Tour delle meraviglie: Forc. Ambrizzola e m. Pelmo

Verso di percorrenza: Antiorario
Bici utilizzata: front da 100mm
Presupposto: se accetterete di farvi una mezz’ora abbondante di camminata, questo itinerario sicuramente entrerà a far parte della vostra top-list.
Partenza da Borca di Cadore, i primi chilometri si percorrono su facile ciclabile in direzione Cortina.
In località Acquabona, subito dopo una breve discesa leggermente smossa, si abbandona la ciclabile e si prosegue sulla sinistra andando ad imboccare, subito dopo il ponte, la forestale che conduce al Ristorante Lago Pianozes. Si prosegue qualche metro fino ad imboccare, verso sinistra, la salita asfaltata che, con pendenza importante e a tratti ripida, conduce a malga Fedèra, dove si può godere di un’eccezionale veduta.
Il successivo tratto di salita è tra i più impegnativi che avrete mai percorso, con punte abbondantemente superiori al 30% ma che il cemento rende pedalabili (fino al 2017 era tutta sterrata).
Fortunatamente non è lunga e in un paio di chilometri si arriva al rifugio Croda da Lago.
Volgendo lo sguardo verso sud si scorge il sentiero che, dopo aver fatto il giro turistico del lago, conduce a forc. Ambrizzola (2300m) dove le parole non sono sufficienti a descrivere lo spettacolo che vi troverete ad ammirare 360° intorno a voi… sicuramente uno dei punti panoramici più suggestivi delle Dolomiti.
Si procede quindi sul trail a sinistra, con brevi passaggi a piedi su rocce, dove si raggiunge la quota massima (2350m). La successiva bellissima discesa è parecchio tecnica, da fare attenzione in alcuni tratti di roccia, con qualche brevissimo tratto a piedi, ma nel complesso è spettacolare.
Continuerà così per parecchi chilometri, solo alcuni brevi passaggi richiederanno di scendere dalla bici, finchè si incontrerà la forestale che , verso destra, conduce al rif. Città di Fiume.
Da qui si scende su strada di sassi fino ad incrociare la salita di asfalto che porta al passo Staulanza.
All’altezza del passo, a sinistra comincia l’Anello Ampezzano, che in una decina di chilometri circumnaviga il Monte Pelmo. Non è tutto ciclabile, diciamo un 40/50% con buone doti tecniche (una mezz’ora abbondante a piedi) , ma i tratti che potrete percorrere in sella al cospetto del Pelmo non vi faranno rimpiangere della scelta fatta.
Raggiunto il versante est, si scenderà verso il ghiaione con bici in spalla per poi rimontare in sella qualche centinaio di metri prima della forcella dove sarete in vista del rif. Venezia, che si raggiunge pedalando.
La discesa finale su sentiero 475 è assolutamente imperdibile: NON prendete il 470, banale sterratone pendente, bensì dal rifugio risalite alla forcella, tenete la sinistra seguendo le indicazioni per il 475, attraversando i prati con le mucche. La discesa sul sentiero è eccezionale, non priva di difficoltà, ma è possibile affrontarla completamente in sella.
Arrivati a malga Ciauta la si aggira sulla sinistra per continuare la discesa sul 475, ora non più su sentiero ma su veloce forestale stile bike park.
Il 475, dai 1960m della forcella, finisce 1000 metri più sotto , dove si incrocia l’asfalto che in un chilometro e mezzo riporta al punto di partenza.


Come arrivare al punto di partenza

Borca di Cadore si trova lungo la strada che conduce a Cortina

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

lazzaro54

12.07.2019 06:13

ciao, itinerario percorribile o vi sono alberi caduti sul percorso causa Vaia?
link
edit/delete

MTBikerMAU

12.07.2019 08:56

Salita verso Croda da Lago sicuramente libera (ci salgono anche le jeep navetta per il rifugio, oltre ad una gara domani 13/07); poi fino al Città di Fiume alberi ce ne sono pochi, quindi percorribile. Anello ampezzano intorno al Pelmo: parte iniziale nel bosco, non saprei dirti se sia stato toccato da Vaia, poi si procede tra i pini mughi dove alberi non ce ne sono.
La discesa finale sul 475 potrebbe essere un tratto colpito, ma una volta al rif. Venezia ti basta chiedere ai gestori la situazione (è stato il ragazzo giovane a consigliarci questa discesa); mal che vada scendi sulla forestale di servizio per tornare a Borca

Infos

Inserito da
MTBikerMAU
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
02.07.2018
Località
via G. Garibaldi, Borca di Cadore, BL
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
7h con soste
Distanza
50
Dislivello
2100
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
medio
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
221
Downloads
22
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors