VB - Montorfano Vert - Linea Cadorna

Anello sul solitario monte tra l'Ossola, il Cusio e il Verbano, punto strategico di controllo delle valli.
Salita e discesa su strade e mulattiere militari e degli scalpellini delle cave che crivellavano questa montagna granitica.
Il dislivello e lo sviluppo brevi non devono ingannare sull'impegno richiesto, infatti è uno dei giri più tecnici della zona.
Sono necessarie buone doti trialistiche per non farsi una lunga passeggiata.

Quota di partenza 204m
Quota massima 794m

AVVICINAMENTO:
Dal parcheggio della Posta di Mergozzo seguire l'asfalto in direzione Gravellona Toce; passati sotto la ferrovia, dopo 800m svoltare a sx in corrispondenza di una cappelletta, in direzione "Mergozzo Graniti", poi tenere la destra nei due incroci subito successivi.

SALITA:
Su sterrata la salita prima presenta rampe ripide, poi si incrocia la strada militare (molto ben conservata) e si continua a salire con una piacevole pendenza costante.
Giunti alla polveriera si può godere già di un bel panorama che denota la strategicità della postazione. Dopo il soprastante poligono di tiro, la salita continua su mulattiera, sempre intamente ciclabile fino alla vetta.
600m in 5km.

VETTA:
Dalla cima si possono ammirare le fortificazioni, i laghi di Mergozzo, Varese, Maggiore e Orta; Isole Borromee; il Mottarone, Massone, Zeda e altre cime che circondano le valli principali del VCO.
L'area industriale di Gravellona non è proprio uno spettacolo, ma il resto merita.

DISCESA:
E' una mulattiera sempre piuttosto larga, soltanto un po' vertiginosa.
I tornanti sono tutti S2-S3. Quelli iniziali S1. Poi direi che ce n'è uno S4 e uno S5 che mi sono rifiutato anche solo di studiare.
I pezzi tra i tornanti sono un po' sconnessi, ma permettono di arrivare tranquilli alle curve ed impostarle bene.
Non è una passeggiata, ma è sicuramente un bel giochino.
Le insidie maggiori sono nel finale, quando finiscono i tornanti e cominciano i ripidi e gli scalini molto sconnessi.

La discesa inizialmente ripercorre la mulattiera fatta in salita, sulla quale ci si comincia a sgranchire col nosepress senza rischi.
Conclusa la mulattiera percorsa in salita, si aggira a sx la parte soprelevata del poligono di tiro, riportandosi sul piazzale. Si ritorna rapidamente al cartello segnaletico che indica la deviazione per la Polveriera e, in direzione delle pareti strapiombanti, inizia il Sentiero Cadorna, con una serie ravvicinatissima di tornantini molto chiusi, non esposti, nel boschetto. Poi si "esce allo scoperto" sulla mulattiera esposta, sul lato opposto del diedro degli strapiombi.
Discesa estremamente suggestiva, richiede un livello di attenzione e prudenza adeguato al rischio che si corre.
Spettacolari alcuni passaggi a ridosso degli strapiombi e all'interno di una caverna.
Nell'ultimo terzo della discesa le pendenze aumentano notevolmente con un livello di difficoltà crescente, spesso al limite del trialistico, con una successione di passaggi S3-S4, con alcune punte forse S5.
Si incontreranno anche due piccole frane non ciclabili, che si oltrepassano in pochi secondi.

E' una discesa che può regalare delle belle soddisfazioni a chi piace questo genere di discese ipertecniche.

RITORNO:
Conclusa la discesa sulla strada asfaltata, si può svoltare a dx e tornare a Mergozzo in piano su asfalto (3.4km), oppure si può svoltare a sx, immettersi sulla SS34 in direzione Verbania e pedalare in piano fino ad incontrare le indicazioni per "Fraz. Montorfano" (2.3km) e girare a sx.
Si sale quasi fino alla frazione di Montorfano*, per circa 200m di dislivello, e si lascia l'asfalto quando si vedono le indicazioni "Sentiero Azzurro". E' una bella mulattiera lastricata in saliscendi nel bosco, che costeggia il lago dall'alto e conduce al borgo alto di Mergozzo, con belle viste sulle acque cristalline di questo lago.
Si conclude il giro con un po' di townhill sulle gradinate del paesino colorato.

*= vale la pena di salire fino a questa frazione per vedere la bella chiesetta romanica


Link: http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=150514
Pag. 1: notizie aggiuntive e proposte di varianti
Pag. 2: foto e alcuni commenti
traccia della discesa:
http://img12.imageshack.us/img12/7041/montorfanosentierocador.jpg

Piacevole e sciogli-muscoli è la passeggiata lungolago di Mergozzo verso Verbania. D'estate è un buon posto per farsi un bagno.
Le acque di questo lago sono molto pulite poiché non ha affluenti, ma solo sorgenti subacquee e nessuna zona industriale ci scarica dentro. Infatti lì vivono specie di pesci che non sopravviverebbero in altri laghi più inquinati.




Come arrivare al punto di partenza

Uscita "Verbania" dell'autostrada A26 e seguire direzione Verbania per 100m.
Passato il Fiume Toce, svoltare a SX, seguendo le indicazioni Mergozzo.
Dopo 3,5km si arriva in paese. C'è un grosso parcheggio sulla strada principale, davanti alle Poste, dove lasciare la macchina.

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
Happykiller
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.01.2010
Località
SP54, 28802 Mergozzo VB, Italia
Regione
Piemonte
Tempo Percorrenza
3h
Distanza
17
Dislivello
780m
Difficoltà tecnica
molto difficile
Condizione fisica
medio
Visite
1256
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2024 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors