IL GIRO INFINITO: LAGUNA, SILE, TREVISO, CASTELFRANCO, ASOLO, PIAVE

Bici utilizzata: Fat bike allestimento 29+

Il sogno di un giro pianificato da diversi mesi, si è finalmente realizzato domenica 6 maggio. La sveglia scatta all' 1:30 e alle 3:00 sono pronto a partire. L'Avventura inizia con il buio come compagno abituale di solitarie pedalate extralarge. Non riesco a svegliarmi del tutto e continuo a sbadigliare, sento le gambe arrugginite; la tensione sale mentre pedalando penso alle molte tappe che mi aspettano. L’ho già messo in conto che sarà un giorno duro, molto duro, ma il mio cervello sembra fregarsene. Comunque vada sarà un'avventura da ricordare. Una botta di adrenalina lungo la ciclabile che costeggia la laguna fino a Portegrandi mi da la sveglia, “maledette” nutrie, grandi come castori ripetutamente attraversano all’improvviso la strada rischiando di farmi cadere. Inganno il cervello costringendolo a pensare per step, “arriviamo a Treviso, poi si vedrà”. Sembra funzionare, le gambe lentamente si sciolgono e viaggio mantenendo una buona media. Piave vecchia, Girasile, Treviso, Sorgenti del Sile e fontanassi, sterrato che s’alterna a tratti asfaltati, Castelfranco Veneto, Muson e Sentiero degli Ezzelini fino al maglio di Pagliano, salita ad Asolo punto di non ritorno, discesa panoramica, statale fino a Cornuda e ponte di Vidor che non attraverso entrando nell’alveo del Piave e lo percorro fino a Nervesa, e poi Ponte della Priula, discesa del Piave sulle grave fino a Cimadolmo, Ponte di Piave e finalmente a casa. Difficile condensare più di 200 km di continue emozioni in poche righe: la laguna che riflette una pallida mezzaluna, il cielo stellato, il Sile in notturna illuminato dal faretto sul casco, Treviso alle 6 del mattino silenziosa e deserta, il profumo ammaliatore di una caffetteria che m’invita ad una sosta, le campagne sconosciute che mi accompagnano fra sterrati e pozzanghere di terra rossa a Castelfranco Veneto, il centro di Castelfranco, il Sentiero degli Ezzelini che costeggia il Muson percorso all’ombra di un tunnel d’alberi, la vista dei colli asolani e la suggestiva Rocca, il maglio di Pagliano, la piazza di Asolo e la banda che suona accompagnando una sfilata di figuranti in abiti storici, il panorama che si gode sulla pianura, le colline alberate ad ulivo, l’asfalto fino al ponte di Vidor (non molto bello) con stradisti che ti sfilano come frecce e sorridono vedendoti arrancare appesantito con una bici carica di borse, il selvaggio Piave fino a Nervesa e poi giù lungo gli stradoni impolverati delle grave fino a Cimadolmo, il garmin che reclama energia, lo ricarico con la batteria del faretto, il sole che ti cuoce lentamente ma inesorabilmente testa e gambe, la schiena e il sedere doloranti, le scorte di panini finite, la voglia di arrivare ma non si arriva mai, un Sms inviato a casa “sono a Nervesa”, da casa mi rispondono, c’è il pasticcio in forno ed il dolce che ti aspetta, slurp, e io sono ancora a Nervesa, l’acqua tumultuosa del Piave che m’invita ad un tuffo, la voglia di arrendersi ad una sosta ma “chi si ferma è perduto”, la testa che non comanda più la bici, cerco le energie perdute in un gel per resistere ancora 20 km. Inizio a parlare con la bici, “portami a casa” le sussurro, il fresco refrigerio dei boschetti prima di Ponte di Piave, il passaggio sulla ciclabile di Noventa, gli ultimi km pedalati in fuori sella per trovare un po’ di confort, ma dov’è, sono tutto indolenzito. L’acqua è finita ma la strada anche, sono felice di essere a casa dopo più di 12 ore di bici, mi fermo, scendo dalla bici, inizio a sudare, una doccia fresca mi rinfranca, 3 fette di pasticcio un piatto colmo di dolce alle mele, un pò di stretching e finalmente un divano dove stravaccarmi, game over.


Come arrivare al punto di partenza

Parcheggio scuole elementari Giannino Ancillotto di San Donà di Piave

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

Pietro.68

11.05.2018 11:38

nonnocarb2?
BRAVO!!!
link
edit/delete

paietta

11.05.2018 14:30

Mitico
Mi viene da dirti scherzosamente:pazzo...ma ti ammiro.
Complimenti.
link
edit/delete

Andreacek

11.05.2018 16:40

Bel giro complimenti, lo conosco quasi tutto, tra l'altro passi dietro casa mia...
una domanda: fai spesso giri così ,ti trovi bene con la fat ?
Ciao e complimenti
link
edit/delete

29wolf.19.66.

11.05.2018 17:28

Grazie a tutti per i complimenti. Giri di 120-130 km li faccio da 2-3 anni, quest’anno ho voluto testare la mia resistenza ai “lunghi” arrivando oltre i 200 per la prima volta, fondamentale è stato pensare un’avventura che mi stimolasse mentalmente alla grande. La fat mi sta regalando molte soddisfazioni, d’inverno sulla neve e la sabbia con le ruotone mi diverto un sacco, d’estate invece monto le 29+. Ci faccio praticamente di tutto, il giro dei 5 rifugi, il vallon di Lavaredo sulle Tre cime, ciclabili, mare e sabbia a Jesolo e Cortellazzo. Escludendo neve e sabbia non eccelle su nulla ma, sgonfia e rigonfia, con calma ti porta dappertutto.

Infos

Inserito da
29wolf.19.66.
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
10.05.2018
Località
San Donà di Piave
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
12:20 + soste
Distanza
206
Dislivello
+570
Difficoltà tecnica
facile
Condizione fisica
molto duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
157
Downloads
28
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors