Sui trail dell'Argentario

L'itinerario riprende pari pari quello di Revoshift, meno la spiaggiate finale. Ne creo un altro perché da "forestiero" la descrizione è troppo didascalica, è datato e potrebbe indurre chi non conosce la zona ad evitarlo, mentre invece merita decisamente. Ne modifico tempi di percorrenza e difficoltà in relazione alla mia condizione e capacità.(Condizione discreta, 2/3000 km circa annui con buoni dislivelli, capacità niente di mostruoso ma mi piacciono le discese tecniche, trialistiche). La traccia è abbastanza precisa, difficile sbagliare, attenzione che salendo dopo il santuario per sbaglio ho preso a sinistra la strada bianca che si affronterà poi in discesa, per poi tornar sui miei passi e continuare a salir su asfalto; forse un po errati(50/100 metri) i dati altimetrici, problema che sovente noto a fine giro. Salite tutte pedalabili come fondo e pendenze, niente di mostruoso considerando però che io l'ho affrontata oggi alle 6 di mattina. Discese veramente belle e varie, mai difficilissime, complimenti ai trailbuilder. Niente tafani. Fatto con front 29 in acciaio 150 mm di escursione.
Si esce subito dalla statale risalendo una stradina che in breve diventa sterrata e sale verso le torri minerarie. Davanti ad esse si prende a destra in salita il sentiero, che sbuca poi sulla trada bianca che senza grandi pendenze sale verso il convento dei Padri Passionisti. Poco sotto di esso ci si immette sulla provinciale che sale alle antenne. Raggiunto il crinale poco dopo di esse si prende una evidente deviazione a destra su una mulattiera scassata che in breve diventa sentiero roccioso. Poco dopo però si entra nel bosco e la discesa diventa fantastica. Buon fondo, molto flow, con pendenze non proibitive, curve lavorate in appoggio e qualche salto con possibilità di passaggio a lato(sentiero della Madonnina). Si esce dal track su una strada bianca, ultima vera salita, che imboccata a destra riporta sempre con buon fondo e pendenza regolare alla strada di cresta, che a destra porta poco dopo alla seconda discesa, nello stesso punto della prima ma sta volta alla sinistra della strada, un po più trialistica specie sopra, ma poi veloce e con fondo fantastico. Sbucati su strada bianca in discesa verso sinistra, all'asfalto destra e in breve di nuovo al convento. Subito a destra, mulattiera in salita che al cambio di pendenza diventa il sentiero dell'ultima discesa, con tratti da rilanciare nella parte alta e bei ripidoni in basso. Si esce inboccando a destra la strada bianca dell'andata, che divenuta asfaltata ci riporta al parcheggio. Attenzione agli incroci sulla traccia tra le varie discese e risalite, se leggete qui sopra non potete sbagliare.


Come arrivare al punto di partenza

Da Orbetello si attraversa la laguna, e si parcheggia nella zona della rotonda del bivio Porto Santo Stefano/Porto Ercole(Località Terrarossa). L'itinerario parte in direzione Porto Ercole sulla statale.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
beppe.goetz
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.07.2018
Località
Argentario
Regione
Toscana
Tempo Percorrenza
2,5/3 ore
Distanza
29.0 km
Dislivello
1200 circa
Difficoltà tecnica
BC
Condizione fisica
Duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
104
Downloads
32
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors