Questo sito contribuisce alla audience de

722 Due Passi sulle Prealpi (Praderadego e San Boldo) da Tovena.

Referente LUIGI - ( ruotalpina@alice.it ) - Ultima ricognizione: 17/11/2018

SCHEDA TECNICA
Verso Orario - Lunghezza = 51 Km - Dislivello Sal/Disc = +1950 m
Quote min/Max = 230 / 920 - Tempo Standard ore 5:10 min
Velocità media = 9,9 Km/ora - Ciclabilità su tempo 98% (a piedi 4 min)
Difficoltà Tecnica = 4/7 MEDIO - GD= 75 DIFFICILE
Consumo Energia Elettrica =540 Wh

PREMESSA: Con questo giro ci siamo proposti di verificare la situazione delle strade silvo-pastorali che percorrono i due versanti Trevigiano e Bellunese; i maggiori danni al bosco si sono verificati nella parte alta ed in particolare nel bellunese. Due giorni prima del nostro passaggio alcune delle strade percorse erano interrotte da numerosi alberi divelti con tutte le radici. Al passo di Praderadego il versante ovest del Col di Zoc è un cimitero di alberi spezzati a metà...; solo grazie al tempestivo intervento dei boscaioli la viabilità sulle carrarecce è stata ripristinata ma per i sentieri ci vorranno mesi e forse anni (non avventuratevi in discesa sui sentieri senza precise notizie sulla percorribilità).

NOTA: praticando i 2 possibili tagli di cui si fa menzione nella DESCRIZIONE, si ottiene un percorso (medio/difficile) di 43 Km con 1500 m di dislivello.

DESCRIZIONE :
Da Tovena si lascia presto la strada principale per un sentiero che si tiene poco più alto sulla SP. A Mura bisogna scendere e percorrere 250 m di pista ciclabile sul lato sx della SP; poi si riprende il sentiero per Cison. Si ha una bella vista panoramica all'imbocco della Valle dei Mulini (valle che meriterebbe una visita a parte) come pure è notevole l'attraversamento dell'antico borgo di Cison di Valmarino; all'uscita, attraversando il parcheggio, non può mancare uno sguardo al famoso castello (Castelbrando) che ci sovrasta.
Ancora per ciclabile si raggiunge Valmareno da cui inizia l'impegnativa salita al Passo di Praderadego. Dal wpt D 320, ho inserito una breve variante sterrata, ma potete ignorarla.
Dopo una serie di tornanti, a q. 820 merita fare una sosta (il più è ormai alle spalle) anche per godere dell'eccezionale punto panoramico: sulla valle ma soprattutto sulle pareti strapiombanti
dal Col Dei Moi (non è raro vedere scalatori in azione su queste pareti).
Al passo si può trovare ristoro alla trattoria Ai Faggi; poi avete un'alternativa: se volete accorciare il giro di 5 Km e 250 m di disl., vi basta scendere sulla principale per ritrovare poi la traccia nel wpt I 540. Seguendo invece la traccia si prende la strada per malga Canidi inizialmente in salita. Da F si svolta a dx in discesa verso Tiago e bisogna fare attenzione: ci sono tratti ripidissimi (-30%) che, pur su cemento, richiedono prudenza oltre che ottimi freni. La strada spiana ormai in vista del Castello di Zumelle. Per raggiungerlo si deve però scendere al ponte sul Terche e poi risalire di 140 m per uno sterrato impegnativo, fino alla radura alla base dello splendido antico maniero (se avete tempo ed energia: visitatelo!). Ripartiti da qui, si affrontano brevi risalite fino all'incontro con la strada che scende direttamente dal Praderadego (I 540); poi, con breve discesa, si raggiunge Ponte val Maor in J 480. Da qui si risale la valle fino a q. 580 poi con breve discesa si scende ad un guado e si cambia versante.
Dopo circa 600 m si trova una rampa improvvisa, breve ma ripidissima, che vi potrà appiedare ma dopo 2 minuti sarete nuovamente in sella ad ammirare questa valle selvaggia e incontaminata. Si procede con facili saliscendi fino all'innesto con la strada Carve/Zelant. Segue una lunga ma facile salita fino allo scollinamento di q. 780 da cui si giunge presto all'amena radura dove troviamo l'antica trattoria "Da Geppo" (ora anche agriturismo) e dove, oltre a trovare ristoro, (prenotazione obbligatoria: 0437.753363) gli e-bikers possono ricaricare. Dopo la sosta si inizia a risalire la val di Botte; a q. 920 si scollina e poco dopo si cambia versante continuando in discesa verso Signa su fondo coperto da foglie autunnali. Nella parte alta del paese (da cui si apprezza una grandiosa visuale sulla valle del Piave e sulle Alpi Bellunesi), si devia dalla principale per un inedito tratturo erboso e poi, ripresa la strada asfaltata, si raggiunge in breve (wpt Q 625) la SP che da Trichiana sale al Passo San Boldo. Si risale verso il passo, che dista meno di 2 Km, molestati dal vento contrario (capita spesso). Qui ancora si prospetta la possibilità di ridurre il percorso proseguendo sulla principale che scende a tornanti (con 5 gallerie e 2 semafori) ed arriva direttamente a Tovena. Si otterrebbe così una riduzione di 3 Km e 200 m di dislivello. Seguendo invece la traccia si va a prendere la strada detta "della Caldella" (svoltare a dx subito dopo il ristorante Laris). La salita è impegnativa nei primi tornanti cementati, poi si addolcisce in un buon sterrato che culmina al bivio S 900. Dopo una breve contropendenza si scollina definitivamente al belvedere di q. 910, dopo case Ial.
La discesa finale verso Tovena attraversa un magnifico bosco di castagni, querce e noceti.
I tratti più ripidi sono cementati ed apprezzerete la scelta del verso orario che li propone in discesa. Dita affaticate per il gran frenare, si "atterra" in periferia sud di Tovena, si attraversa la bella piazzetta Armando Diaz e si arriva poco dopo al punto di partenza


Come arrivare al punto di partenza

Tovena si trova sulla S.P. 635, a metà strada tra Revine e Follina, svoltando verso monte all'indicazione Tovena/Passo di Sant'Ubaldo.
Vi si può arrivare: da Conegliano-Tarzo; dalla A27 uscita Vittorio V.to nord, da Pieve di Soligo-Follina. Nella piazza (..Della Vittoria) si trova parcheggio con fontanella (potabile) ed un bar/trattoria.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
RUOTALPINA
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
19.11.2018
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
ore 5:10 min
Distanza
51 Km
Dislivello
1950 m
Difficoltà tecnica
4/7 MEDIO
Condizione fisica
GD= 75 DIFFICILE
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
241
Downloads
72
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors