940 Revine, la Posa, discesa Clementina, Biv.Col Dei Gai, Tovena.

Referente LUIGI - ( ruotalpina@alice.it ) - Ultima ricognizione: 15/5/2022

SCHEDA TECNICA
Verso Antiorario - Lunghezza = 41 Km - Dislivello Sal/Disc = +1300 m
Quote min/Max = 225 / 1190 - Tempo Standard ore 3:40 min
Velocità media = 11,2 Km/ora - Ciclabilità su tempo 98% (a piedi 5 min)
Difficoltà Tecnica = 4/7 MEDIO - GD= 52 Medio/Difficile
Consumo Energia Elettrica =380 Wh

DESCRIZIONE:
Ci si dirige per via Fornaci scendendo verso i laghi. Il tratto dalla partenza al bivio A verrà ripercorso, in senso inverso, anche nel ritorno. Da A, svoltando a dx si prende la recente e bella ciclabile che contorna tutto il primo lago (Lago di S. Maria). In A1 approfittiamo di un chiosco bar per un caffè; poi si prosegue con attenzione ai molti pedoni a passeggio (specie nelle domeniche di primavera) cui si deve precedenza e rispetto. In A2 si evita di entrare nel campeggio tenendo il lungo lago. Raggiunto il secondo lago (Lago di Lago) si prosegue finché la strada ci devia verso l'interno ad attraversare il paese di.... Lago ! Passiamo sul retro della chiesa e teniamo alti verso Sottocroda. Dal wpt C 265 inizia l'impegnativa salita che, con numerosi tornanti, si alza sulla vallata fino a valicare la catena Prealpina. Il fondo è in parte cementato e per il resto un ottimo sterrato; nella prima parte ci si trova spesso a godere dell'ombra ristoratrice del bosco. Si arriva, a salita quasi finita, nel wpt D 1100 e qui vale la pena fare una breve digressione fino alla Posa (pozza circolare di abbeveramento animali) dove si trova una
frequentata base di lancio per deltaplani e parapendii. Ci troviamo sul crinale delle Prealpi con un grandioso panorama e la possibilità di scendere direttamente sul versante nord per la valle detta "busa tedesca" ma noi preferiamo un itinerario più appagante: tornati nel punto D prendiamo in lieve salita verso il Pian de Le Femine.
Si scollina e si giunge in discesa alla sella di Pian de Frassenè. Qui prendiamo in discesa la forestale detta "Volpon Clementina" che va a confluire su una strada asfaltata; poco dopo ci si trova ad attraversare, quasi in piano, l'amena radura di Pianezze, con attrezzata area picnic. Poco dopo inizia la seconda, impegnativa salita che ci porterà al bivacco Col Dei Gai. Fortunatamente le rampe più dure (attorno al 20%) sono state ormai cementate e non mancano i tratti di tregua e addirittura delle brevi contropendenze. Nel Bivio H 1170 ci si trova ad affrontare l'ultima rampa che conduce al bivacco (anche questa cementata). Il bivacco è aperto e all'esterno trovate ampi tavoli e panche in posizione panoramica su quasi tutta la Val Belluna e sulle Alpi Bellunesi. Qui ovviamente faremo riposo e sosta pranzo sapendo che ormai le fatiche sono finite. Tornati in H si prosegue (breve risalita) sulla forestale che termina nel wpt I a q,1100 . Si prende sulla sx l'evidente sentierino che scende nel bosco; solo i più abili resteranno in sella comunque anche gli altri se la caveranno con una breve camminata (max 150 m). Ritrovata un stradina si arriva presto nei pressi di una bella casera, ben ristrutturata, e posta in posizione panoramica sulla valle. Noterete vari avvisi che vietano queste strade ai quad ed altri mezzi motorizzarti ma NON alle Mtb: complimenti ai sigg. Checconi. Se gli avvisi non bastano poco oltre troveremo una sbarra che con le bici si supera agevolmente (un po' meno con le e-bike). La bella discesa termina nel bivio K 890: a dx si scenderebbe al passo San Boldo mentre noi teniamo la strada della Caldella per scendere verso Tovena; scende, ma non subito, perché restano per circa 2 Km una serie di "brevi ondulazioni"; dopo quota 900 la discesa si fa più decisa ed anche piuttosto ripida e man mano che si scende si trovano, sempre più, tratti cementati che velocizzano l'andatura. Dopo innumerevoli tornanti si "atterra" a TOVENA (q. 255); nel centro paese si trova una apposita fontanella e di fronte un bar/ristorante. Si riparte verso la valle del T. Soligo trovando presto un ciclabile tabellata e ben tenuta. Presto si entra nell'ombroso bosco a nord della Costa di Zuel e se ne esce in loc. Tezzon (agr. Al Borgo). Da qui (wpt N 245) si scende al fondovalle e si va a riprendere l'argine del Soligo. In O1 si attraversa la S.P. e si risale fino a Fratta. In Q si ridiscende sul lungo lago, ora sul lato sud, deliziosamente alberato ed attrezzato con area picnic. L'anello del giro si chiude presto nel wpt A, incontrato all'andata e poco dopo si ritrova via Delle Fornaci a meno di un Km dal parcheggio di inizio giro.




Come arrivare al punto di partenza

Si esce dall’A27 a Vittorio V.to Nord; si svolta a dx verso Vittorio e dopo circa 2 Km ancora a dx per Revine-Follina. Si arriva a REVINE sulla S.P. e quando inizia la discesa si prosegue per circa 250 m svoltando poi a sx, in discesa, su via delle Fornaci; dopo altro 80 m, all'incrocio, si svolta a dx trovando subito parcheggio nei pressi di impianti sportivi. Coordinate decimali: N 45.997 E 12.252

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
RUOTALPINA
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
16.05.2022
Località
Via Fornaci, 7, 31020 Lago TV, Italia
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
ore 3:40 min
Distanza
41 Km
Dislivello
1300 m
Difficoltà tecnica
4/7 MEDIO
Condizione fisica
GD= 52 Medio/Diffic
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
105
Downloads
35
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2024 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors