Champorcher XL

Lungo e molto interessante itinerario AM ben noto nella parte alta ma inedito da Champorcher fino a fondo valle (non ho trovato nessuna info per mtb a riguardo).
Traccia da Rifugio Dondena alla finestra di Champorcher e viceversa fatta su neve portante quindi in estate non fattibile alla lettera ma è sufficiente seguire la cartellonistica in loco. Discesa infinita con sorpresa finale.

Start rasoterra dal parcheggio presso il Comune di Hone, tutto asfalto fino a Champorcher e ancora più su fino alla strada per Dondena a quota 1800m circa poi seguendo AV2 si giunge al lago e Rifugio Miserin quota 2580m ottimo punto di appoggio per tanti epic tours in zona. Ancora 200 m (a spinta in estate) e siamo alla finestra di Champorcher 2826m dove ci si affaccia verso Cogne e il Vallone d'Urtier (quello che fa arrivare all' Invergneux per intenderci) con Rifugio Sogno ben visibile 300 m più sotto. Dietrofront. In discesa su secco seguire ancora AV2 fino al lago e poi sentiero 7 in modo da evitare la strada reale fatta in salita. Ritornati al ponte sul torrente Ayasse prendiamo il sentiero nr 9-AV2 appena prima della salitella che parte bucolico e diventa rock and roll su scogli fissi fino a Chardonney. Parliamo di 5 km di pugnette su 700 m D-. Evitare come la peste la strada sulla destra all'alpeggio Champlong altrimenti ve la fate tutta su pista insignificante. Dalla partenza Funivia attraversiamo il ponte e con un breve ma meritato relax su pista andiamo a prendere un bel ST lungo il torrente Ayasse molto carino, a tratti ruspante ma immerso in un bosco da favola. Alla frazione Moulin a dx su bitume per 300 m lineari dove da Outre L'eve è ancora ST che non sembra finire mai fino a riguadagnare il torrente e con breve risalita la SR a Salleret.
Sempre seguendo i segnavia del Tor des Geants attraversiamo diverse frazioni su facili sterrate, brevi ST e un po' di asfalto fino a Pontboset e Frontiere (NB: forse all'altezza di Trambesere si riesce ad evitare asfalto rimanendo su lato orografico destro su pista poderale) dove
il sentiero ci inganna illudendoci che sia pacchia fino a Hone. Invece dopo l'ennesimo spettacolare ponte abbiamo l'ultimo strappo mortale da fare in portage. Poca roba 100-150 m di dislivello ma a questo punto dopo 10h di gita si fanno sentire. Il sentiero si inerpica bello ripido fino a trovare finalmente un passaggio che ci permette di attraversare arditamente il torrentello Brion e dopo gli ultimi estenuanti su e giu si decide di puntare verso fondo valle. Il sentiero è di quelli antichi, ancestrali e pieni di fascino, ben ciclabile con qualche scoglio e tornantini ma se non si è bolliti completamente si fanno in scioltezza e divertimento. Un ultimissimo tratto lastricato ci scodella praticamente alla macchina.

Il giro è lunghissimo ma puo' essere accorciato a piacimento o al contrario abbinato a traversate di più giorni sulle orme del Tor des Geants.

Le foto le metto qui perchè non si caricano:
http://i.imgur.com/ANpfStmh.jpg
http://i.imgur.com/l3i9JDmh.jpg



Come arrivare al punto di partenza

Parcheggio lungo il torrente Ayasse nei pressi del Comune di Hone

Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
paiogs
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
23.05.2016
Località
Hone
Regione
Val d'Aosta
Web
Homepage
Tempo Percorrenza
12
Distanza
54.0 km
Dislivello
2800
Difficoltà tecnica
Difficile
Condizione fisica
Molto duro
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
269
Downloads
24
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors