Z4-Traversata del Catinaccio

Affascinante, faticosa e impegnativa traversata del Catinaccio.
Il punto di partenza e' presso alla base dell'impianto Paolina a Carezza, si risale la strada che porta al passo di Costalunga e poco dopo si segue la strada con segnavia 548 che sale sul versante sud del gruppo del Catinaccio. La strada e' poco pedalabile fino alla sella del Ciampaz e al rifugio Pederiva, ed e' necessario caricare la bici in spalla. Dal rifugio si segue in prima in discesa e poi misto il sentiero 545 fino ad arrivare quasi al rifugio Ciampedie, e poi tramite 540 in semi discesa fino al Gardeccia. Qui inizia la salita che ci portera' prima al rifugio Vajolet e poi al passo principe. Fino al Vajolet c'e' una strada con pendenze molto dure, ma se siete fortunati i turisti a piedi con i loro incoraggiamenti vi daranno quella spinta per poter rimanere in sella. Oltre il rifugio la strada finisce e inizia un sentiero, ripido e anche sconnesso, quindi preparate a rimettere la bici sulle spalle. Arrivati finalmente al passo 2600m bisogna farsi coraggio per affrontare la discesa fino al rifugio Bergamo a quota 2165m, quindi ci si butta con prudenza nella valle ad ovest del catinaccio d'Antermoia. Ho affrontato la discesa il 25 giugno ed era pieno di neve e quindi non so dirvi se esiste un sentiero per scendere, io sono andato navigando a vista scegliendo i punti dove mi sembrava ci fosse meno neve. Alla fine della neve, ho incontrato un ghiaione e una sentierino sulla dx (scendendo). ATTENZIONE: il sentierino e' molto esposto, ci si puo' aiutare con il cavo metallico presente. Giunti al rifugio Bergamo inizia una divertente discesa quasi fino a Lavina Bianca e questo e' l'unico tratto di discesa veramente godibile. Prima di arrivare a Lavina Bianca si devia a sx per raggiungere la strada asfaltata ma per lasciarla poco dopo per imboccare una forestale che ci portera' fino alla Frommeralm senza dover passare su asfalto. Pochi colpi di pedale su strada ci portano a passo Nigra e ora non ci resta che seguire la strada che ci riportera' al nostro punto di partenza. Chi ne ha ancora puo' inventarsi un ritorno concatenando le innumeroli stradine sia in alto che in basso della strada principale. vista la poca pedalabilità del giro ho preferito andare su asfalto (!!??).
Il giro è molto impegnativo, poco pedalabile ma una volta a casa si è molto soddisfatti.
La traccia gps è molto "sporca" a causa delle continue perdite di segnale e quindi seguitela ma con molta cautela e con la carta in mano.


Come arrivare al punto di partenza

Seguire le indicazioni per Passo di Costalunga e poi Carezza

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

luigino pagin

30.07.2016 22:52

ma mi chiedo se facciamo giri x la mtb x spingere x portare la bici in spalla e se con la bici si deve andare da x tutto???????????????????????
link
edit/delete

zotto800

02.08.2016 22:31

in effetti!!! in genere cerco sempre percorsi pedalabili, pero' quando si va "all'avventura" si rischia d'incappare in qualche bella scarpinata. :)
link
edit/delete

zotto800

02.08.2016 22:33

scusate ma non riesco a caricare la traccia gps.

Infos

Inserito da
zotto800
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
29.07.2016
Località
Via Carezza, 169, 39056 Nova Levante BZ, Italia
Regione
Altro
Web
Homepage
Distanza
50
Dislivello
2100 ?
Difficoltà tecnica
difficile
Condizione fisica
duro
Visite
289
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors