Tour del Cansiglio e Fadalto

Senso Antiorario; tempo di percorrenza stimato con VAM di 800m/h: 8h
Bici utilizzata: front da 100mm
NB: ho effettuato questo tour durante una giornata piovosa, ho evitato alcune varianti che avrebbero reso più "intenso" il giro per questioni di percorribilità.
Partenza dalla piazzetta di S.Andrea, si evita la salita dello Sfadigà (i più potrebbero mal digerire questa "suggestiva" salita di circa 1,8km così a freddo) salendo verso le grotte del Caglieron lungo l'asfaltata via Costa Rive.
Raggiunto borgo Piai si procede verso via del Santo dove comincia l'ascesa impervia verso località Cadolten (poco più di 700m in 5km, 14% medio); raggiunto il capitello di s.Floriano a quota 1170, la prima fatica è superata. Arrivati alla casa forestale, svolta a destra verso malga Coro, si oltrepassa una sbarra e si procede lungo una traccia dapprima sterrata poi cementata verso il passo Crosetta (1130m) dove è possibile rifornirsi d'acqua alla fontana.
Torniamo indietro di 200 metri e saliamo a destra sulla strada con una sbarra bianco/rossa all'inizio.
Qua comincia il tipico tour del Cansiglio lungo il noto anello prevalentemente sterrato (con un po' di fortuna è possibile incontrare anche qualche cervo) di cui non mi dilungo nella spiegazione.
Terminato il sentiero del Taffarel (1350m), svolta a destra e saliamo il monte Pizzoc verso il rif. Vittorio Veneto a quota 1570m.
Seguiamo la strada di ghiaia alle spalle del rifugio per circa 800m, abbandonandola all'altezza del tornante destro per salire un breve tratto e raggiungere il Sentiero delle Piaie Longhe (NON l'H3, che è leggermente più a destra). Questo sentiero ha dei tratti non pedalabili ma una volta giunti all'altezza della casera Pian della Pita-monte Millifret si allarga e diventa tutto percorribile in sella.
Si procede verso malga Mezzomiglio attraverso un suggestivo passaggio prativo,a seguire sulla sinistra comincia un bel sentiero a mezza costa nel bosco in direzione "Spert", una bella scoperta anche per me questo trail (molto più bello se asciutto!).
Finito questo trail, all'altezza della strada asfaltata (dove incrociamo la traccia già percorsa), seguiamo le indicazioni per "Madonna del Runal" scendendo per una stradina sassosa con un tratto intermedio dove fare particolare attenzione vista la pendenza notevole.
Raggiunta la chiesetta, procediamo lungo la cementata e sbuchiamo sull'asfalto che porta a Farra d'Alpago (ci sarebbe una variante che ho evitato viste le condizioni meteo). Seguiamo la sponda sinistra del lago di Santa Croce lungo la comoda ciclabile sterrata, finita la quale occorre procedere su statale asfaltata e attraversare 3 brevi gallerie. L'ultima parte dell'itinerario prevede quindi il ritorno a Vittorio Veneto lungo il Fadalto-offroad, che alterna brevi sentieri e stradine secondarie lungo i laghi del Restello e Morto (questa parte è disponibile in varie altre tracce già presenti nel forum, non mi dilungo nella spiegazione).


Come arrivare al punto di partenza

Autostrada A27, uscita Vittorio Veneto sud o nord, parcheggio ai piedi di s.Augusta

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
MTBikerMAU
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
13.06.2016
Località
Via Cittolini, 31029 Vittorio Veneto TV, Italia
Regione
Veneto
Tempo Percorrenza
8 ore
Distanza
95
Dislivello
2500
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
medio/duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
126
Downloads
8
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2017 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors