909 Tra Valpantena e Val Squaranto da Montorio al Forte di S. Viola.

Referente LUIGI - ( info@ruotalpina.it ) - Ultima ricognizione: 23/05/2021

SCHEDA TECNICA
Verso Orario - Lunghezza = 43,5 Km - Dislivello Sal/Disc = +1350 m
Quote min/Max = 50 / 830 - Tempo Standard ore 4:40 min
Velocità media = 9,3 Km/ora - Ciclabilità su tempo 96% (a piedi 10 min)
Difficoltà Tecnica = 4/7 MEDIO - GD= 65 Medio/Difficile
Consumo Energia Elettrica =400 Wh

DESCRIZIONE :
Dal parcheggio di Montorio ci si immette sulla ciclabile lungo il canale Ingozzo e presto si inizia la salita con breve digressione al Castello di Montorio (purtroppo non visitabile). Si prosegue poi sulla dorsale sterrata ed in continua salita con bella vista sulla Valpantena. Poco oltre si raggiunge anche Fort Preara che aggiriamo su lato ovest per suggestivo sentierino tra le mura. Si procede su dorsale fino in C 200 da cui si perde poca quota su stradina asfaltata. Dal wpt D inizia una serie di sentieri altalenanti e tortuosi tra prati e boschi. Una dura rampa si supera in sella perché ormai cementata. Da F2 si supera una impegnativa salita a tornanti seguita da altro stupendo sentierino. Raggiunto un piccolo borgo si riprende a salire per la famosa salita del "Piccolo Stelvio" (in realtà si tratta di un dislivello di solo 150 m ma con ben 19 Tornanti); pendenza pedalabile su fondo buono. Da B 300, dopo un po' di falsopiano si scende veloci fino in periferia di Grezzana (I 190). Da J 230 riprende una serie di sterrati che si innalzano tra i vigneti, su dorsali assai panoramiche, fino a raggiungere Via Villa D'Azzago a q. 390. Poco dopo si svolta a dx e si raggiunge presto il sito di Villa Pellegrini di importanza storica, visitabile su prenotazione. Visitato il parco con pregevoli fontane e vista sul sottostante paese di Romagnano, riprendiamo a salire tra i vigneti. Dopo un tranquillo inizio ci si imbatte in un "muro" di circa 90 m al 30%: chi ha l'e-bike vi sale a fatica ..... Poi si scollina e da M si riprende a salire su bella dorsale panoramica su entrambe le valli. Da quota 675 con una lieve discesa si raggiunge il bivio O 660. Da qui 2 scelte sono possibili: potete seguire la traccia che raggiunge da ovest la cima di Forte Santa Viola e poi aggira il monte sul lato est tornando in O; oppure tagliare questa parte e da O svoltare subito a dx. Il taglio comporta un "risparmio" di 6,3 Km e 210 m di salita.... ma si perde forse la parte più bella del percorso. Quindi se non avete motivi d'urgenza, seguite la traccia. Si lascia sulla sx il centro di Azzago proseguendo in salita prima su asfalto e nel finale su buon sterrato fino a raggiungere la cima su cui si erge il Forte: purtroppo il sito è chiuso da alto cancello e se vogliamo vederne alcune immagini dobbiamo ricorrere a Google ! La delusione del Forte viene subito compensata dalla discesa che segue. Dallo slargo P1 ci si addentra nel bosco per circa 50 m quindi si devia a sx su prato: a stento si distingue una traccia nell'erba ma poco dopo, deviando a sx si intravvede un tratturo che scende il pendio tra erba e fiori di campo. Discesa facile ed appagante che termina in Q1 con una sbarra. Poco dopo, da R inizia l'aggiramento del monte, prima sul boschivo lato nord, poi sul versante est di val Squaranto. Con un ripido finale cementato si scende in O 660 da dove ha avuto inizio il giro di Monte Viola. Si supera il poggio della Collina dei Ciliegi e l'omonima azienda vinicola poi con alternanza di stradine asfaltate, larghi sterrati e stretti sentieri, con poca perdita di quota, si arriva nel wpt T440. Qui sembra di dover entrare nella corte di una casa mentre si va invece ad imboccare uno stretto sentiero che scende ripido nel bosco. E' questo il tratto più tecnico del percorso... i più abili staranno in sella ma almeno nel wpt T1 360 ( breve contropendenza e frana) dove il sentiero si restringe, si consiglia di passare a piedi, per meno di 10 m. Poi il sentiero diventa più ciclabile e gradevole e poi si allarga diventando strada; un tratto in asfalto poi ancora sterrato ed ancora, ormai in vista di Montorio, un inatteso quanto gradito sentierino; si risale ancora per un'ultima volta, di una 50-ina di m rasentando le mura sul retro del castello di Montorio e finalmente inizia l'ultima discesa che riporta a valle lungo la ciclabile incontrata all'inizio. Poche pedalate e si torna al parcheggio di via Dei Tigli.




Come arrivare al punto di partenza

Si esce dall'A4 al casello di Verona Est; seguendo le ind. per Tangenziale Est , si arriva in poco più di 5 Km nella periferia di Montorio. Si parcheggia in periferia sud/ovest del paese, in Via Dei Tigli.
Le coordinare decimali sono: N 45.4535 E 11.0613

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
RUOTALPINA
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
25.05.2021
Località
Via dei Tigli, 28 B, 37141 Montorio VR, Italia
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
ore 4:40 min
Distanza
43,5
Dislivello
1350 m
Difficoltà tecnica
4/7 MEDIO
Condizione fisica
GD= 65 Medio/Diffici
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
74
Downloads
11
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2022 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors