Monte Nerone "classico" - MTB-MAG.com | Itinerari

Monte Nerone "classico"

NERONE CLASSICO

Caratteristiche:
Zona: Piobbico (PU)
lunghezza: circa 35 km
Dislivello: 1.300 mt. circa
Cartina: CAI Città di Castello Monte Nerone Carta 25.000degli intinerari turistico naturalistici - Comune di Piobbico - Comunità Montana del Catria e del Nerone.
Carta 25.000 “Itinerari escursionistici del Montefeltro – Circuito escursionistico del Monte Nerone - Comunità montana del Catria e del Nerone
Luogo di partenza: Piobbico (PU)
Sentieri 18-26-32
Questo itinerario ci permette di salire e scoprire nelle sue varietà paesaggistiche uno dei monti più suggestivi e “selvaggi” dell’appennino pesarese. Il giro inizia da Piobbico, centro abitato all'ombra del monte, che si raggiunge dal versante adriatico dopo aver percorso una suggestiva gola. Parcheggiati i mezzi, occorre ritornare sui nostri passi, per la statale che riporta verso Acqualagna, per poi deviare dopo un paio di km a dx verso Rocca Leonella (seguire indicazioni). Dopo pochi km di asfalto in salita ci troviamo di fronte alla prima scelta; presso la località Acquanera incontriamo infatti un bivio che devia drasticamente a destra, e da qui potremmo raggiungere il Rifugio Corsini per una vecchia strada asfaltata dismessa, praticamente priva di traffico ancorchè aperta, in quanto assai dissestata. Se invece a questo bivio proseguiamo dritto sempre su strada asfaltata, dobbiamo superare il paese di Baciardi e successivamente l’abitato di Cardella, dopodichè, in corrispondenza di un’ampia curva a sinistra della strada, occorre lasciarla per imboccare a dx un tratturo molto lungo e talvolta assai ripido, che costeggia ad un certo punto la base della spettacolare parete verticale del Monte Cimaio che, per le sue stratificazioni, è meta di studio di geologi di tutta Europa; alla fine del sentiero entriamo in un pascolo e, svalicando, incontriamo il rifugio Casciaia Mochi. Da qui si incrocia la strada asfaltata che, salendo da Pianello di Cagli per Cerreto, conduce alle enormi antenne della Rai che sovrastano la cima del Monte. Aggirando la cima chiamata “La Montagnola” in senso antiorario, si arriva alla località “La Cupa” (incrocio con la strada asfaltata e presenza di rifugio), poco sotto la vetta e, svoltando a destra, dopo un paio di km di asfalto, si arriva al Rifugio Corsini, recentemente distrutto da un incendio ed attualmente in fase di ricostruzione; subito a monte del rifugio si entra nella pista da sci, piegando però subito a sx su sentiero, superando un reticolato ed risalendo una vasta gobba adibita a pascolo da cui si gode un panorama spettacolare; la traccia piega progressivamente a sx aggirando la cima del monte in senso antiorario. Il sentiero comincia a scendere fino ad incrociare la strada asfaltata che, da Serravalle, conduce alla cima; percorso brevemente un tratto di questa a sx in salita, incontriamo il poco visibile inizio di un divertente toboga nel bosco che porta all'abitato di Serravalle. Qui si scende su asfalto verso Apecchio, ma dopo circa 1 km si lascia la strada per un sentiero che scende sul fianco del monte Cardamagna per sbucare infine, dopo aver toccato la località Ca’Rossara, sulla statale che conduce a Città di Castello. Tornando indietro, a dx verso Piobbico, ove finisce il giro, vi è però la possibilità di una piccola deviazione per vedere lo spettacolare imbocco del Rio Vitoschio, formato da due vicinissime pareti verticali che formano una spettacolare gola che ad una svolta appare all’improvviso ai nostri occhi (palestra di roccia).
N.B. l'uso di questi punti non toglie all'utilizzatore l'obbligo di andare in montagna con la prudenza e le attenzioni che quei luoghi necessitano. è solo un aiuto in più per la localizzazione dell'itinerario e della propria posizione. Declino ogni responsabilità per un uso sconsiderato ed imprudente di questo file. Pur avendo messo tutta la cura possibile nel prendere i punti e nell'elaborarli l'uso di questo file è a rischio e pericolo di chi lo usa. errori così come cambiamenti nel terreno o problemi di ricezione gps sono sempre possibili
PS Se si vuole visualizzare un’animazione vedi qui:
https://ayvri.com/scene/7dj2p0x3ke/ck6xz1dxo00013b68qnrud9kp
oppure visitare il sito www.ayvri.com ed eseguire ricerca con “Monte Nerone "classico"”




Come arrivare al punto di partenza

Venendo dalla costa adriatica, da Fano prendere la superstrada per Fossombrone, direzione Roma, uscire ad Acqualagna direzione Piobbico

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

BERTO NSR

08.06.2020 23:43

Mi piacerebbe provare questo percorso. Il tratto tra il rifugio Corsini e la strada asfaltata è abbastanza largo o un po' esposto? Io purtroppo soffro un po' l'altezza e i tratti esposti mi creano non poca difficoltà. Grazie
link
edit/delete

sean

09.06.2020 14:47

Nessun problema vai trsnquillo. Circa 500 mt dopo il Rifugio Corsini c'è un tratto di un centinaio di metro un po' esposto ma il sentiero in quel punto è largo. Praticamente uno stradello
link
edit/delete

surftrader

05.01.2021 15:43

Ciao e complimenti per il giro che "sulla carta" sembra molto bello.Due domande:
1)Se ad Acquanera per abbreviare giro/dislivello vado a sx perdo molto in termini di bellezza di paesaggio?
2)Ho visto che tu non sei salito in cima al Mte Nerone (100 metri in più di dsl) : non merita?
Grazie
link
edit/delete

surftrader

05.01.2021 15:49

Altra domanda:
3)Arrivato a Ca Rossana sei sceso a sx per la sterrata quando invece avresti potuto proseguire per il sentiero fino alla statale.
Non è fattibile/divertente in mtb?
Ciao
link
edit/delete

sean

07.01.2021 11:06

Se ad Acquanera giri sulla vecchia strada asfaltata ormai quasi in disuso a sx tagli un buon pezzo di giro ma ovviamente la salita, pur lunga, è più agevole. Anche da qui il panorama è molto bello per cui potrebbe essere una opzione valida tanto che noi solitamente per arrivare in cima passiamo di lì.
La cima del Nerone, una volta arrivati al rifugio La Cupa, è a due passi, ma sappi che la cima vera e propria è occupata dai ripetitori RAI e quindi inaccessibile, C'è un piazzale antistante il cancello da cui si gode un'ottima vista. Vale la pena una deviazione..
Cà Rossara da qualche anno è stata ristrutturata e recintata per cui, dato che siamo praticamente a poche centinaia di metri dalla fine del giro, conviene evitare "acrobazie" e scendere per la strada

Infos

Inserito da
sean
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
23.02.2020
Località
Via Monsignor Giuseppe Palazzini, 5, 61046 Piobbic
Regione
Marche
Tempo Percorrenza
4
Distanza
34.0 km
Dislivello
1300
Difficoltà tecnica
medio facile
Condizione fisica
medio
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
80
Downloads
25
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2021 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors