosa.
40
link
edit/delete

febea

19.08.2011 11:24

anch'io l'ho pedalato fino al lago e poi spinta fino al passo tranne qualche pezzettino, forse consideravo meno percentuale perchè non consideravo erroneamente l'asfalto poi spingere ci stà eccome se non si vuole girare solo sulle ciclabili , allora mi faccio i complimenti :-)
link
edit/delete

heige

26.09.2011 22:55

Ciao, vengo spesso a Schilpario e non ho mai avuto la fortuna di incontrare un gruppo per fare questo (credo) bellissimo percorso ed essendo da solo ripiego su altri itinerari meno tecnici ma fattibili in solitaria (es. schilpario-passo campelli-ono san pietro e viceversa). Ormai per quest'anno salirò su solo sotto le feste natalizie. Per la prossima primavera-estate sono disponibile ad aggregarmi per questo percorso. Angelo
link
edit/delete

marbru

27.09.2011 09:35

ciao heige. come vedi sopra nel primo commento io ho fatto il giro in solitaria un paio di anni fa. direi che il giro è fantastico e che da soli è fattibile (ovviamente con una certa conoscenza di montagna e bici) ma non lo consiglierei sia per motivi di sicurezza (alcuni tratti stretti ed esposti, lunga discesa senza incontrare anima viva) sia perchè spingere la bici è sempre meno "faticoso" se si è almeno in due. anch'io fino all'anno prossimo non ho la possibilità di rifarlo, ma se ti va la prox primavera-estate sarei contento di rimetterlo in calendario. se vuoi sapere altro scrivimi in MP. ciao
link
edit/delete

heige

27.09.2011 21:34

purtroppo il mio gruppo è nel comasco e difficilmente riuscirò a portarli su a schilpario. Sarò ben lieto di fare questo percorso insieme a te e a quanti vorranno unirsi.... A prestro
link
edit/delete

mbaro

08.07.2012 07:58

Rifatto ieri con Gigi81 e Fruscio e devo dire di essere riuscito a pedalare parecchio più dello scorso anno. Ho trovato migliorato in particolare il primo traverso dal Lago di Valbona, probabilmente ripulito dai residui di frane (pedalato la prima parte e provato un paio di tratti; Fruscio l'ha pedalato in buona parte). Secondo traverso più o meno a piedi per tutti, poi ancora buoni tratti in sella fino al Passo del Gatto.
Anche la discesa (pur fatta in sella anche lo scorso anno) mi è sembrata più "pulita" (ricordavo distintamente un paio di brevi tratti interessati da piccole frane); la parte più rovinata resta l'inizio del traverso fra Passo del Gatto e laghi di S. Carlo (contropendenza, molto friabile e con qualche sassone smosso su tratti un poco esposti), ma è davvero poca cosa sull'economia complessiva del giro.
link
edit/delete

fruscio

08.07.2012 21:15

DA OGGI IN POI , QUANDO PENSERO' ALLA PAROLA ALL'MOUNTAIN , MI VERRA' IN MENTE IL GATTO :-) ANZI IL PASSO DEL GATTO :
Fatto per la prima volta ieri con Mbaro ( che ha appena commentato ) e Gigi81 , la salita è stata veramente dura e come dice ,per l'appunto MBARO, pedalabile al 80 % solo alcuni tratti in contro-pendenza hanno messo i bastoni fra le ruote .

Discesa epica che va dalla roccia nuda e cruda alla roccia mossa , dal single-track veloce a passaggi tecnici, insomma un'ottima scuola di ALL MOUNTAIN a tutti gli effetti.
consigliato vivamente.
link
edit/delete

Comi_S

07.10.2012 23:25

L'avevo già riposto nel cassetto per l'anno prox ma il bel tempo di questo week end e il fascino che ormai ha questo 'passo del gatto', mi hanno tolto gli ultimi dubbi e deciso a percorrerlo ieri.
cosa aggiungere, e' già stato detto tutto nei commenti precedenti che condivido in pieno. Giro assolutamente da fare per chi ama andare in montagna, nel ns. caso, in bicicletta. c'è tutto il repertorio AM.
Consiglio anch'io la visita al passo del venerocolo come indicato nel primo commento, sono 5 min. dal bivio per il sent.414, dal quale si ha una vista spettacolare.
grazie come sempre all'inossidabile Ormauro per idea e traccia
link
edit/delete

Muzu

26.07.2013 20:08

Bel giro ma poco ciclabile in effetti.
Il passo del Gatto fa il suo effetto e il panorama merita.
La discesa mi è piaciuta, sopratutto per il paesaggio. Tende però a diventare un po' ripetitiva, senza cambi di ritmo se non verso la fine. L'ho comunque molto apprezzata.
link
edit/delete

Trinkera

28.07.2013 09:26

Io ero con Muzu,purtroppo gli smottamenti hanno pregiudicato gran parte della pedalata nell'ascesa al passo del gatto ma il paesaggio alpino e' notevole e si gusta piacevolmente.Gran bel giro veramente,la discesa e' fisicamente impegnativa , lo consiglio anch'io vivamente.
link
edit/delete

Nox24

30.07.2013 11:04

Secondo voi è fattibile anche da solo o ci sono dei punti in cui è necessario essere almeno in 2 (tipo passare la bici a mano su rocce alte 2 metri)?
link
edit/delete

marbru

30.07.2013 13:48

io l'ho fatto da solo 2 anni fa e sono ancora qua...! sec me è del tutto fattibile da solo perché passaggi del tipo che dici tu non ci sono; però girare in posti simili da soli x me non è mai consigliabile (!) dato che sono sperduti nel nulla: la discesa lungo il 414 l'ho fatta senza incontrare anima viva... avrei preferito essere in due. x il resto no problem
link
edit/delete

Trinkera

30.07.2013 16:18

Concordo con marbru e sottolineo anch'io che la discesa e' impegnativa e sconsigliabile da affrontare in solitudine.Cmq ti auguro di andarci presto,io ne sono rimasto affascinato!
link
edit/delete

Nox24

30.07.2013 16:52

Ok grazie ragazzi!!
link
edit/delete

leprottello

10.06.2014 10:53

ragazzi salve a tutti , volevo sapere se da solo è fattibile questo giro e soprattutto se è necessario portare delle corde o altro per passaggi estremi.
grazie
link
edit/delete

fruscio

11.06.2014 19:32

ciao leprottello, mah da solo si fattibile ma è comuqnue a mio avviso un giro impegnativo e tecnico (toccatina di balle! )
per quanto riguarda l'uso di corde,non ce n'è bisogno
link
edit/delete

leprottello

12.06.2014 00:09

ciao fruscio , grazie della risposta. ok grazie. lo vado a fare domani. sembra figo come giro , ti faccio sapere. ciao :)
link
edit/delete

Trinkera

12.06.2014 00:49

Leprottello facci sapere,buona pedalata e lascia a casa corde e altro,magari portati una bella birretta e brinda alla salute di tutti al passo del gatto
link
edit/delete

mbaro

12.06.2014 07:48

@leprottello: In questo periodo ci sarà certamente ancora troppa neve.
link
edit/delete

:Marchino:

12.06.2014 14:21

quoto mbaro, lasciate perdere
link
edit/delete

leprottello

13.06.2014 10:49

salve ragazzi , ieri ho provato il passo. è impraticabile al 100 % .
dal lago di Valbano in poi è impossibile. il sentiero è tenuto malissimo ( se non peggio ).
sono arrivato praticamente all inizio del sentiero che porta dal lago al passo , ero solo in mezzo a camosci e stambekki.

il sentiero non c'è piu , è una slavina unica.

LASCIATE PERDERE
link
edit/delete

specialr

17.09.2014 18:37

non è che l'hanno sistemato quest'estate vero? :(
link
edit/delete

marbru

17.09.2014 18:52

ciao, non ho notizie dirette purtroppo. posso però dirti che domenica sono stato (a piedi) lì in zona (diga del gleno, sempre dalla val di scalve, giusto poco più a nord) tentando di andare sul monte gleno. ecco, non ci sono più nè indicazioni nè ometti nè segnali bianco-rossi. abbiamo cercato la traccia in tre e non abbiamo trovato nulla. per cui essendo esattamente la stessa zona, se nessuno ha info esatte, io eviterei
link
edit/delete

specialr

17.09.2014 19:22

grazie mille per la tempestività
peccato per il giro e il territorio :(
link
edit/delete

Fratello

17.09.2014 20:56

Il sentiero è apposto,vai tranquillo...
link
edit/delete

specialr

22.09.2014 16:04

grazie fratello, ormai per questo w.e mi sono dettato per il col invergneux a cogne, ma se non nevica in quota uno dei prossimi ci provo ;)
link
edit/delete

specialr

12.06.2015 12:17

qualcuno sa se c'è neve o si passa?
link
edit/delete

FrankMTB

22.06.2015 11:19

Fatto ieri 21 giugno. Non ci sono problemi di neve, tuttavia il sentiero che porta al passo è rovinato in diversi punti pertanto bisogna fare molta attenzione a non scivolare. Il sentiero in discesa, a parte qualche piccolo punto, è praticabile a posto.
Nulla da aggiungere sul paesaggio... parla da solo.
link
edit/delete

leprottello

30.06.2015 15:22

ciao frank , senti quindi il sentiero è fattibile ??? è percorribile ???
link
edit/delete

FrankMTB

30.06.2015 16:15

Assolutamente si, è libero da neve. Devi tuttavia fare attenzione perché in diversi tratti è rovinato dalle piogge di questo inverno. Una volta raggiunto il passo la discesa è percorribile senza problemi salvo un paio di punti per lo stesso problema. Giro comunque di grande soddisfazione.
link
edit/delete

leprottello

01.07.2015 10:13

ottimo allora lo faccio !
lo avevo provato 2 anni fa ma una volta fatto il giro del lago Valbona mi sono dovuto fermare perchè il sentiero era franato ed era da suicido provarlo.
in sostanza il giro non lo avevo manco cominciato !
però all epoca il lago era completamente coperto di neve,e parte della strada che ci gira attorno anche....forse avevo sbagliato periodo.

cmq lo rifaccio subito allora !!!!

grazie !
link
edit/delete

Federico Brescia

01.07.2015 21:44

Fatto sabato con altri 11 bikers...salita sino al Passo Vivione molto comoda e piacevole senza traffico.
Dal Vivione al passo del gatto la ciclabilità è inferiore al 50% calcolata su 12 ciclisti con discrete capacità.
Discesa molto sassosa sempre divertente. Sentieri ok
link
edit/delete

leprottello

02.07.2015 19:05

ottimo ! faccio sett prox. grazie ragazzi !
link
edit/delete

soncia

23.08.2015 23:14

Fatto ieri. Non sarò tra i biker più dotati del forum ma ho trovato la pedalabilità in salita a partire dal lago di Valbona in poi (fino al passo del Gatto) pressoché pari a zero. Da qui si riesce talvolta a rimanere in sella solo per qualche decina di metri ma il fondo è estremamente sconnesso e l'esposizione in taluni tratti troppo importante. Credo che sia un giro adattato alla bicicletta ma non adatto alla bicicletta; passeggiando ci si metterebbe poco di più. È un percorso pericoloso, e anche là dove si potrebbe pedalare da un punto di vista tecnico, parrebbe se non da incoscienti quantomeno da spavaldi. Bellissimi i paesaggi, soprattutto in discesa (sulla cui descrizione concordo, ance se probabilmente dagli ultimi anni, così come in salita, il fondo è peggiorato). Soddisfatto di aver concluso il giro, non lo rifarei e nemmeno lo consiglierei.
link
edit/delete

specialr

24.08.2015 16:01

-Stupendo giro all mountain quasi estremo
-Difficoltà tecnica: molto difficile
-pur non essendo molto ripida è molto dura,ma con forza,tecnica e calma è pedalabile per la maggior parte(l'ammo e la forcella settati bene mostrano l'indispensabile utilità per una salita del genere).Passiamo il lago di Valbona e dopo un tratto esposto(fare molta attenzione,c'è anche una fune metallica)si raggiunge il passo del Gatto(2430slm).
-Non è un giro da affrontare a cuor leggero,necessari se non indispensabili,un più che buon allenamento fisico e tecnico nella salita(pedalata al 90% da Dario Stefano Seby Wilmer e Perse e un 70/80% da un biker ben allenato
-una bici full con buone escursioni e assenza di vertigini permettono di godere appieno questa meravigliosa cicloescursione
-mtb full consigliate, ciclabilità lineare 93%

ciclabilità lineare del 93% significa che se, come indicato, sei molto bravo fai 2.24km a piedi in questo giro, quindi un'ora abbonandte

Soncia mi sembra tutto coerente alla descrizione di Orma...
link
edit/delete

soncia

25.08.2015 14:45

Se per pedalabilità al 93% si intendono anche i 13 km su asfalto forse ci si avvicina a questo dato. L'importante però è intendersi, al di là del mio commento: da passo del Vivione (ci si arriva anche in bici da corsa) a passo del Gatto, si pedala solo il primo tratto pressoché pianeggiante e ancora un paio di rampe, e nonc'è Dario Stefano o Serbe che tenga. Gli ultimi 500 m di dislivello si fanno neppure con bici a spinta, ma in spalle. Quindi NON è pedalabile per la maggior parte. Fermo restando che il fondo può essere notevolmente peggiorato dal 2008 quando è stato postato il giro.
link
edit/delete

procycling

27.08.2015 14:43

fatto il 10 di agosto con le front ,vergognoso lo stato del sentiero(non si può tenere così un sentiero!!) ti costringe a salite quasi sempre a piedi ,il giro è stupendo per i panorami ,ma da trekking,
non ci siamo divertiti TROPPO A SPINTA il sig (spingenzio ha avuto la meglio! :-) )
ELIMINATELO!!
link
edit/delete

riomaratido

20.09.2017 10:46

Io lo faccio quasi tutti gli anni, compresa quest'estate. Certo che dal lago valbona al passo del gatto la si spinge quasi tutta, ma la discesa dal passo del venerocolo a Schilpario è goduria. hola

Infos

Inserito da
orma
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
20.05.2009
Località
Schilpario BG, Italia
Regione
Lombardia
Distanza
32
Dislivello
1450
Difficoltà tecnica
molto difficile
Condizione fisica
ottima
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
2959
Downloads
267
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors