842 MESTRE OVEST per parchi argini e piste ciclabili (da via Rielta)

Referente LUIGI - ( ruotalpina@alice.it ) - Ultima ricognizione: 2/05/2020

SCHEDA TECNICA
Verso Antiorario - Lunghezza = 39,5 Km - Dislivello Sal/Disc = +80 m
Quote min/Max = 5 / 15 - Tempo Standard ore 3:0 min
Velocità media = 13,3 Km/ora - Ciclabilità su tempo 100%
Difficoltà Tecnica = 3/7 Medio/Facile - GD= 29 Medio/Facile
Consumo Energia Elettrica =120 Wh

PREMESSA:
Durante il periodo di chiusura causa coronavirus non si poteva prendere l'auto per raggiungere, come di consueto, la nostra bella montagna veneta; bisognava trovare qualcosa nei pressi di casa, talvolta senza uscire dal comune di Venezia. Abbiamo allora esplorato percorsi campestri, lungo argini di fiumi e canali, attraverso parchi e antichi forti...., con la cura di evitare assolutamente strade principali (talvolta solo attraversate), incontrando così angoli remoti del territorio circostante alla città di Mestre che si è rivelato più gradevole di quanto immaginassimo. Tante le ciclabili (che non conoscevamo) e tanti i sottopassi che ci hanno evitato fastidiosi incroci e pericolose rotatorie. Tutti questi 5 percorsi (dal n° 841 al n° 845) sono percorribili in meno di 3 ore (+ soste) e nel previsto verso antiorario rispettano i sensi unici ed evitano le proprietà private con divieto d'accesso.

NOTA: Il parcheggio, individuato come luogo di partenza, non è ovviamente obbligatorio. Immaginando che questi 5 percorsi siano fruiti in gran parte da residenti in Mestre e dintorni, ognuno potrà partire direttamente da casa (evitate di muovere l'auto !) ed inserirsi nella traccia nel punto raggiungibile più vicino. Consiglio invece di attenervi al verso di percorrenza, antiorario, per non incappare in sensi unici contromano.
La traccia è precisa ma la descrizione sarà sintetica in quanto andare fuori traccia in un percorso di pianura consente sempre un facile rimedio.DESCRIZIONE:
In dir. nord si attraversa via San Donà, quindi il parco di V.le Sturzo; si sottopassa la ferrovia e si passa accanto al Forte Carpenedo per la recente ciclabile in ghiaino. Dopo un lungo tratto di via Ca' Solaro si sovrapassa la tangenziale di Mestre e si va a raggiungere l'argine sud del F. Dese.
Purtroppo l'argine si interrompe in B1 e bisogna affrontare un tratto in terra a margine campo che potrebbe essere fangoso in caso di recenti piogge. Usciti sul Terraglio, che si tiene per 1/2 Km, si prende via Gatta e poi via Scaramuzza, dove stanno costruendo una ciclabile nei pressi di Forte Mezzacapo. Si attraversa Zelarino e ci si immette sull'argine sud del F. Marzenego. Il sentiero devia per un bordo campo da cui si dovrà sollevare la bici per guadagnare la ciclabile di via Brendole (wpt G). Si aggira poi il Forte Gazzera per la bella collinetta boscosa che lo nasconde. Si attraversa via Asseggiano e si percorre un tratto della ciclovia ricavata sulla ex ferrovia Valsugana e si prosegue verso Chirignago. Poco noto il tratturo erboso che, aggirate le mura del cimitero, consentono di arrivare in centro paese per proseguire su via Ghetto e poi su via Oriago. Sottopassata la ferrovia e l'autostrada (Mestre - Padova) si devia a sx (wpt O) per l'argine sud del canale Tron. Dopo circa 300 m si deve attraversare la ferrovia (Mestre - Adria) ma non ci sono problemi, salvo dover sollevare la bici: nessun ostacolo ed ottima visibilità; fate comunque attenzione e desistete in caso di nebbia ! Proseguendo sull'argine non si può perdere, arrivati nel wpt Q, l'occasione per fare il periplo di forte Tron, su terreno ondulato: lo circonda il largo canale ed il bosco lo nasconde lasciando libero solo l'accesso dal ponte sul lato est. Ripreso l'argine ci si avvicina alla zona industriale/commerciale di Marghera sud; un sottopasso permette di attraversare la tangenziale e di raggiungere la nuova ciclabile a sud de "La Nave de Vero". Da qui, quasi sempre per ciclabili cittadine, si attraversa tutta Marghera da sud a nord per poi raggiungere Mestre con il lungo sottopasso della stazione F.S. Si prosegue sulle ciclabili di via Dante, via Cavallotti, via Bembo, via Napoli, via Torino e viale Ancona; si prosegue sulla ciclabile di via Sansovino (tenere a sx) finché, superato l'Osellino, se ne prende l'argine nord. Si attraversa il piccolo parco Allende e poi via Bissuola arrivando infine all'ingresso del grande parco Albanese: lo si attraversa da sud a nord ritrovando così, nei pressi di via Rielta, il parcheggio da cui è iniziato il giro.

Scarica la nostra app gratuita per navigare gli itinerari e mandarli al Garmin: ANDROID, iOS




Come arrivare al punto di partenza

Si consiglia il parcheggio di via Rielta. Essendo a senso unico vi si accede da via Ca' Rossa
(percorso tramviario da Mestre verso Favaro) svoltando a dx prima di via San Donà.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
RUOTALPINA
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
04.06.2020
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
ore 3
Distanza
39,5 Km
Dislivello
80 m
Difficoltà tecnica
3/7 Medio/Facile
Condizione fisica
GD= 29 Medio/Facile
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Scarica la nostra app gratuita per navigare gli itinerari e mandarli al Garmin
Android ANDROID
iOS iOS
Visite
76
Downloads
28
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti
  • Naviga le tracce da telefono o mandale al tuo Garmin con 1 click con la nostra app
    App

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2024 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors