Via del Sale: da Limone Piemonte a Ventimiglia

La traccia completa della "Via del Sale" da Limone Piemonte a Ventimiglia.
Esperienza off-road che non deve mancare alle vostre avventure di bikers.
120 km. e 3.000 di D+ da dividere in 2 o 3 giorni secondo le vostre possibilità.

Se fatto in 3 giorni consiglio queste tappe:
- Limone Piemonte/Rif. Don Barbera: 26 km. e 1.270 mt. di D+ (il chilometraggio ha partenza da Panice Sottana dove ho pernottato. Consigliatissima però la visita a Limone Piemonte);
- Rif. Don Barbera/Colle Melosa: 40 km. e 830 mt. di D+;
- Colle Melosa/Ventimiglia: 53 km. e 870 mt. di D+.

Se fatto in 2 giorni (come ho fatto io):
- Limone Piemonte/Colle Melosa: 66 km. e 2.100 mt. di D+ (circa 7 ore effettive pedalate);
- Colle Melosa/Ventimiglia: 53 km. e 870 mt. di D+ (4 ore 45 min. effettive pedalate).

Informazioni su: http://www.itinerari-mtb.it/via-del-sale-da-limone-piemonte/ da cui ho attinto per il tour (e che ringrazio ovviamente).
Leggete anche i commenti molto interessanti e utili di chi lo ha fatto.

Nota informativa: nel tratto da Colle Melosa e Ventimiglia (ultimo giorno) sulla traccia originale di Itinerari-mtb, sono citate due varianti per evitare tratti difficoltosi.
La mia traccia è già comprensiva di queste due varianti.

Per le informazioni dettagliatissime della traversata, vi riporto al link sopra indicato: non si potrebbe fare di meglio.

Mi limito per cui soltanto ad alcune considerazioni:

PRIMO GIORNO:
- Se non avete programmato di arrivare a Limone e partire da Ventimiglia col treno, ma avete chi vi appoggia in auto (come è capitato a me con il supporto della fantastica moglie "santa donna" Claudia), partite da dove veramente inizia il tour: ossia dallo Chalet "Le Marmotte" nei pressi del Forte Centrale al Colle di Tenda.
Eviterete così 13 km. e 800 mt. di D+, che sono su asfalto. Da questo punto inizia lo sterrato e le indicazioni della "Via del Sale".
- Il tratto più bello e suggestivo dell'intera traversata a parer mio è quello partendo appunto dallo Chalet "Le Marmotte" fino al Rif. Barbera: spettacolare (se vi fermate qui, potete organizzare il tour in 1 giorno o dormirci la notte)!
- Centellinate le energie fin dall'inizio. Io l'ho fatto con calma in 7 ore (effettive pedalate), ma ho trovato bikers che sono partiti alle 8 del mattino e sono arrivati a Colle Melosa alle 22 morti!!!
- E' un giro che non va assolutamente sottovalutato, se già i chilometri e il dislivello non vi mettono in allerta.
- Una volta iniziato è difficile abortirlo, si deve giocoforza arrivare a Colle Melosa (visto che magari avete anche prenotato).
- Sul versante francese il tratto più disastrato: da Passo del Tanarello fino a quasi Caserma Sanson dove si rientra in Italia. Da qui ultima sfiancante (per la mancanza di energie) salita fino al Col Bertrand, da dove inizia la discesa (molto scassata e da ripercorrere in salita il giorno dopo) fino a Colle Melosa. Anche la salita al Passo del Tanarello è molto scassata e impegnativa.
- La strada (per chi vi appoggia in auto) per arrivare a Colle Melosa da Ventimiglia, è chiusa da 1 anno e mezzo a Pigna per frana (e non si sa quando riaprirà).
Bisogna prendere l'autostrada a Ventimiglia, uscire a Arma di Taggia, Agaggio Inferiore, Molini di Triora, Colle Melosa.

SECONDO GIORNO:
- Se il primo giorno si trattava solo di pedalare su larghe strade bianche. Oggi cambia tutto: perlomeno i 10 km. dal Passo della Valletta al Rif. Muratone! Questo tratto è raccomandato a chi ha una più che buona preparazione tecnica in discesa e non ha paura di fare tratti su versanti esposti (anche molto) e in altezza.
- Da Passo Incisa girando attorno al Monte Tanarello tratto pedalabile, ma molto esposto: molta, molta attenzione e sangue freddo!!!
- Dopo discesa su sentiero escursionistico, ma mai banale con anche altri tratti esposti fino al Col du Courbeau dove inizia la prima variante alla traccia originale fino al Rif. Muratone. Io ho percorso questa variante senza particolari difficoltà.
- La lunga discesa, è su larga strada bianca, ma in cattivo stato di manutenzione, raccomandata bici molto robusta, ottimi freni e con ampie escursioni.
- Ho percorso anche la seconda variante fino a Ciaixe: raccomandata.

Cosa portarsi:

- Indispensabile avere qualche nozione meccanica in caso riparazione della bici e portarsi dietro oltre alla camera d'aria (anche se avete i tubeless) una gomma di scorta, visto le tantissime pietre (anche taglienti) che troverete;
- Gel energetici di rapida assimilazione da assumere appena arriva il decadimento muscolare e barrette per quando iniziate a sentire la fame (mai aspettare la crisi: è troppo tardi);
- Torcia da bici in caso di eventuale perdite di tempo che vi facciano arrivare a destinazione dopo il tramonto;
- Tanta, tanta acqua;
- Kit di pronto soccorso;
- Attrezzi per riparazioni (chiavi a brugola, fascette elettriche, bombolette di aria compressa, pezze per camera d'aria, ecc.);
- Falsa-maglia e smaglia-catena.
- Accendino.
- GPS stra-consigliatissimo (anche per segnalare le proprie coordinate in caso di problemi - sperando che il cellulare abbia campo);
- Macchina fotografica. Non fate foto col cellulare (solo pochissime)! Si risparmieranno così le batterie da utilizzare in caso di problemi;
- Maglia a maniche lunghe, guanti, casco sempre in testa (pena ustioni da patire il giorno dopo) e occhiali da sole.

- "Casco in testa ben allacciato, luci accese anche di giorno, e prudenza. Sempre!" (Nico Cereghini).

Voto molto personale al tour:
Primo giorno: 4 su 5 (primo tratto fino al rif. Barbera 5 su 5), zona del gruppo del Marguareis fantastica!
Secondo giorno: 3 su 5

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Puoi vedere tutti i miei video sul nuovo canale Youtube "I Sentieri di Black" che sto iniziando a costruire: https://www.youtube.com/channel/UCLJMJ9qSHQhs1YP_yVnkWhw
----- ATTENZIONE -----
Il video potrebbe non essere riprodotto su alcuni dispositivi. I video non visualizzabili da cellulare sono quelli protetti da copyright. Possono essere compresi alcuni telefoni cellulari, console per videogiochi o set-top box.
Qui alcune possibili soluzioni al problema per vedere tutti i video bloccati su dispositivi mobili:
- https://www.youtube.com/watch?v=9FseeeXEUrQ
- https://www.youtube.com/watch?v=iSqLMEU9IYo

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

CHI DECIDE DI AFFRONTARE L'ITINERARIO QUI PROPOSTO, SI ASSUME TUTTE LE RESPONSABILITA’ PER I RISCHI ED I PERICOLI A CUI PUO’ ANDARE INCONTRO E, UTILIZZANDOLO, DICHIARA DI AVER COMPRESO IL GRADO DI DIFFICOLTA’ DELLO STESSO. NON SI ASSUMONO RESPONSABILITA' DI ORDINE GIURIDICO PER EVENTUALI DANNI O INCIDENTI CHE POSSANO VERIFICARSI SUL PERCORSO.


Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

link
edit/delete

98therik

23.07.2015 23:00

ciao Black nei tratti esposti quanto è largo il sentiero ? si riesce a passare senza problemi ? anche con la bici a piedi ?
link
edit/delete

Black Devil

24.07.2015 15:28

I tratti esposti sono quelli della foto 5 (dopo il Passo Incisa). Si possono fare tranquillamente anche con bici al fianco (ovviamente la bici sul lato esposto). Solo qualche metro finale risulta da passare tenendosi alla fune da via ferrata, ma sono 3/4 metri. Altro tratto esposto, ma meno pericoloso fino a Col du Courbeau.
Per essere ancora più chiaro: al link sopra riportato di Itinerari-mtb, clicca sulle foto.
Il tratto riguarda le foto dalla 57 alla 72. Molto esaustive che danno bene l'idea del tratto esposto sotto il Monte di Pietravecchia e Toraggio sono le 65/66/67. Il tratto a corda fissa della foto 67, rispetto alla foto di qualche anno fa, risulta adesso un pò più stretto. Dalla 68 invece riguarda il tratto davanti fino al Col du Courbeau.

Sempre a disposizione per altri chiarimenti...
link
edit/delete

aviland

30.09.2015 21:55

Black Davil se tu hai scritto difficile difficilissimo vuol dire che per me è quasi impossibile!! Però che foto :-)
Mi ci dovrò applicare !!
link
edit/delete

Black Devil

01.10.2015 18:55

@aviland: con la giusta mentalità e spirito tutto è possibile. Certo l'impegno fisico richiesto è notevole e bisogna avere una preparazione adeguata. Dosare le energie fin dal primo chilometro è indispensabile. Aiutano però le continue pause per ammirare i panorami e per fare le foto.
Ti suggerisco se non te la senti di fare tutta la traversata, di fare almeno (se hai l'intenzione di farlo ovviamente) il tratto in giornata che parte dallo Chalet "Le Marmotte" (Colle di Tenda) fino al Rif. Barbera: il tratto più bello in assoluto!
Sono 18 km. (solo andata) e 700 mt. di D+ da fare in circa 3 ore con opportune soste.
Foto sul link di "Itinerari-mtb" dalla 7 alla 30.
link
edit/delete

aviland

01.10.2015 20:25

Grazie Black Davil e grazie per gli itinerari non ho una grande preparazione ma sono tenace e mi piace sfidare la natura e i suoi impervi sentieri
link
edit/delete

Deroma

26.07.2016 15:52

fatto il we del 22/24 luglio in 3 giorni
personalmente lo ritengo un percorso molto duro ma anche molto spettacolare.
la parte che mi è pesata di più è il dover portare uno zaino abbastanza pensante (5/6 kg) sulla schiena
se lo rifacessi o chiederei il trasporto bagagli (ho visto che ci sono fuoristrada che vanno e vengono) o viaggerei molto ma molto più leggero soltanto con l'indispensabile per sopravvivere (acqua, camera d'aria, pompa e barrette, k-way).
link
edit/delete

alsae

15.08.2017 22:18

Scusate sapete dove si può parcheggiare l'auto in tranquillità ?
link
edit/delete

Black Devil

16.08.2017 08:48

Se vuoi fare la traversata e ritornare a Limone Piemonte in treno non hai alternative se non vicino alla Stazione o nelle vie limitrofe.
Un grosso parcheggio si trova anche in Via Cuneo proprio ai margini della Circonvallazione che è quello più usato.
link
edit/delete

alsae

16.08.2017 17:06

Grazie black devil
link
edit/delete

Pippolone

26.08.2017 17:47

Ciao BlackDevil,
Poiché noi dovremmo arrivare a Limone all'ora di pranzo, avremmo pensato
Di arrivare fino al Don Barbera, pernottare e poi la mattina dopo, anche all'alba, partire per Ventimiglia. Secondo te è fattibile?
Grazie
Filippo
link
edit/delete

Black Devil

26.08.2017 18:10

Ciao Filippo,
dipende dalla vostra condizione fisica...
Io personalmente non lo farei per questi motivi:
- dal Barbera a Ventimiglia ti spari 92 km. e 1.700 mt. di D+ (il dislivello ci può anche stare, anche se c'è tanto su e giù che taglia le gambe, ma i km...);
- in tempo: considera che dal Barbera a Ventimiglia io ci ho messo (non guardare che l'ho fatta in 2 giorni, ma considera solo le ore passate) 11 ore complessive tra pedalato e pause (adesso sicuramente ci metterei di meno).

Inoltre, tiene sempre in considerazione i guasti meccanici (che possono sempre capitare), le condizioni fisiche e mentali (più passano km. e ore peggio è), le discese (alcune anche impegnative) che faresti tutte il secondo giorno, e l'orario di arrivo a Ventimiglia per riprendere il treno per Limone Piemonte.
Aggiungici anche il clima torrido di Agosto e la mancanza di acqua...

Così come lo vuoi fare tu, consiglio 3 giorni.

In poche parole e riassumendo, la divisione fatta del tour come da traccia (ossia in 2 giorni) è la soluzione migliore.

Nota informativa: il giorno che sono partito da Limone, c'erano dei ragazzi nel mio hotel che sono partiti alle 9,00 (io ero partito alle 6,30) e sono arrivati al Colle Melosa alle 21,00... i primi, gli altri molto dopo...
Qualcuno il giorno dopo è andato a Ventimiglia per strada.

Questo per dirti che è un tour da non prendere assolutamente sotto gamba!
link
edit/delete

Pippolone

26.08.2017 18:24

Grazie mille per il pronto feedback.
Noi non avremmo la necessità di tornare a Limone perché pensiamo di lasciare il camper a 20miglia a da lì andare a Limone in treno.
Avremmo previsto di fare l'escursione nella seconda 15ina di settembre.
Comunque grazie mille per i consigli, ci riflettiamo
link
edit/delete

Pippolone

27.08.2017 21:48

Ciao BlackDevil,
Esiste un'alternativa per evitare l'asfalto della prima salita anche facendo qualche km
In più?
link
edit/delete

Black Devil

28.08.2017 15:49

Potrebbe esserci questa alternativa, ma ho guardato solo su cartina e dovresti informarti:
si tratta della "Via Romana" che parte da Limone Piemonte, passa per Limonetto per arrivare poi al Colle di Tenda.
Tutte le salite che ho controllato sono su asfalto. Probabilmente per tenere a riposo le gambe per il tratto del primo giorno.
Voi che vi fermate al Barbera potreste "ravanare" un pò...
Guarda anche le prime foto de "I Cucuzzoli MTB" fino allo chalet "Le Marmotte" da dove poi parte la sterrata vera e propria per la Via del Sale: http://www.mtbcucuzzoli.it/files2010/2010_0703.html, oppure stampati questo PDF:
http://www.limoneturismo.it/upload/48x32_Sentieri_2016.pdf

Ciao!
link
edit/delete

jestemkogut

03.09.2017 16:32

ciao black! ti ringrazio per tutte le tracce che carichi ed in particolare per questa. vorrei chiederti:
-sono indeciso se usare la front da xc o la full da enduro, mi consigli la enduro nonostante il peso e la scarsa pedabilità o posso giocarmela con la front?
-partendo da limone, quindi facendo anche la salita su bitume, devo aggiungere 13 km e 800 di D+ ai dati che hai già scritto?
link
edit/delete

Black Devil

03.09.2017 20:08

Ciao jestemkogut e grazie a te per i complimenti ;-)

Risposta alla prima domanda:
eh, l'ideale sarebbe un all-mountain... ma tornando alla risposta; dipende dove vuoi penare un pò meno... con la xc vai alla grande in salita, ma soffri molto di più sulle discese scassate del secondo giorno (il primo giorno c'è solo lo scassatone in discesa per arrivare a Colle Melosa). Personalmente sceglierei l'enduro per divertirmi un sacco in discesa senza avere limitazioni e me la prenderei un pò più con calma in salita;

Seconda domanda:
No amico, alla mia traccia devi solo aggiungere 4,5 km. e 215 mt. di D+ (tratto Limone-Panice Sottana).
Io non ho fatto questo tratto perchè sono partito dall'Albergo Edelweiss di Panice Sottana dove ho pernottato al posto di Limone.
Per maggior chiarezza: i 13 km. e 800 mt. di dislivello sono quelli che partono da Limone Piemonte fino allo scialet Le Marmotte al Colle di Tenda, da dove inizia effettivamente lo sterrato per "La Via del Sale".

Sempre a disposizione ;-)
link
edit/delete

jestemkogut

05.09.2017 15:15

ok, grazie mille dei consigli!
link
edit/delete

halverman

05.09.2017 18:57

abbiamo appena fatto la via del sale in tre comodi giorni potete trovare le foto sul nostro sito ciclo CAI bo https://www.facebook.com/groups/262350807192547/?ref=bookmarks
concordo su tutto mi raccomando solo di portare sempre abiti pesanti e copri pioggia adeguati il tempo è sempre molto variabile, in questi giorni è imbiancato!!! , è la quarta volta volta che la faccio ma credo che per chi viene da lontano la soluzione dei tre giorni è ottima il primo tratto si fa in 4 ore fino al don barbera e il giorno dopo il più lungo di 55 km fino al rif Gouta si fa in giornata e il terzo giorno rimane il tempo anche per il bagno e un rientro a orari ragionevoli.
Infine consiglio veramente di dormire al gouta, doccie calde, gestori gentilissimi costo più che ragionevole 50 euro cena. colazione e pernotto e in più ogni 7 partecipanti posto guida a gratis, infine un'altra info l'uso dell'unico treno per il rientro è una incognita, un anno mi è capitato che due di noi non li volevono caricare perchè già pieno !! poi hai l'ansia di arrivare,!! insomma è una palla così questa volta abbiamo usato un servizio navetta di ragazzi gentilissimi che ci hanno caricato 7 bici e 7 persone e portati fino al col di tenda ( e cosi' ci siamo anche evitati l'asfalto da limone). http://beiguainsanetribu.it/ costo 250 euro !!! 36 euri a testa ciao se volte altre info a disposizione
link
edit/delete

jestemkogut

13.09.2017 19:46

via del sale conclusa! alla fine la scelta della enduro si è rilevata azzeccata viste le innumerevoli pietre sulle discese. Ho un Po patito il primo giorno, concluso in 8 ore da limone al rifugio allavena. nel secondo giorno ho trovato più salì e scendi di quello che pensavo ma portato a termine in 4 ore. esperienza fantastica. grazie dei consigli.
ps: per il treno ho dovuto accontentarmi di quello che fa cambio a Fossano dato che il diretto è sospeso per un Po di mesi. l'alternativa poteva essere il bus delle 18 ma da quello che mi Hanno detto in stazione non ci puoi caricare la bici
link
edit/delete

Black Devil

14.09.2017 15:09

@ jestemkogut
Grande!
Prego, figurati. E' un'esperienza che ricorderai a lungo e uno di quei tour da "medaglia sul petto" ;-)
link
edit/delete

Deroma

14.09.2017 17:42

d'accordissimo una delle esperienze più belle mai fatte in bici
link
edit/delete

alsae

14.09.2017 22:51

Confermo, fatto un mese fa ma ancora adesso mi riguardo le foto ed i video fatti
link
edit/delete

Pippolone

25.09.2017 21:33

prima di tutto vorrei ringraziare Black Devil per le preziose indicazioni.

Con l'amico Stefano abbiamo appena fatto nel week-end, in 2 giorni, la Via del Sale; con il massimo rispetto, abbiamo denominato il nostro giro "la Via del Sale Grosso" in quanto sia il 1° giorno che il 2°, abbiamo inserito delle varianti che lo hanno reso ancor più' bello ma anche più' faticoso, soprattutto il secondo giorno.
Siamo partiti da Limone e siccome lo avremmo potuto raggiungere soltanto nella tarda mattinata (10,30), arrivando in treno da Savona, avevamo deciso di dividere il percorso in 2 tappe:
1 giorno: Limone-Rifugio Don Barbera
2 giorno: Don Barbera-Ventimiglia

La scelta è stata per noi perfetta in quanto il primo giorno ci ha permesso di salire evitando l'asfalto (abbiamo fatto un paio di percorsi in salita che normalmente vengono fatti in discesa "enduro") ed il secondo, dal Don Barbera, abbiamo optato per il trail che seguiva tutto il crinale fino a ricongiungersi al Tanarello.
Questo tratto, molto duro, con molti tratti a spinta, è stato il più' bello della 2 giorni, sia dal punto di vista tecnico che paesaggistico.
Una volta arrivati al Gouta, sia per l'orario che per la stanchezza abbiamo optato per saltare l'antica via che riporta a Ventimiglia ed abbiamo fatto tutto asfalto (circa 30 km)...appena siamo arrivati al treno a Ventimiglia, ce ne eravamo già pentiti!

Veramente bello sia per i panorami che per i trails.

Grazie all'amico Stefano che ha organizzato e pianificato tutto al dettaglio. Grazie all'amico
Davide, che conosciuto al Don Barbera, si è unito a noi nella seconda giornata.
Grazie ai ragazzi del Don Barbera per l'ospitalità e la simpatia.

Ancora una volta ho avuto la conferma, la MTB è veramente uno sport stupendo che ci permette di conoscere dei posti meravigliosi.

Per chi fosse interessato, posso inviare le tracce per MP.

Filippo & Stefano
link
edit/delete

Black Devil

26.09.2017 14:31

Grazie a Te Filippo per l'utile contributo e un saluto anche a Stefano ;-)
link
edit/delete

roburrone666

29.11.2018 19:20

Grande Black Devil, riesci sempre a farmi trovare spunti x i nostri giri in MTB. Intorno alla metà di Maggio 2019 pensavamo, con un gruppo di amici di fare la via del sale. L' unico dilemma riguarda la neve. Sarà troppo presto o meglio aspettare Giugno?.Il rifugio Allavena che tu sappia nel mese di Maggio sarà aperto?. Mi sembra che non ci siano problemi di camere... se non ho letto male nel loro sito mi sembra molto grande. Saluti e ride it all.
Marco.
link
edit/delete

Black Devil

29.11.2018 20:39

@roburrone666
Beh Marco... son qua per questo... per proporvi tour di indubbia bellezza e stuzzicare la vostra voglia di MTB.
Maggio o Giugno... Ovviamente dipende dalla neve, come hai detto tu. Maggio sei (forse) tirato, Giugno è molto più probabile, considerando che arrivi a 2.240 mt. poco dopo il Rif. Don Barbera.
Info ATL: http://www.cuneoholiday.com/attivita-outdoor/mtb-e-cicloturismo/lalta-via-del-sale-limone-piemonte-monesi/
Il Rifugio Allavena dovrebbe essere sempre aperto: ovviamente verifica e prenota per tempo in modo da non avere sorprese: http://www.nuovorifugioallavena.it/index.html
In caso, di fronte al Rifugio c'è anche l'Albergo/Ristorante Colle Melosa: http://www.collemelosa.it/
Io ho pernottato qui: camere doppie, cena e colazione.

Se hai bisogno di altro... son qua.

Ciao!
link
edit/delete

roburrone666

18.02.2019 16:25

Ciao Black volevo sapere alcune cose riguardo ad una variante del percorso.Ho visto che alcuni bikers all' altezza del Colle del Corvo girano a dx entrando in territorio francese x poi rientrare nuovamente in territorio italiano all' altezza del Colle del Muratone. Altri seguono la Alta Via dei Monti Liguri e passano dal rifugio Muratone.Sai dirmi qlc della variante francese?
Grazie. Ride it all.
link
edit/delete

Black Devil

20.02.2019 17:52

Ciao roburrone666 e scusa il ritardo nel risponderti... Non è mia abitudine, ma sono stato un po' preso in questi giorni.
Riguardo alla variante francese che mi chiedi, ti posso dire che io non l'ho fatta e non la conosco, ma ho seguito il consiglio degli amici di Itinerari-MTB che citano:

"A questo punto la traccia originaria ritorna in territorio francese lungo le pendici del Monte Bauso su dissestato percorso caratterizzato da tronchi, pietre ed altri ostacoli con ultimo tratto su sentiero boschivo sino al Colle del Muratore per rientrare definitivamente in territorio italiano. E’ possibile evitare questo passaggio (variante caldamente consigliata) continuando a scendere lungo il versante italiano dapprima su sentiero e poi su agevole strada carrareccia fino al Colle del Muratore".

Facendo la variante suggerita da loro, che è quella riportata nella mia traccia non ho avuto problemi.

Ti rimando al loro sito a questo link: https://www.itinerari-mtb.it/via-del-sale-da-limone-piemonte/ per avere la traccia GPS fatta da loro e che passa sul versante francese se ti interessa.

Puoi anche chiedere ulteriori informazioni nella sezione "Lascia un commento" facendo riferimento a Dave7 che mi sembra ne sappia molto sui qui luoghi.

Ciao!
link
edit/delete

roburrone666

21.02.2019 18:58

Grazie Black, x la risposta, volevo sapere se hai fatto uno dei tuoi bei video riguardante la via del sale su youtube.
Saluti.
link
edit/delete

Black Devil

21.02.2019 19:18

Purtroppo no!
Nel 2015 ancora non li facevo, e le foto che avevo messo del vecchio fotoalbum sono state tolte...
Quelle che ci sono su Itinerari-MTB sono fedeli al giro qui proposto.
link
edit/delete

Roberto WolfTrails

03.05.2019 01:23

Solo un appunto all'itinerario, in questo caso hai optato nel secondo giorno per la variante AV Gouta - Margheria dei Boschi - Passo del Cane

Consiglio vivamente di percorrere invece il tracciato originale, molto comodo anche in caso di sosta al Rifugio Gola di Gouta, basta tornare indietro di 2 km circa su strada pianeggiante e svoltare a sinistra al bivio di Scarassan, quello col pratone ed il bunker saltato in aria.

Sicuramente più impegnativa sotto tutti i punti di vista ma mille volte più appagante.

Inoltre una volta giunti a Passo del Cane dopo il Monte Abellio è di nuovo molto consigliata la prosecuzione dell'itinerario originale della AV formato da un singletrack meraviglioso, il prezzo da pagare sono 15/20 minuti di salita e portage e qualche passaggio un po' ripido e scassato.

link
edit/delete

Black Devil

03.05.2019 21:52

@Roberto: io la variante l'ho messa nel cassetto in caso decidessi di rifarlo e per questo ti ringrazio.
Domanda: dopo la variante suggerita, penso si rientri in traccia al Colle dei Saviglioni, per poi riprendere l'AV (sulla Via di Cresta) fino al Passo del Cane come dici.
Mi ricollego quindi definitivamente in traccia sulla SP92 nei pressi di Cima d'Aurin (Brunetti): corretto?
link
edit/delete

Roberto WolfTrails

03.05.2019 22:03

Si il sentiero finisce "sul poggio dei Verrandi" la strada provinciale 92, che va attraversata dritti per dritti per iniziare la parte alla fin fine...più ostica...piena di tracce e sentierini, ma ne vale davvero la pena.

Tutti i single track vengono fatti anche da ragazzi con le front da xc, quindi niente di assurdo ma son da prendere con le pinze, un tratto di alta via è proprio una speciale dell'enduro di dolceacqua. https://www.youtube.com/watch?v=1ZCSPXEYyh0
link
edit/delete

ilfufino

29.07.2019 08:47

Ciao a tutti , giro fatto il 22-23-24 Luglio . Tappe : don Barbera e Gola di Gouta . Tour veramente spettacolare , consigliatissimo , anzi obbligatorio farlo almeno una volta ! E' già stato descritto ampiamente sia da Black sia nei commenti , quindi aggiungo solo che anche percorrendolo da soli non vi annoierete mai , sia per la varietà che per la bellezza dei paesaggi . Consigliato anche per una front . Unico tratto un po' difficoltoso dal passo della Valletta al passo di fonte Dragurina , si spinge ma sono 30 minuti scarsi , comunque spettacolari . Grazie a Black per la traccia . P.S. : avendo tempo a disposizione ho fatto una deviazione il terzo giorno prima di arrivare a Ventimiglia , sono passato dal borgo di Dolceacqua , merita una visita . Ciao !
link
edit/delete

roburrone666

29.07.2019 14:51

Salve, abbiamo fatto la via del sale il 22/23 giugno.
Percorso spettacolare e molto tosto specialmente il primo giorno. Da non sottovalutare il chilometraggio e dsl (siamo partiti da Limone e siamo arrivati a Colle Melosa per un totale di 73 km. e 2300 m di dsl +). Occhio al tempo, siamo rimasti chiusi al rifugio Don Barbera 2 ore e mezzo causa temporale con nebbia e grandine. La temperatura si è abbassata di colpo di oltre 10 gradi. Un gruppo di bikers, senza nulla togliere ma sembravano un po’ sprovveduti sono stati colti dal temporale e arrivati al rifugio stremati… Attenzione alle forature. Causa i sassi taglienti abbiato tagliato i copertoni svariate volte e non c’ è liquido che tenga. Portate camere d’ aria in abbondanza così come l’ acqua. I punti dove rifornirvi sono solo 4: (Rifugio le Marmotte, Rifugio Don Barbera, Locanda Colle Melosa, Rifugio Gola di Gouta). Lungo la strada ci sono dei nevai… al limite possono aiutare.
Secondo giorno bellissimo, meno impegnativo del primo ma sicuramente moooolto più tecnico. Lasciate le larghe strade militari del primo giorno, ci avventuriamo in viottoli di 1 mt. scarso con dei burroni alla nostra dx non indifferenti. Se non ve la sentite scendete dalla bici, meglio 100 m. a spinta ma raccontarlo ai nipoti che finire in fondo al burrone. Per quanto riguarda il famoso tratto a corda fissa prima del passo di Fonte Dragurina, sono veramente 20 m. Attenzione ma secondo me ci sono dei passaggi peggiori.
Grazie @blackdevil e @davide x le dritte.
Detto ciò vi auguro buon divertimento.
Se volete vedere i video della vds su youtube questi sono i link:
https://www.youtube.com/watch?v=1Tp03_gkGkg&t=419s
https://www.youtube.com/watch?v=erJEOHqM_h8&t=1061s
Ciao.
link
edit/delete

Black Devil

29.07.2019 16:34

@ilfufino (Luca) e @roburrone666
Alla fine finalmente l'avete fatto: rimarrà incancellabile nei vostri ricordi.
Complimenti e grazie a voi per avere condiviso ;-))
link
edit/delete

lunedi

14.08.2019 18:26

Ciao ragazzi, qualcuno mi sa dire il dislivello dal Don Barbera al Rif Gouta.
Volevo fare Limone/ Barbera; Barbera/Gouta; Gouta/Ventimiglia; con EBike quindi ho bisogno di ricaricare.
Cosa ne dite.
Grazie
link
edit/delete

Black Devil

14.08.2019 19:27

Ciao lunedi,
sono 49 km. e 1.100 mt. D+
Buona esperienza sulla Via del Sale.

Infos

Inserito da
Black Devil
Avatar
Tipologia
Transalp
Inserito il
17.07.2015
Località
Corso Nizza, 117, 12015 Limone Piemonte CN, Italia
Regione
Piemonte
Tempo Percorrenza
2 gg. (11 h 40 m.)
Distanza
120.0 km
Dislivello
2.986 mt.
Difficoltà tecnica
MEDIO/DIFFICILE
Condizione fisica
DIFFICILE/ISSIMO
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
1349
Downloads
250
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2019 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors