Carpegna Miratoio Valpiano Pennabilli

CARPEGNA VALPIANO PENNABILLI
Caratteristiche:
Zona: Carpegna (PU)
lunghezza: circa 37 km
Dislivello: salita 1.800 – discesa 1.800 mt.
Cartina: sono numerose le pubblicazioni disponibili. Solo a titolo esemplificativo:
• Guida escursionistica Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello con alagata cara escursionistica al 25.000 ediz. S.E.L.C.A. Firenze 2005
• Guida ai Sentieri del Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello edita dal parco stesso
• Carta dei Sentieri del Monte Carpegna 25.000 ed. APT Urbino
• Carta nr.126 Alta Val Marecchia 50.000 CAI Rimini
Luogo di partenza: Carpegna

Questo tour non è compreso fra i giri considerati “classici” della zona, quello cioè che si trovano in rete o nelle varie pubblicazioni, anche se la parete finale è, per così dire, tradizionale prevedendo la discesa della Gavina; lo abbiamo infatti studiato sulla carta e messo in pratica nell’estate del 2019. E’ un giro da fare preferibilmente in estate o comunque dopo un periodo molto asciutto, per evitare un tenacissimo fango che si crea in caso di maltempo.
Il giro parte dal paese di Carpegna per dirigersi verso Passo Cantoniera, optando per la strada asfaltata o in alternativa per il parallelo stradello, poi tratturo, che parte dalla frazione di San Pietro. Giunti al passo si può girare su asfalto a sx in direzione Valpiano o dirigersi verso il Parco Avventura e passare per il bosco; nell’un caso o nell’altro dopo poche centinaia di metri si trova l’imbocco per la cosiddetta Strada della Todt, che in realtà è un sentiero (nr.118) che conduce verso la sella fra Sasso Simone e Simoncello; solitamente questo tratto, che poco dopo l’imbocco entra nel Poligono Militare, viene percorso in discesa; in questo caso invece si fa in salita, inizialmente resa difficoltosa dal fondo sassoso, poi più scorrevole, comunque mai troppo ripida. Dopo pochi chilometri si incontra l’unica deviazione presente sul percorso; qui si lascia la via principale che passerebbe fra i due Sassi per imboccare invece a dx verso Miratoio (indicazioni - sent.17). Questo tratto di sentiero, inizialmente in saliscendi, è molto meno battuto del precedente e spesso il fondo è sporco ed ingombro di rami, oltrechè fangoso; usciti dal bosco si entra in una zona che alterna pascoli a calanchi e qui occorre affidarsi al GPS. Giunti alla strada che collega loc. Valpiano con Miratoio, bisogna girare a dx (in alternativa sent.95) e percorrerla fino ad un quadrivio che a sx porterebbe a Ca’Romano, dritto a Pennabilli ed a dx vi riporterebbe a Passo Cantoniera (questo breve tratto di strada asfaltata si potrebbe evitare con un taglio che però presenta pendenze elevate). Prendete quest’ultima direzione e, dopo qualche centinaio di metri a sx si trovano gli imbocchi, in sequenza, di due sentieri che scendono nella valle del Torrente Messa (uno dei due è segnato con cartello bianco e blu). La traccia prende il secondo, ma anche il primo va bene in quanto entrambi si ricongiungono. Questi sentieri presentano un fondo molto sassoso e discrete pendenze e vanno affrontati con prudenza. Scesi per un tratto piuttosto lungo nella valle, verso Villa Maindi, poco prima di questo abitato si trova una deviazione sulla dx che scende rapidamente nel letto molto roccioso del torrente che occorrerà superare (anche qui possibilità di fango) e quindi risalire sull’altro versante, con strappi brevi ma molto ripidi. In breve giunti in località Ca’Marnello un breve tratto asfaltato conduce ad incrociare la SP che da passo Cantoniera scende a Pennabilli. All’incrocio, anziché scendere a Pennabilli, risaliamo per qualche centinaio di metri in direzione del Passo, fino ad incrociare un ben visibile stradello (segnalato) che con un percorso a saliscendi porta a Scavolino (sin qui siamo sempre sul percorso 95). Da questo paese una larga ma a tratti ripida imbrecciata/sterrata (sent. 102A) sale verso i prati sommitali del Monte Carpegna, fino a passare sotto i contrafforti rocciosi del Passo del Trabocchetto, punto panoramico spettacolare che tuttavia in questo giro si taglia fuori, a meno di una peraltro breve deviazione. Qui inizia (sent. 105) un breve ma tecnico tratto in discesa, seguito da una salita che, superato un quadrivio di sentieri sormontato da un’edicola religiosa, si collega con la strada asfaltata che sale agli impianti sciistici della Madonna del Faggio; raggiunti questi si risalgono i pratoni puntando a sx verso il bordo della Costa dei Salti da cui parte la divertente e nota discesa della Gavina (104). Dopo questa si raggiunge per stradello la località Cippo e da qui si conclude a Carpegna; per evitare l’asfalto, subito dopo il Cippo, si può prendere il sentiero 101 che parte a dx dopo una catena e successivamente uno dei sentieri che scendono in paese.

PS Se si vuole visualizzare un’animazione vedi qui:
https://ayvri.com/scene/7dj2p0x3ke/ck00ydc7w00013b65p2td1puw
oppure visitare il sito www.ayvri.com ed eseguire ricerca con “Carpegna Valpiano Pennabilli”


Come arrivare al punto di partenza

Carpegna Paese. Preferibilmente parcheggiare nei pressi della sede del Parco del Sasso Simone

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
sean
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
01.01.2020
Località
Carpegna
Regione
Marche
Tempo Percorrenza
6 ore
Distanza
37.0 km
Dislivello
1800
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
10
Downloads
1
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2020 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors