Chaberton (3.130 mt.): l'inarrivabile!

ATTENZIONE!!! ALLA DATA DEL 6/07/2019 LA STRADA MILITARE FENILS-CHABERTON E' FRANATA IN MANIERA IMPORTANTE DOPO IL BIVIO CON IL SENTIERO PER IL LAGO DI DESERTES ED E' IMPOSSIBILE DA SUPERARE ANCHE A PIEDI. L'UNICA VIA DI ACCESSO AL MOMENTO E' DA CLAVIERE/MONGINEVRO.
- La segnalazione è stata fatta da Pierriccardo su Gulliver.

Ha ceduto un largo tratto della rotabile in località Rio dell’Inferno.

Ne confermo l'affidabilità: https://www.lagendanews.com/frana-la-strada-lo-chaberton-per-il-temporale/

PER FAVORE DATE NOTIZIE QUANDO LA STRADA SARA' RIPRISTINATA, PER POTER ANCORA PEDALARE SU QUESTO FANTASTICO TOUR.

-------------------------------------------

Questo tour è stato preso dalla traccia di Spirit In The Sky (http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/14487), che ringrazio infinite volte: grazie, grazie, grazie...

E' stata però registrata una traccia più precisa e alcune leggere modifiche al percorso dovuto alle variate condizioni delle tracce sul territorio, agli smottamenti e neve di quest'anno.
Da segnalare che l'attraversamento del torrente Rio Secco sul versante francese richiede come periodo migliore (ovviamente) l'estate per evitare di trovare acqua nel suo letto (ma dal nome penso che non ci siano problemi). In alternativa, restando sulla destra orografica del torrente, si arriva ad ogni modo a Claviere.

Ti guarda da lassù! Ti guarda già dall'autostrada e ti fa capire quanto sia difficile raggiungerlo. E' una tentazione che avevo già da qualche anno e aspettavo il momento propizio per accettare la sfida di Sua Maestà lo Chaberton:
- http://chaberton.altervista.org/comeoggi.html
- http://digilander.libero.it/avantisavoiait/Forte%20Chaberton.htm.

Oggi la accetto, sapendo di dover soffrire (e non poco) per coronare una delle ascensioni per eccellenza di tutti i bikers.

Alla fine portata a casa anche questa! Lo Chaberton è tosto, fiero, difficile da raggiungere: appunto... inarrivabile!!!

Grandiosi panorami da Pra Claud riempiono gli occhi di meraviglia e di ammirazione (e il cuore di gioia) per queste fantastiche montagne del torinese e non si può non fare a meno di pensare ai soldati italiani (ma non solo) che durante la guerra hanno faticato e sono morti per terminare e poi difendere questa maestosa fortezza: la più alta fortezza d'Europa.
In vetta panorami a 360° su una vastità di territorio dominato dalla fiera Fortezza ripagano (con moltissimi interessi) la durissima salita.
La discesa dal Col du Chaberton (da non confondere con la vetta) si presenta con una parte molto difficile e rischiosa. La mancanza di grip su terreno e sassi assolutamente instabili, le pendenze e il pericolo di far rotolare sassi a valle sugli escursionisti sotto di voi, obbliga (e sottolineo obbliga) ad una discesa a piedi, fino a dove il terreno diventa più compatto e meno ripido.
Un bel tratto nel mezzo in single-trail a fianco dell'asciutto torrente Rio Secco, lasciano poi il posto a Claviere alla discesa sul sentiero per le Gole di S. Gervasio e il Ponte Tibetano (il più lungo del mondo:
qui il sito del ponte: http://pontetibetano.eu/
e qui un video: https://www.youtube.com/watch?v=B33nYQPpf50

Bel tratto poi su ponteggio lungo la Piccola Dora e poi ultima discesa filante sul 630 verso Cesana.

Un tour che ricorderò a lungo come uno dei più belli, e soprattutto dei più duri, che abbia fatto in MTB.

------------------------------------------------------------------------------

Qui il video-racconto (della seconda volta in vetta): https://youtu.be/BEs6PR20VIQ

Qui le foto del tour: http://www.mtb-mag.com/d/it/pv/hashtag/ChabertonLInarrivabile/

Puoi vedere tutti i miei video sul nuovo canale Youtube "I Sentieri di Black" che sto iniziando a costruire: https://www.youtube.com/channel/UCLJMJ9qSHQhs1YP_yVnkWhw

------------------------------------------------------------------

Il tour nel dettaglio:

Parto da Cesana Torinese lungo i parcheggi della SP215 per il Sestriere. Mi dirigo verso il paese e poi alla rotonda a sx sulla centrale Via Roma, poi a dx su Viale Terzo Alpini, alla rotonda prendo a sx su Via Ortigara, a dx su Via Carlo Ferragut e poi inizia lo sterrato (segnavia 601/SB).
Primo tratto di corta e dura salita per poi planare su bei trails erbosi e poi nel bosco lungo la Dora Riparia.
Arrivo così a Borgata Vernin di Fenils e da qui inizia la salita inarrestabile verso lo Chaberton.
Nota: questo primo tratto può essere evitato partendo da Cesana direzione Fenils lungo la SS24 del Monginevro.

La salita si presenta dura ma pedalabile, con pendenza media dell' 11,5% per circa 7 km. passando per l'ultimo borgo di Pra Claud (ultimo posto acqua) dove inizia la Strada Militare di Val Morino.
Raggiunto il bivio che a sx conduce verso la Cresta Nera, salgo a dx dove le pendenze aumentano e per me iniziano i tratti a piedi (tanti) alternati ad altri pedalati (pochi).
I panorami ora si aprono a viste spettacolari e lo Chaberton, sempre li, che mi guarda dall'alto...
Ci vorranno 6 km. con pendenza media del 16,8% che mi condurrando alla cima, passando per Rocca Tagliata, Clot des Morts e Col du Chaberton: il tutto percorso (con qualche pausa) in circa 3 ore!

Finalmente ti ho conquistato! E ora che sono qui ti ammiro e rispetto ancora di più. Onore anche ai soldati italiani che hanno consumato le loro energie nel cercare di domarti e che sono morti per difenderti.

Ora scendo per il tratto fatto prima nell'altro senso, fino a Col du Chaberton. Da qui prendo a sx sul ripido e pericoloso versante francese: grip assente su terreno e pietre instabili (vi esorto ancora a scendere a piedi per non far cadere massi sugli escursionisti a valle).
Dopo un pò però il sentiero migliora e si riesce a stare in sella con sicurezza. Passo per i resti del Rif. Sette Fontane (distrutto da una slavina nel 2009), Plateau des Baïsses, attraverso il Rio Secco, prendo poi a sx per Bergerie des Baïsses, riattraverso il Rio per prendere un single-trail lento, tecnico e molto divertente che lo costeggia a dx fino a raggiungere Claviere.
Attraverso il paese fino alla rotonda nei pressi del Camping Claviere, per prendere poi in fondo al piazzale il sentiero per le Gorge di S. Gervasio/Ponte Tibetano.
Giunto sul letto della Piccola Dora, percorro ora una bella passerella che mi fa uscire in un parcheggio dove prendo la SS24 del Monginevro verso dx per circa 550 mt.
Prendo ora la Strada comunale di Sagna Longa che sale a dx per poi prendere una bella discesa erbosa sul 630 a sx. Termino poi la mia discesa su scalinata a Cesana alla fine di un tour indimenticabile e fantastico!!!

Indubbiamente uno dei giri più faticosi e difficili che abbia mai fatto. Se ne è valsa la pena? Assolutamente si!!!

CHI DECIDE DI AFFRONTARE L'ITINERARIO QUI PROPOSTO, SI ASSUME TUTTE LE RESPONSABILITA’ PER I RISCHI ED I PERICOLI A CUI PUO’ ANDARE INCONTRO E, UTILIZZANDOLO, DICHIARA DI AVER COMPRESO IL GRADO DI DIFFICOLTA’ DELLO STESSO. NON SI ASSUMONO RESPONSABILITA' DI ORDINE GIURIDICO PER EVENTUALI DANNI O INCIDENTI CHE POSSANO VERIFICARSI SUL PERCORSO.


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

wreck

08.08.2016 00:45

Super bravo! Complimenti. Una domanda: come la vedi da fare a fine settembre-metà ottobre? Pensi che sia ormai troppo tardi?
link
edit/delete

Black Devil

08.08.2016 08:23

Grazie! :-)
Direi che si può assolutamente fare salvo eventi nevosi anticipati. Ricordati però di scegliere una giornata limpida e di partire al mattino presto quando le condizioni meteo sono le migliori.
Utilizza questo sito di previsioni super-attendibile: http://www.nimbus.it/italiameteo/previpiemonte.htm
Portati adeguata protezione per il sole e per il vento che a 3.000 mt. è fastidioso e, visto che intendi farlo a fine settembre, metà ottobre, farà anche un pò freddino.
Ah, se lo farai fammi poi sapere...

Ciao!
link
edit/delete

wreck

10.08.2016 00:34

ok, grazie a te! Vediamo se si incastrano alcune cose.....speriamo
link
edit/delete

Black Devil

06.08.2019 11:41

ATTENZIONE!!! ALLA DATA DEL 6/07/2019 LA STRADA MILITARE FENILS-CHABERTON E' FRANATA IN MANIERA IMPORTANTE DOPO IL BIVIO CON IL SENTIERO PER IL LAGO DI DESERTES ED E' IMPOSSIBILE DA SUPERARE ANCHE A PIEDI. L'UNICA VIA DI ACCESSO AL MOMENTO E' DA CLAVIERE/MONGINEVRO.
- La segnalazione è stata fatta da Pierriccardo su Gulliver.

Ha ceduto un largo tratto della rotabile in località Rio dell’Inferno.

Ne confermo l'affidabilità: https://www.lagendanews.com/frana-la-strada-lo-chaberton-per-il-temporale/

PER FAVORE DATE NOTIZIE QUANDO LA STRADA SARA' RIPRISTINATA, PER POTER ANCORA PEDALARE SU QUESTO FANTASTICO TOUR.
link
edit/delete

Argirex

12.09.2019 16:08

Ciao,

scusa la domanda che potrebbe risultare scema: si può salire da Claviere con la bici ?

Grazie
Carlo
link
edit/delete

Black Devil

12.09.2019 18:00

E' la salita classica che si fa a piedi perchè più diretta: quindi più corta e più ripida.
In bici non pedali una cippa!
Secondo me non ha senso salire in bici da quel versante: guarda il mio video durante la discesa e capirai.
Il tour è fattibile solo nel senso come pubblicato.
Mi sa che fin quando non ripristineranno il tratto franato lo Chaberton è OUT!
Allego qualche foto della frana.

Infos

Inserito da
Black Devil
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
07.08.2016
Località
Viale 4 Novembre, 22-24, 10054 Cesana Torinese TO,
Regione
Piemonte
Tempo Percorrenza
5 ore 40 min.
Distanza
33.0 km
Dislivello
2.064 mt.
Difficoltà tecnica
DIFFICILE+
Condizione fisica
DIFFICILISSIMO
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
618
Downloads
124
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2020 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors