Colli della Vibrata e del Salinello (Antiorario)

Si parte dalla zona Pignotto di Controguerra, scendendo per la strada comunale che passa davanti alla Cantina De Angelis. Attraversando il fosso, si risale sull'uliveto e si prosegue in un tratto a zig zag nel vigneto fino alla zona Ravigliano. Da qui, con stradine secondarie, si arriva alla zona Bivio Corropoli. Si attraversa il ponte sul Vibrata, con un piccolo tratto in asfalto sulla SP5, verso Tortoreto. Quindi si gira a destra verso la strada di breccia di Via Sfasciaportone. Di nuovo a destra, per arrivare alla piccola discesa (Via Vomano) che fa imboccare tutta la strada pianeggiante di breccia del sentiero turistico delle Pinciaie di Sant'Omero.
Si arriva quindi alla zona Bivio S. Omero, salendo fino al centro storico. Da qui si scende (primo tratto di interessante downhill...) per la sterrata che poi risale in zona Colle Casone. Girando a destra e subito a sinistra, un'altra discesa piacevole a tutta velocità sulla strada di breccia che sbocca sul rettilineo SP8 del Salinello.
Quindi, tratto rettilineo di circa 1km fino all'incrocio con Bellante. Dopo il ponte sul Salinello, giriamo a sinistra per la salita di Colle Troia. E qui il percorso è già molto più piacevole: una lunga salita di breccia tra le querce. Non appena inizia il tratto in asfalto, lo si abbandona per fare una deviazionie con un ripido tratto in salita in un boschetto che poi sfocia in una radura pianeggiante.
Poche centinaia di metri e ci si ritrova nel tratto in asfalto che, sempre in salita, porta fino alla chiesetta di Croce del Fiore.
Qualche minuto di ristoro alla fontana per andare poi sul tratto più piacevole del percorso: la discesa tutta sterrata che, dapprima leggera e poi ripida fa arrivare alla base della lunga salita - sempre di terra - fino a Colle Montone.
Ci si trova circa a metà percorso quando si può tranquillamente dire "Ma come è stato possibile fare queste discese al contrario?" E' il secondo tratto degno dell'etichetta MTB downhill...
:-)
Si sale ancora fino ad arrivare ad attraversare un vigneto da dove si trova un panorama favoloso: vista a 360° del tratto di mare da Giulianova a Tortoreto, vista di Colonnella e del Monte Ascensione. Dall'altra parte, i Monti Gemelli ed il Gran Sasso.
Un piccolo tratto in discesa fino all'attraversamento della SP262 per imboccare la strada brecciata di fronte all'Agriturismo che porta verso Mosciano Sant'Angelo.
Scendendo dal colle ci si ritrova nuovamente sulla SP262 e, per evitare al massimo il bitume, si taglia sulla stradina dietro alla piccola frazione di Fonte Luca.
A quel punto, l'asfalto non è più evitabile ma, tutto sommato, è utile per un po' di defaticamento: si pedala in pianura per meno di 2km fino ad arrivare al bivio della SP262 con il centro di Mosciano.
Virata brusca a sinistra per il terzo tratto a tutta velocità sulla stradina, prima di breccia e poi sterrata, fino al Fosso Grande. Costeggiando il fosso, si arriva alla strada asfaltata che si attraversa subito per riprendere la strada di breccia che sale verso l'altro versante della zona Colle Cerreto.
Si scende quindi su una bella strada di breccia che, con un paio di curve a gomito, ci fa costeggiare un laghetto per ritornare sulla Contrada Fosso Grande e da lì, con un alternarsi di due salite e discese di breccia, arriviamo sulla zona Colle Alto di Sant'Omero.
Pronti per un altro tratto (il quarto del percorso) a velocità folle sulla discesa sterrata verso il fiume Salinello.
Raggiunta la pianura, se si è ancora illesi, si gira a destra sulla rotonda della SP8 per risalire, dopo pochi metri, a sinistra verso Tortoreto.
Piccolo tratto in asfalto che finisce all'imbocco con la strada brecciata in salita di Via delle Pagliarette. Terminata questa, si va diritto salendo sull'asfalto verso il paese. Dopo 800m si lascia la strada per una scorciatoia sterrata che si snoda tagliando sul versante dei colli di Tortoreto che guardano al Salinello. Terminata il taglio del colle, si gira a destra su un piccolo tratto in salita asfaltata fino al paese di Tortoreto.
Si scende quindi a sinistra, sulla SP5A, per circa 900m. Girando a destra, all'indicazione di Via Lucerna, si imbocca la strada di breccia che si lascia subito dopo, per prendere a sinistra una sterrata che passa in mezzo a vigne.
E' l'ultima discesa emozionante del percorso: a tutta velocità un alternarsi di curve su strade di terra a ridosso di due laghi, porta alla zona Vecchio Forte di Alba Adriatica.
Si gira a sinistra e, dopo circa 600m di asfalto, si svolta a destra per attraversare il ponte sul Vibrata. Una volta sboccati sulla SP259, si gira a destra e, alla rotonda della, si svolta a sinistra per salire sulla zona industriale di Santa Scolastica.
Terminata la larga strada della zona, si gira a sinistra verso Corropoli ma si lascia l'asfalto dopo 400m per girare a destra, sulla strada brecciata che porta il nome di Via C. Benso di Cavour.
Finita la strada, si prosegue diritto in mezzo al prato che porta all'altra estremità (curioso...) della stessa via. Si arriva quindi alla SP4 che, in circa 2km, ci riporta al punto di partenza.




Cartina

Inserisci questa cartina nel Forum:
Inserisci la cartina nel tuo sito:
Inserisci l'altimetria nel tuo sito:


Se l'itinerario è incompleto o presenta dei problemi segnalacelo attraverso il nostro modulo di contatto: Modulo di contatto.


Commenti

Non ci sono ancora commenti..

Infos

Inserito da
fcarletta
Avatar
Tipologia
Itinerario da A ad A
Inserito il
14.08.2014
Località
Strada Provinciale 4, 64010 Controguerra TE, Itali
Regione
Abruzzo
Tempo Percorrenza
4h 30m
Distanza
53.0 km
Dislivello
Difficoltà tecnica
medio
Condizione fisica
medio
Scarica la traccia GPS
Devi essere registrato e loggato per poter scaricare le tracce GPS.
Visite
173
Downloads
56
Giri da fare
Condividi
Valutazione degli utenti

Ricerca

Cerca negli itinerari


Vuoi rimanere informato?

Usa le nostre RSS-Feeds:
Itinerari: RSS
Commenti: RSS

Login

Per poter usare la | Itinerari (inserire itinerari, scaricare le tracce GPS), devi loggarti.

MTB-MAG.com | Itinerari 2004-2023 | Maps © Thunderforest, Data © OpenStreetMap contributors