[gravel] Gran Tour Monte Faudo 360°

Il Monte Faudo è una dei principali rilievi nell'immediato entroterra di Imperia, la traccia ci gira intorno, seguendo principalmente strate sterrate e stradine secondarie dell'entroterra. Si parte da Dolcedo, dove si può lasciare l'auto, ma in realtà qualsiasi altro punto di partenza va bene. La traccia può teoricamente anche essere invertita, ma facendola al contrario di come l'ho fatta io (io l'ho fatta in senso antiorario), si rischia di fare delle salite molto ripide. Il dislivello è lo stesso ma concentrato.
Comunque sia, la prima parte della salita lungo il crinale ovest della valle prino, fino a Pantasina dove si imbocca la strada del colle D'Oggia, a scorrimento limitato (in teoria è chiusa alle auto). Il primo sterrato arriva poco dopo la zona chiamata "cian zerbu" sulla sinistra e porta, stando a mezza costa, fino al paese di Villatalla. Ma non è che l'inizio, il pezzo forte del giro è la lunga salita fino alla cappelletta del Passo Pistuna, tutta su strada sterrata, a tratti anche abbastanza ripida. Qui, antico punto di scambio merci fra le genti delle vallate limitrofe (Argentina e Impero) si gode il migliore panorama della zona, che spande fino al mare, la Corsica e gran parte della costa ligure.
Subito dopo si scende in una serie di vallette laterali che porteranno ad Arma di Taggia lungo il Torrente Argentina. I paesi che si incontrano meritano tutti quanti una visita: Arzene, Montalto Ligure, Badalucco. Giunti a Taggia si cambia versante, passando sopra l'antico ponte che attraversa il torrente. Qui inizia la cosiddetta via della Costa, o meglio il tratto che da Taggia va ad Imperia. La via della Costa era la vecchia via dei pellegrini di mezza costa, percorsa tutto l'anno, sufficientemente lontana dal mare per essere sicura (era periodo di incursioni saracene) ma non ancora in montagna da poter essere percorsa sempre. La via della Costa oggi fa parte del Sentiero Ligure (di cui vedrete spesso le indicazioni) e della via di Santiago (che da Roma va a Santiago, completamente tracciata). Ovviamente non tutto è sempre ciclabile ma ho seguito i tratti che sono adatti alle bici da gravel. Tranne un piccolo pezzo di raccordo che indicato in traccia (dopo Civezza), per il quale occorre spallare la bici (ma che potete evitare passando poco sotto, se avete una mappa vedere facilmente dove passare). La traccia, dopo aver attraversato numerosi paesi che consiglio di visitare, come Lingueglietta, arriva sotto l'abitato di Civezza al quale si arriva con una ripida cementata, ma che per fortuna dura poco. A Civezza poi è tutto un susseguirsi di strade e sterrati per arrivare a giungere a Torrazza, paese poco prima di Dolcedo.
Il giro è adatto a qualsiasi tipo di gravel, ma in generale abbastanza faticoso per le salite, specialmente quella del passo Pistuna ed è fattibile tutto l'anno. I panorami, beh ve li lascio giudicare da soli. Quasi idilliaci. Buona pedalata!
[www.facebook.com/situazionegravel]


Come arrivare al punto di partenza

Dolcedo, piazza centrale del paese

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

alepapo

13.01.2019 12:37

ciao,volevo fare questo giro in inverno,è fattibile??? il pezzo non gravel è alla fine del percorso,se non sbaglio,si evita con l'asfalto o con il sentiero Civezza,sotto il tuo percorso??tutto il resto del percorso è gravel o mtb-gravel?? ultimamente s'incontrano tracce mtb spacciate per gravel,a me non piacciono...altrimenti uso la mtb che mi diverto di più!!!grazie Paolo
link
edit/delete

Jumpnotzero

13.01.2019 17:43

Dunque io l’ho percorso qualche settimana fa e non ha neve. Non ne ha mai a dire il vero. L’ho percorsa con una gravel. Le mie tracce se le indico come gravel, gravel sono. Una Rove della Kona quindi alla portata di qualsiasi gravel. Infine il tratto che indico come non gravellabile (si è a fine percorso, ma dipende se parti da dove sono partito io), lo puoi evitare girando a sx poco sotto andando in direzione Poggi (rimane fra Civezza e Torrazza). Se guardi sulle mappe vedi la stradina che intendo. Altrimenti spingi la bici per 10 minuti max niente di che se non hai borse o bici pesanti.
link
edit/delete

alepapo

13.01.2019 18:00

grazie mille!!!

Infos

Inserito da
Jumpnotzero
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
10.01.2019
Località
Doldedo
Regione
Italia
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
5
Distanza
69.0 km
Dislivello
2092
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
39
Downloads
2
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors