PUNTA DELLA CROCE KE SPETTAKOLOOOO

LEGGERE ATTENTAMENTE GRAZIE.
L'itinerario sotto descritto fa fede al giorno dell' inserimento.
I successivi cambiamenti climatici ecc.. che possono agire sulla natura, il percorso ,nessuno li può prevedere......
Possono essere segnalati successivamente, con un commento sull'itinerario, dopo averlo percorso. Questo, è sempre utilissimo ,specialmente per itinerari inseriti molto tempo fa. Consiglio infatti quando si è interessati ad un'itinerario di leggere sempre i commenti successivi.
DETTO QUESTO CHIUNQUE DECIDE DI PERCORRERE UN ITINERARIO DA ME INSERITO LO FARA' A SUO RISCHIO E PERICOLO.NON MI ASSUMO RESPONSABILITA!!!


Buongiorno bikers inserisco un itinerario dedicato agli amanti del cicloalpinismo. Questo itinerario prevede almeno 800mt di bici in spalla con alcuni passaggi impegnativi.
Start da Vertova in asfalto /cementato con pendenze importanti arriviamo a Cavlera . Inizia un bellissimo sentiero un po sporco nel primissimo tratto che ci porta verso Riso ( SPETTAKOLOOOO) . Atttraversato il torrente inizia la salita con alcuni saliscendi con pendenze impegnative sino al Santuario della Madonna del Frassino. Da qui si pedala a tratti e si spinge su sentiero sino al passo della Crocetta( IMPEGNATIVO) . Ora i pedali li ritroverete sulle spalle risalendo il canalone Brassamonti e ancor più in su il passo Forca ma ancora più in su verso la Cima della Croce. Ultimo tratto presenta qualche passaggio impegnativo con bici al seguito. Raggiunta la Cima panorama fotonico sulle OROBIE......oggi??? nebbia visto solo la croce.
Rilevate in vetta tracce di uomo delle nevi con gomme fat del giorno precedente....
Ora fin qua siam saliti ed ora dobbiamo scendere....cilcabilità nulla o solo qualche tratto + tratto appena sopra il passo. NE VALE LA PENA? A PIEDI SI IN BICI NO lasciatela appena sopra il colle.
Dal colle cazzuta discesa sino al vallone poi filante sino a Baita Stura.
Bel traverso di 500mt pedalati e poi di nuovo per un tratto a spinta di 100 mt di dislivello intervallato da alcune pedalate con molti ostacoli ....occhio al cambio e ai denti.....
Faticosamente guadagnamo un crinale dove inizia una nuova cazzuta discesa sino in val Vertova. Anche in questo tratto vi capiterà di scendere per ostacoli o per qualche passaggio al limite. La discesa è cmq lentissima e molto faticosa ( MOLTO TECNICA) specialmente oggi bagnata . Evitate la discesa se non siete in possesso di buona tecnica perchè ne percorrerete parecchi tratti a piedi.
Se sarete sopravissuti il premio finale è una discesa rilassante nella bellissima Val Vertova che vi conquisterà.
PS alla fine del sentiero ho lasciato qualche biglietto da visita di mio cugggino dentista in caso...

Un altro grande itinerario dedicato ai bikers amanti del genere complicato....
per gli amanti del pedale meglio fermarsi a pregare alla Madonna del Frassino visto la riapertura delle messe post Covid 19.( fino a qui tutto ottimo)

KE SPETTAKOLOOOO stay tuned


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

paiogs

20.05.2020 12:18

la BC si porta sempre in vetta !
link
edit/delete

lazzadielle

20.05.2020 20:08

D'accordo!! Infatti lasciandola potrebbero rubarla......

Infos

Inserito da
lazzadielle
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
19.05.2020
Località
VERTOVA
Regione
Altro
Tempo Percorrenza
9 ORE
Distanza
37.0 km
Dislivello
2360
Difficoltà tecnica
molto difficile
Condizione fisica
molto duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
72
Downloads
0
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2020 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors